Home / Locale / Calabria / Soverato / Le reazioni dei soveratesi per il rapimento di Giuliana

Le reazioni dei soveratesi per il rapimento di Giuliana

A Soverato il quotidiano “il Manifesto” arriva in genere al secondo turno della distribuzione e non ha molti lettori. Arrivano poche copie e così gli aficionados del quotidiano comunista si contano sulle dita. “Una di noi” titolava ieri “il Manifesto” facendo riferimento al rapimento avvenuto a Baghdad di Giuliana ad opera di uomini armati. Una notizia che è subito rimbalzata su tutti i quotidiani e nei commenti a volte silenziosi degli uomini di sinistra soveratesi per i quali quell’ “una di noi” voleva dire appartenere ad un modo di essere e interpretare gli eventi del mondo e nel caso di Giuliana, la propria professione, con coraggio e amore. Per Giuliana il vignettista Vauro ha pensato ad una colomba, quella della pace, che vola in alto con il compito di portare indietro la giornalista. Ed un passo pubblicato su “il Manifesto” di una lettera indirizzata a Giuliana ha colpito tanti. In esso si legge: “Dovrebbe essere un mestiere di confine e proprio per questo “uno dei pochi che valga la pena fare”, diceva uno scrittore messicano; a volte ridotto a piccola cosa, ma dipende da noi renderlo vero. Per questo tu ora sei lì, in Iraq, dove sei stata, già tante volte, un paese che ami – non in senso astratto – ma perchè ami la sua gente martoriata da troppi anni di guerre, dittatura, embarghi, terrorismo. Per questo hai voluto correre il rischio che sempre c’è a non restarsene in albergo, limitandosi a rilanciare i dispacci ufficiali, scendendo invece in strada a cercare la verità, le sue difficili ambiguità”. Che la colomba porti indietro Giuliana e che la porti indietro al più presto.

Fabio Guarna (Fonte: il Quotidiano della Calabria)

Leave a Reply