Home / Locale / Calabria / Soverato / Alberghi a Soverato. Pecci si fa intervistare dal Quotidiano

Alberghi a Soverato. Pecci si fa intervistare dal Quotidiano

QUEL MEGA ALBERGO NON SERVIRÀ RILANCIARE IL TURISMO

Soverato – Ci accoglie nella sua aurea domus, in abiti (direbbe Machiavelli “reali e curiali”) come si conviene a chi si accinge a trattare un argomento di rilievo e di solido spessore civile e culturale. Egli, Adriano Pecci, come aveva promesso non si esime dal dire il suo pensiero e a esternare il frutto delle sue riflessioni sulle improvvide determinazioni politiche che preludono al guasto irreversibile verso cui, pare, sta per avviarsi, a suo giudizio, la civiltà urbanistica di Soverato e così esordisce:
“E così quello che si temeva è fatalmente accaduto. I commissari ad acta hanno approvato in via definitiva le varianti al P.R. di Soverato e tra queste varianti pure quella che prevede la costruzione di un mega albergo sul lungomare e un’altra mezza dozzina di magnitudo media in Via Cristoforo Colombo, i due posti più caratteristici del nostro centro storico. Possiamo adesso intonare un “requiem”?

Ma lei non aveva mai nutrito la speranza d’un ripensamento dopo le molteplici, documentate e bene argomentate osservazioni dei tanti cittadini contrari a quelle varianti?

No mai. Nemmeno per un minuto, vista la determinazione, senza se e senza ma che ha animato il sindaco nel perseguimento di questo obiettivo.

Lei pensa che si sarebbe potuto fare di più per ostacolare l’attuazione di questo progetto?

Credo proprio di sì. E lo dico a malincuore. Le forze dell’opposizione potevano e possono fare ancora di più per impedire la realizzazione di questo infausto progetto. E se da soli non ci riescono chiedano l’aiuto degli uomini dei loro partiti che sono stati eletti al consiglio regionale e perché no? anche in Parlamento. Non ci sarebbe nulla di male se costoro nei limiti delle loro competenze e nel rispetto della legge evitassero alla nostra città il dolore di vedere abbruttito il lungomare di un ecomostro.

Lo crede possibile?

Perché no? Soverato è diventata la terza città della provincia di Catanzaro e i suoi abitanti contribuiscono in modo determinante all’elezione di deputati, senatori, consiglieri regionali della nostra circoscrizione. Non le pare normale che rappresentanti della città nelle varie istituzioni si interessino dei nostri problemi?

Lei pensa che finora non l’abbiano fatto?

Giudicheranno gli elettori. A me pare che finora si è parlato solo dei massimi sistemi. Si organizzano congressi, seminari e quant’altro, dove si parla di tutto, persino di protezione dell’ambiente e salvaguardia del paesaggio. Ma del fatto che a Soverato si vuol permettere la costruzione d’un albergo sul lungomare nemmeno una parola.

Ma lo sviluppo turistico?

Quale sviluppo turistico? Le pare che un mega albergo a ridosso di Via S.Giovanni Bosco, la via più trafficata del centro storico contribuirà allo sviluppo turistico. Ma no. Contribuirà solo a sviluppare il caos e a rendere la vita impossibile a centinaia di contribuenti.

Alcuni dicono che la cosa riguarda appunto solo gli abitanti di quel quartiere?

Questa è davvero una interpretazione riduttiva e, se permette, un po’ meschina del problema. Un albergo sul lungomare sarebbe uno sfregio permanente per tutta la città. E se al suo posto venisse realizzata un’area di verde attrezzato a goderne sarebbe tutta la collettività. La verità come diceva il vecchio Catone è che mentre Sagunto brucia noi continuiamo a parlare d’altro.

Fabio Guarna (Fonte: il Quotidiano della Calabria)

Leave a Reply