Home / Locale / Calabria / Soverato / Cartello Calabria, è il nome del movimento politico promosso da Raffaele Mancini

Cartello Calabria, è il nome del movimento politico promosso da Raffaele Mancini

Sta per nascere un nuovo movimento politico. O forse è già nato per volontà del Sindaco di Soverato, Raffaele Mancini, il quale ha preso carta e penna (forse sarebbe meglio dire tastiera e video) e ha diramato un comunicato stampa in cui lancia una interessante iniziativa politica. Si chiama “Cartello Calabria”. Ecco quanto si legge nella nota diramata dal primo cittadino Soveratese:

COMUNICATO STAMPA

È tempo di preoccuparsi più delle scelte politiche in favore del territorio che di quelle dell’appartenenza a favore di uno schieramento politico piuttosto che di un altro. In Italia si realizza l’alta velocità, mentre nella costa Jonica non si accenna all’elettrificazione della ferrovia. Catanzaro viene derubata prima dell’ospedale militare e poi della scuola di magistratura, senza che nulla abbiano opposto od ottenuto le deputazione calabresi di maggioranza. Lamezia Terme è da anni in cerca di autore per trovare giusta collocazione alla sua valenza strategica territoriale. Quindi è tempo di pensare a noi stessi e non certo per egoismo, in quanto non dobbiamo difendere alcuna posizione di rendita. Siamo gli ultimi del sistema Italia, forse siamo anche fuori dallo stesso. Oggi se si vuole cambiare qualcosa bisogna mettersi in gioco, appartenere solo ad un processo di sviluppo del proprio territorio, allontanarsi da schieramenti preconfezionati, che non porteranno, così come non hanno portato, alcun beneficio alla nostra gente. Pur con diverse ideologie, per una volta, progettiamo insieme lo sviluppo del nostro territorio per contare di più, per essere più liberi, per essere più credibili. Per tali motivi ho deciso di promuovere un movimento politico provinciale, che può andare dal patto istituzionale alla traduzione di fermenti innovativi, quasi rivoluzionari, che partono dal nostro territorio, dalla nostra gente che non arriva a fine mese, dalle nostre famiglie con i figli emigrati.
Uno scatto culturale che interpreti meglio i nostri bisogni è oramai indispensabile, ed è necessario che si misuri alle prossime elezioni provinciali per dare alla nostra terra il tributo d’amore che essa merita e la speranza di non restare indefinitamente l’ultimo lembo di Italia e di Europa. Che il 2008 sia “anno di svolta”.

Raffaele Mancini
fondatore “Cartello Calabria”

Lascia un commento