Home / Locale / Calabria / Soverato / Soverato: architettura urbana, corsi e ricorsi storici

Soverato: architettura urbana, corsi e ricorsi storici

SOVERATO – “Corsi e ricorsi storici”: a Soverato i temi di dibattito ritornano dopo anni. E non poteva essere diversamente quando si decide di mettere mano all’arredo urbano della città. Infatti, l’idea di abbattere “Via Tubarisc” per rifarla a nuovo, da parte dell’amministrazione comunale, sta facendo tornare alla memoria di tanti soveratesi un articolo del 1996 apparso su “Jonio Star”, un mensile locale dell’epoca, redatto da un ironico e pungente Vincenzo Guarna che battezzava viale Aldo Moro in Via Tubarisc (ancora così i soveratesi identificano quella via). L’articolo in questione attualmente è ricercatissimo e molti si stanno dando da fare per rintracciarlo. E mentre Via Tubarisc torna all’attenzione si riparla delle novità stilistiche che nel corso degli anni hanno connotato l’architettura cittadina. Pensiamo per esempio alla sede locale della lega navale posta nel terreno dell’ex campeggio internazionale. Ad essa lo stesso Vincenzo Guarna ha dedicato nel 1992, anno dell’erezione del manufatto, un attento articolo dal titolo “lo stile del cacchio”. Per la cronaca così come recita il vocabolario Devoto, il cacchio è “il getto infruttifero di una pianta coltivata”. Qualcuno, ancora oggi, teme che l’originalità onde si connota lo sviluppo edilizio della città possa continuare a fare le sue prove ovunque lo spazio lo consenta. E ritorna alla mente quell’articolo del decennio scorso che di seguito riportiamo.

– ARCHITETTURA MONUMENTALE
– LO STILE DEL CACCHIO
– DI ENZO GUARNA

“Come ognun sa, il cacchio – citiamo dal dizionario della lingua italiana del Devoto/Oli – è “un getto infruttifero di una pianta coltivata”. Detto altrimenti, è un ramo che non ce l’ha fatta a divenire tale. Praticamente, un aborto botanico. E proprio al cacchio è ispirata l’ultima architettura nostrana. Essa, infatti, ha la sua soluzione stilistica più tipica e di massima espressività, nell’aggetto. Soltanto per il lettore distratto ricorderemo, – citando ancora una volta il dizionario del Devoto – che l’aggetto è “quanto aggetta, cioè sporge in fuori, dalla verticale di un muro”. Si potrebbe, in altre parole, dire che esso è un segmento di muro che si rigonfia negli spazi immediatamente anteriori. Una protuberanza costruttiva non essenziale. Quello, insomma, che potremmo, meritamente, definire un aborto edilizio. Si tratta di questo: la facciata di un edifizio oppure, dipende dalla sua esposizione la sua fiancata destra o quella sinistra, di punto in bianco, aggetta, ossia si sviluppa in fuori, escresce, protrude e, alla fine, si produce in un oggetto o parte di oggetto (solitamente quella anteriore) che corrisponde a ciò che l’edificio di appartenenza, ovvero chi lo abita o la usa, rappresentano nella comunità circostante. Andiamo per esempi. Un locomotore o, meglio, la parte anteriore di esso connota o potrà connotare, aggettando, la facciata di una stazione ferroviaria. L’avantreno di una macchina, invece, una concessionaria di automobili. La facciata di certe scuole locali a noi non ignote, potrebbe utilmente adornarsi di un colabrodo o di altra consimile utensileria. Il nuovo stile, come suole, non tarderà a passare dal pubblico al privato. Vedremo, perciò, o potremmo vedere, in futuro, la facciata dell’abitazione del mafioso, aggettarsi di un embrione di canne mozze. O quella del decisionista, di un par di palle. Per l’abitazione dell’intellettuale di sinistra, marxista convinto e irriducibile, sarà sufficiente una palla sola. Un esempio molto significativo e, a suo modo, precorritore del nuovo stile del cacchio, si ha, in Soverato, con la sede, di recente costruzione, della “Lega Navale” sita nel terreno dell’ex campeggio internazionale. La sua fiancata sinistra, quella di miglior prospettiva, audacemente aggetta verso Piazza Nettuno, la prora di una nave. Si tratta di una prora in muratura regolarmente munita sul lato anteriore destro, dalla cubia alla strada (che, in questo caso, dotata di un basamento in pietra, funge da fondo marino) di catena e asta è àncora. Tutta la prora di cui andiamo discorrendo è dipinta – in contrasto con il bianco dal muro da cui essa fuoriesce – di bleu. Sopra, a livello delle balaustrate destra e sinistra del suo cassero, due segnalatori luminosi, – uno verde, l’altro rosso – di notte si accendono e si spengono alternativamente (Enzo Guarna).

Leave a Reply