Home / Locale / Calabria / Soverato / Tanti i siti amatoriali presi d'assalto dai cittadini che navigano a ogni ora

Tanti i siti amatoriali presi d'assalto dai cittadini che navigano a ogni ora

I SOVERATESI PAZZI DI INTERNET

SOVERATO – Soveratesi pazzi di internet? Così sembra. I siti sulla città cominciano ad aumentare di giorno in giorno e così anche i servizi che offrono. Anche l’amministrazione comunale sembra intenzionata ad informatizzarsi, ma sinora siamo sempre nel campo dei progetti non ancora eseguiti. Un mese fa circa, l’assessore alla comunicazione istituzionale Giampiero Girillo aveva dato come imminente la messa in rete di un portale del Comune. Un annuncio che ancora resta lettera morta. Ed allora a compensare i ritardi ci pensano i siti amatoriali costruiti con garbo e passione da tanti “aficionados” alla rete delle reti. Se Soverato News (www.soveratonews.com), un sito amatoriale che si occupa di informazioni è ormai una realtà nel panorama della web-tecnology soveratese, altrettanto va detto per Soverato Web (www.soveratoweb.it) . Navigando fra le pagine di quest’ultimo si scopre infatti una vera e propria community di Soveratesi tutta impegnata a trascorrere il tempo a chattare o lasciare le proprie frasi su un muro virtuale discutendo dei più svariati temi. Ed è proprio il “muro” il pezzo forte del sito. Su di esso, infatti, gli utenti, di cui si conosce solo il “nick” ma per molti dei quali non è difficile individuare la vera identità, intavolano dibattiti e discussioni. I più interessanti finiscono in apposite sezioni dette “forum” dove è possibile leggere simpatiche osservazioni. Naturalmente fra i tanti argomenti trattati, non mancano quelli su Soverato. Per molti dei navigatori di SoveratoWeb lontani dalla propria terra, la cittadina jonica rappresenta la giovinezza e tanti ricordi. Spesso infatti sul “muro” appare evidente una sorta di nostalgia che trova consolazione nella possibilità di comunicare a distanza con altri soveratesi. Ma, chi sono gli utenti più assidui? Nell’ultima settimana i nick che si leggevano più spesso erano quelli di “u cantanta”, “gheddafi”, “nikita” e “smk”. Quest’ultimo forse il webmaster del sito. Dicevamo che di loro si legge solo il nick, ma si capisce bene chi si cela dietro. Manteniamo il fascino del mistero sbilanciandoci solo a dire che si tratta in genere di trentenni del basso jonio.

Fabio Guarna

Leave a Reply