Home / Locale / Calabria / Soverato / Consiglio comunale a Soverato per discutere di Sanità

Consiglio comunale a Soverato per discutere di Sanità

L’atto “desta perplessità”. Si chiede tempo per rivederlo L’amministrazione boccia la proposta dell’As 7 sull’ospedale Durante il consiglio comunale riunitosi per discutere di piano sanitario, si è registrato un articolato dibattito avente ad oggetto la proposta aziendale che verrà sottoposta oggi, all’esame della conferenza dei sindaci, convocata dal direttore generale dell’Asl 7. Un atto riguardante la riorganizzazione dei nosocomi di Soverato e Chiaravalle che, a dire di diversi consiglieri, sia di maggioranza che di minoranza, avrebbe meritato una più attenta analisi da parte dei rappresentanti delle unità ricadenti nel distretto sanitario in cui operano i nosocomi di Soverato e Chiaravalle. Per queste e altre ragioni il consigliere, Gianni Calabretta, dai banchi della minoranza, ha chiesto al consiglio di pretendere di ascoltare e di essere ascoltati dai vertici aziendali su quanto in itinere. Il sindaco Raffaele Mancini ha stigmatizzato la scelta di convocare il comitato dei sindaci (organismo ristretto), per oggi, dal momento che in precedenza si era provveduto a convocare la confrerenza dei sindaci (organismo più largo che conta i rappresentanti dei 54 comuni dello Jonio). Quanto detto da Mancini è stato condiviso dalla minoranza. Il leit motiv della discussione, ad ogni modo, è stato l’intervento dell’assessore Renato Barone, il quale con passione e a chiare lettere, ha fatto notate che il suo auspicio è quello che ogni cosa che si fa, sia finalizzata esclusivamente a garantire e servire l’utenza, i cittadini. Durante la discussione si è parlato anche di compatibilità dell’atto aziedale di riorganizzazione dei nosocomi di Soverato e Chiaravalle, al piano sanitario regionale. Una questione che a giudizio di Gagliardi, non dovrebbe preoccupare piu di tanto il consiglio, che invece dovrebbe concretamente valutare se l’atto aziendale in discussione, tutela efficacemente la salute dei cittadini. Francesco Severino, consigliere dei Ds, ha proposto di mettere a conoscenza delle posizioni del consiglio comunale anche l’asessorato regionale alla sanità. A conclusione della seduta, è stata approvata a maggioranza una mozione che recita quanto segue: “Preso atto della discussione consiliare avente ad oggetto valutazione atto aziendale As 7; preso atto che il Comune di Soverato ha ricevuto l’atto aziendale in data 7 agosto; considerato che molti consiglieri non hanno potuto esaminare esaustivamente il corposo documento; visto comunque che l’atto aziendale desta perplessità e, soprattutto, sembra depotenziare l’ospedale e il distretto di Soverato; considerato che il Comune di Soverato non è stato convocato dal Comitato (di rappresentanza) dei sindaci, né è stata convocata all’uopo alcuna conferenza dei sindaci; ritenuto di dissentire sostanzialmente sul metodo adottato che ha escluso di fatto l’organo rappresentativo del Comune di Soverato e verosimilmente di altri Comuni dell’ambito territoriale dell’azienda, invita il sindaco di Catanzaro, in qualità di presidente del Comitato di rappresentanza dei sindaci, a differire il parere del Comitato a dopo la consultazione con il Comune di Soverato e quanti altri Comuni lo richiederanno, nonché di trasmettere il suddetto atto ai Comuni del territorio dell’As 7, al direttore generale, all’assessore regionale alla Sanità, al presidente del Comitato di rappresentanza dei sindaci”. La minoranza non ha votato a favore della mozione, in quanto nella stessa, a giudizio dei consiglieri d’opposizione, è stata espresso un giudizio di merito sull’atto aziendale, riconducibile alle espressioni “sembra depotenziare l’ospedale e il diseretto di Soverato”. Giudizio che, allo stato delle conoscenze, secondo la minoranza è impossibile esprimere.Fra il pubblico era presente anche qualche sindacalista. Pino Santoro della Cgil, al termine del civico consesso, ha dichiarato ai giornalisti che nei prossimi giorni il sindacato proporrà alcune mofifiche all’atto aziendale, ai fini del miglioramento dei servizi all’utenza. Fabio Guarna (Il Quotidiano)

Leave a Reply