Home / Latino / In Catilinam / Traduzione libera in italiano dal latino – Cicerone – in Catilinam I, 18

Traduzione libera in italiano dal latino – Cicerone – in Catilinam I, 18

TESTO LATINO

Servi mehercule mei si me isto pacto metuerent, ut te metuunt omnes cives tui, domum meam relinquendam putarem; tu tibi urbem non arbitraris? et, si me meis civibus iniuria suspectum tam graviter atque offensum viderem, carere me aspectu civium quam infestis omnium oculis conspici mallem; tu cum conscientia scelrum tuorum agnoscas odium omnium iustum et iam diu tibi debitum, dubitas, quorum mentes sensusque volneras, eorum aspectum praesentiamque vitare? Si te parentes timerent atque odissent tui neque eos ulla ratione placare posses, ut opinor, ab eorum oculis aliquo concederes. Nunc te patria, quae communis est parens omnium nostrum, odit ac metuit et iam diu nihil te iudicat nisi de parricidio suo cogitare; huius tu neque auctoritatem verebere nec iudicium sequere nec vim pertimesces?

TRADUZIONE LIBERA IN ITALIANOElla (meglio di essa: è la patria), Catilina, si presenta innanzi a te e in maniera tacita, ti dichiara: “ormai da anni non c’è crimine che non sia stato commesso se non attraverso te, non c’è scandalo senza di te; per te solamente la strage di molti cittadini, per te furti e angherie a danno degli alleati sono stati atti liberi e senza punizione; tu sei stato non solo capace di contravvenire alle leggi e alla giustizia, ma nientemeno che sovvertirle ed annientarle. Sono cose del passato; sebbene non fossero sopportabili, nondimeno come ho potuto, le ho sopportate; adesso, però, che io sia sconvolta del tutto solo a causa tua, che si tema Catilina al minimo rumore, che si abbia la sensazione che qualsiasi congiura contro di me non sia estranea dalla tua mente delinquente, orbene non ho intenzione di sopportarlo. Perciò vai via e rendimi libera da questa paura; perché non ne sia oppressa se è vera, o, se è falsa, cessi di temere?

Leave a Reply