Home / Locale / Calabria / Soverato / Intervista a suor Ignazia Patruno Madre Generale delle Suore Gerardine in visita a Soverato

Intervista a suor Ignazia Patruno Madre Generale delle Suore Gerardine in visita a Soverato

Suore Gerardine SOVERATO – L’ordine delle suore Gerardine è abbastanza recente. È stata riconosciuto con decreto pontificio negli anni ’80 e in esso operano diverse suore sparse per il mondo che svolgono come principale attività quella di assistere gli anziani. Anche a Soverato esiste una casa gerardina. In questi giorni è venuta a visitarla la madre generale dell’ordine, Suor Ignazia Patruno. L’abbiamo incontrata presso la casa di S.Gerardo ubicata a Soverato Superiore. Con tanta gentilezza e modestia ci ha accolto per un breve colloquio.

Come si è trovata in questi giorni a Soverato, in visita, presso le suore Gerardine che lei guida a livello mondiale?

La visita ha avuto carattere spirituale. Mi sono trovata come una sorella maggiore che va a far visita alle proprie sorelle. In linea generale posso dire tutto bene. Certo le difficoltà non mancano mai, ma nell’ambito della nostra vocazione riusciamo a superarle.

A Soverato sono presenti molte associazioni a carattere religioso e culturale. Gli amici di S.Gerardo sono particolarmente attivi nell’animare la vita spirituale e culturale della nostra città. Cosa ne pensa di questa esperienza e come intende valorizzarla?

Da anni si sente parlare e bene, dell’azione cattolica degli amici di San Gerardo. Riteniamo sia un buon esempio e modello organizzativo da portare avanti anche in altre comunità.

È noto l’impegno delle suore Gerardine nel campo dell’assistenza agli anziani e in quello della tutela dei bambini. Esse operano in questo senso anche nella nostra comunità. Quali sono le sue osservazioni al riguardo in sede locale e più in generale a livello mondiale?

Il nostro carisma principale è sempre quello dell’assistenza agli anziani. Però ci occupiamo anche di tutela dei bambini. Il rapporto che abbiamo con quelli che hanno qualche anno in più sulle spalle è testimoniato dalle dimensioni della nostra casa, che chiameremmo meglio casa-famiglia. È proprio la dimensione della nostra comunità che caratterizza la vicinanza e lo spirito di comunione con cui viviamo questa meravigliosa esperienza di vita vissuta insieme con questi ultimi. Per rendere meglio qual è la nostra missione verso gli anziani mi sembra utile partire dalle parole del nostro fondatore Don Mosè Mascolo il quale diceva: “gli anziani sono i padroni della casa”. Quindi in questa direzione e con questo spirito svolgiamo la nostra vocazione, al servizio dei nostri padroni.

Il 2005 sarà l’anno di San Gerardo in occasione del centenario della sua canonizzazione. Quali iniziativi avete in mente come suore Gerardine per ricordare questo avvenimento?

Stiamo programmando con padre Luciano Panella (il superiore del santuario di Mater Domini, n.d.r.) ed in sinergia con i padri redentoristi di portare la statua di S.Gerardo in ogni luogo dove il Santo ha operato. È un modo per ricordare quanto ha fatto e rafforzare il messaggio di fede che con la sua azione durante la vita ha promosso.

Fabio Guarna

Lascia un commento

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. +INFO

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi