Home / Locale / Calabria / Satriano / Satriano: Francesco Battaglia (Ciccillo) si dimette e parte il totosindaco

Satriano: Francesco Battaglia (Ciccillo) si dimette e parte il totosindaco

Satriano – Le dimissioni di Francesco Battaglia, da consigliere comunale hanno prodotto un interessante e vivace dibattito nella cittadina delle pre-serre sul futuro politico di Satriano e sulle intese che si vanno profilando per le amministrative del 2007. Ancor più se si pensa che alla base della decisione resa nota da Ciccillo (così molti conoscono l’esponente politico a Satriano), eletto nella lista vincitrice delle elezioni “Casa Comune per Satriano” c’è la motivazione che il centrodestra, attuale forza di governo ha fallito nel suo programma e progetto di sviluppo. Gli interrogativi più ricorrenti sono: chi sarà il prossimo sindaco di Satriano? Che composizione avranno le liste pronte a sfidarsi per il rinnovo del civico consesso? Cerchiamo di rispondere per ordine, avendo come riferimento boatos e dichiarazioni che in questo periodo sono all’attenzione della politica satrianese. Sul toto-sindaco mettiamo subito da parte il nominativo dell’attuale sindaco in carica Domenico Battaglia che riveste la carica di primo cittadino da quasi dieci anni (un vero e proprio record per i satrianesi abituati a cambiare sindaci con una certa frequenza) e a cui la legge in vigore non consente di esercitare le funzioni di sindaco dopo due mandati consecutivi. Spuntano allora i primi nomi. Cominciamo con quello di Michele Drosi, attuale segretario della quercia satrianese. L’esponente diessino sinora è stato fra i pochi di cui si parla come possibili candidati a dichiarare agli organi di stampa (telejonio) la sua disponibilità a scendere in campo. Ma non farebbe meraviglia che alla disponibilità resa pubblica da Drosi, si aggiunga quella di altri uomini politici. Quali? Ad esempio Francesco Matozzo, presidente del consorzio di bonifica, satrianese doc e con al suo attivo un grosso impegno in qualità di dirigente dello Sdi. Ma non è finita qui. Si parla anche di una candidatura a primo cittadino per la Margherita di Vincenzo Sinopoli, già sindaco del centro jonico negli anni ’70 e riapparso sulla scena politica attiva durante le ultime amministrative del 2002 quando sembrava che il posto di sfidante del sindaco in carica toccasse a lui. Fu invece Pino Basile, attuale consigliere di minoranza, a rappresentare senza successo l’alternativa a Domenico Battaglia. Se Drosi, Matozzo e Sinopoli sono i nomi che circolano maggiormente, non vanno sottaciuti quelli che potremmo definire fuoco sotto cenere. Che dire di Tonino Maduri, l’ex vicepresidente della provincia durante la giunta Martino, in forza alla Democrazia cristiana e sindaco di Satriano degli anni ’90? E che dire ancora di Luciano Battaglia, assessore del Nuovo Psi attualmente in carica? Nomi tanti nomi a cui se ne aggiunge un altro: Emilio Masucci. Il giovane avvocato del foro di Catanzaro conferma senza indugi: “sto lavorando da diverso tempo per la costruzione di una lista da mettere in campo alle prossime amministrative”. Tanti, tanti, proprio tanti nomi. Saranno, – e rispondiamo così anche alla seconda domanda -, altrettanto numerose le liste?

Fabio Guarna

Leave a Reply