Home / Locale / Calabria / Soverato / Soverato, revisori dei conti: consiglio comunale convocato in via urgente per il 12 marzo

Soverato, revisori dei conti: consiglio comunale convocato in via urgente per il 12 marzo

SOVERATO – Il consiglio comunale di Soverato è stato convocato dal presidente del civico consesso Giancarlo Tiani, in via urgente e straordinaria per giorno 12 marzo 2007 in prima convocazione alle ore 15,30 ed in mancanza di numero legale in seconda convocazione per giorno 19 marzo 2007 alle ore 15,30 per trattare il seguente ordine del giorno: Circolare del Ministero dell’Interno F.L. 05/2007 – ad oggetto: “Legge 27 dicembre 2006, n.296 (legge finanziaria 2007). Disposizioni di interesse per gli Enti Locali” – Determinazioni conseguenziali – Ritiro atto deliberativo consiliare n.7, del 28.02.2007. “Si tratta – spiega il Presidente  di un atto urgente che riguarda l’organo di revisione contabile dell’ente. Infatti – prosegue Tiani –  il recente
atto deliberativo del consiglio comunale che stabiliva per la città di Soverato di affidare l’incarico ad un organo monocratico facendo di fatto decadere dalle funzioni il vecchio collegio dei revisori dei conti eletto prima della finanziaria, deve necessariamente tenere conto delle ultime disposizioni diramate dal Viminale che riguardano gli enti locali”. In sostanza, per Tiani, nei Comuni con popolazione  inferiore ai 15.000 abitanti il collegio dei revisori eletto prima della finanziaria resta in vita  sino alla naturale scadenza del suo mandato. È il caso del Comune di Soverato che rientra nei comuni con popolazione inferiore ai 15.000 abitanti. La circolare in questione per quanto riguarda la tema che sarà discusso in consiglio comunale recita: “il comma 732 introduce una modifica all’art. 234 del TUEL, prevedendo che l’organo di revisione abbia una composizione collegiale solo per i comuni con popolazione pari o superiore a 15.000 abitanti (il limite precedente era fissato a 5.000 abitanti). Per i comuni  interessati alla modifica (quelli con popolazione compresa tra 5000 e 14999) la disposizione trova applicazione alla naturale scadenza dell’incarico attualmente affidato all’organo  collegiale: in tale occasione il consiglio comunale provvederà al rinnovo dell’organo nominando un solo revisore”.

Lascia un commento