Home / Notizie / Oroscopo 2009 sarà come quello del 2008. Il Cicap fa le pulci alle previsioni

Oroscopo 2009 sarà come quello del 2008. Il Cicap fa le pulci alle previsioni

Con l’arrivo del 2009 molti si affannano a scoprire cosa riserva per loro il destino, leggendo oroscopi e cercando di conoscere il futuro. Ma come sono andate le previsioni dello scorso anno 2008?  Il CICAP (Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sul Paranormale) “ha raccolto e verificato –  si legge in un comunicato – le previsioni relative all’anno appena trascorso, fatte dai più noti astrologi e veggenti italiani”. Si tratta di verifiche di fine anno che spiega Massimo Polidoro psicologo e scrittore, segretario del Comitato. “è dal 1989, anno della sua fondazione, che il CICAP compie. “Di solito, le previsioni fatte all’inizio dell’anno sono rapidamente dimenticate, e le capacità degli astrologi – prosegue –  non sono mai messe seriamente alla prova”. Cosicchè grazie al lavoro di un gruppo di volontari che raccolgono ad inizio anno un numero sempre maggiori di previsioni si scopre a fine anno che queste sono tutte sbagliate. Per fare un esempio c’è chi aveva previsto per il 2008 Hillary Clinton, presidente degli Stati Uniti o che l’Italia sarebbe arrivata in finale agli Europei di calcio etc. “L’inchiesta, pur non essendo un vero e proprio studio  scientifico, conferma il punto di vista della scienza: né l’astrologia  né le altre pratiche divinatorie aiutano a prevedere il futuro”  afferma Stefano Bagnasco, fisico dell’Istituto Nazionale di Fisica  Nucleare e coordinatore del Gruppo di Studio sull’Astrologia del  CICAP. “In particolare, negli anni – conclude – sono stati fatti diversi studi  scientifici rigorosi dell’astrologia; abbiamo raccolto alcuni dei  risultati in un sito web ( http://www.cicap.org/new/articolo.php?id=273741 ) e il verdetto è inequivocabile: i consigli degli astrologi per il  futuro non sono più utili di quelli dettati dal semplice buon senso di  una persona informata, e possono anzi essere peggiori”.

Lascia un commento