Home / Locale / Calabria / Soverato / Soverato: il Mancini bis si presenta alla città

Soverato: il Mancini bis si presenta alla città

Nel primo consiglio comunale il sindaco ha ufficializzato la sua giunta
Soverato: il Mancini bis si presenta alla città
Giancarlo Tiani eletto presidente dell’assemblea civica

SOVERATO – Pubblico delle grandi occasioni per il primo consiglio comunale del quinquennio 2006-2011. I nuovi consiglieri si sono presentati innanzi ad un’affollata assemblea dove fra gli altri si poteva notare il sindaco di Montepaone Massimo Rattà e di Montauro Rosanna Squillacioti, l’ex assessore all’immagine di Soverato Fausto Taverniti, l’ex senatore Francesco Bevilacqua e Maurizio Conforto, vicesindaco di Gasperina. Una seduta in cui si è persa, secondo la minoranza, una grande occasione di far cadere il muro contro muro della campagna elettorale fra le due coalizioni per il mancato coinvolgimento dei consiglieri di opposizione nel dibattito per la designazione del presidente del civico consesso. Quanto alla cronaca dei lavori, v’è da dire che, dopo il suono dell’inno nazionale, si è passati fra gli applausi, alla convalida (voto unanime) dei consiglieri eletti e al giuramento del sindaco. Quindi la minoranza ha chiesto delucidazioni sulle ragioni per cui sono state disattese le indicazioni dello Statuto comunale che prevede per il primo consiglio comunale un ordine di trattazione dei punti all’ordine del giorno diverso da quello in corso. In particolare Claudio Rombolà ha voluto sapere perché l’elezione del Presidente del consiglio era stata inserita in coda all’odg piuttosto che in testa (n. 2 per l’esattezza). Il primo cittadino con fair-play ha manifestato al consiglio la volontà di dar seguito alle osservazioni di Rombolà. Intendimento che ha prodotto una votazione per l’inversione dell’ordine di discussione dei punti passata all’unanimità. Si è proceduto dunque, all’elezione del Presidente del civico consesso attraverso scrutinio segreto ed è risultato eletto con 14 voti Giancarlo Tiani contro i 7 di Francesco Severino. Una votazione per la quale non sono mancate le polemiche sollevate dai consiglieri eletti nella lista di centrosinistra progetto per Soverato, i quali per bocca di Claudio Rombolà, hanno espresso forti riserve sul fatto che della designazione del presidente del consiglio comunale, figura istituzionale rappresentativa di tutto il civico consesso, la maggioranza non ha pensato di coinvolgere la minoranza. Giancarlo Tiani, terzo presidente del consiglio comunale di Soverato è stato accolto da un forte applauso e pur dichiarandosi rammaricato di non aver ricevuto i voti della minoranza ha manifestato la volontà di svolgere il suo ruolo in rappresentanza di tutti in consiglieri e non solo di una parte. Citando la presenza di giovani e donne all’interno dell’assemblea come aspetto che fa ben sperare per le per le future attività del consiglio, Tiani ha concluso ricordando il compianto Bruno Manti, primo presidente del civico consesso soveratese al quale si è augurato possa presto essere intitolata la sala consiliare. Tiani ha ricordato anche il lavoro di Vincenzo Cilurzo, presente fra il pubblico che gli ha lasciato, per così dire, la staffetta di presidente. Dopo le parole di Tiani, Mancini ha presentato la squadra degli assessori illustrandone le deleghe. Si tratta di Pietro Matacera, (vicesindaco), Renato Barone, Giuseppe Froio, Antonio Matozzo, Sonia Munizzi, Teo Sinopoli ed Enzo Arcidiacono. L’assise comunale ha quindi proceduto alla elezione dei componenti delle commissioni elettorali che ha sancito la nomina di Sica e Gioviale per la maggioranza e Merenda per la minoranza; componenti supplenti: Rattà e Scutieri (maggioranza), Severino (minoranza). Presentati al consiglio anche i gruppi consiliari con i rispettivi capigruppo. Sono per Forza Italia, Scutieri (capogruppo), Matozzo, Froio e Munizzi, per l’Udc Riccio (cap.), Matacera, Sinopoli e Gioviale, per An, Rattà (cap.) e Barone; per la minoranza che attraverso Rombolà ha chiesto chiarimenti in merito alla normativa per cui il punto in questione veniva trattato durante il primo consiglio, ci sarà un solo gruppo denominato centrosinistra progetto per Soverato composto da Rombolà (Capogruppo), Gianni Calabretta, Fazzari, Severino, Gagliardi, Giorla e Merenda. Al termine il sindaco Mancini ha presentato al civico consesso le linee programmatiche relative alle azioni e ai progetti da realizzare nel corso del mandato 2006-2011. Fra gli interventi della minoranza c’è da segnalare quello di Gianni Calabretta che dopo avere fatto pubblicamente gli auguri per la vittoria al primo cittadino si è detto dispiaciuto per la vicenda dell’elezione del presidente del consiglio comunale, sperando per il futuro che il dialogo con la maggioranza possa far considerare questo episodio come un incidente da dimenticare.

Fabio Guarna (Il Quotidiano della Calabria)

Leave a Reply