Home / Cinema / Il curioso caso di Benjamin Button

Il curioso caso di Benjamin Button

Il film in uscita nelle sale italiane a partire dal 13 febbraio, diretto da David Fincher, trae ispirazione da un breve racconto di Francis Scott Fitzgerald del 1922.

Si narra la storia di Benjamin Button, interpretato da Brad Pitt, che nasce vecchio, ovvero con l’aspetto di un ottantenne e ringiovanisce man mano che passano gli anni, una specie di percorso a ritroso come se la nascita e la morte fossero state per sbaglio collocate l’una al posto dell’altra.

La storia prende corpo con l’amore tra Benjamin e Daisy che è destinato a una triste fine perchè lui continuerà a ringiovanire mentre lei seguirà il regolare corso della vita fino alla vecchiaia. Singolare che i due amanti si incontrino a metà strada del loro cammino essendosi probabilmente amati sin dall’infanzia per una sorta di affinità intellettuale ma pronti a concedersi in un’età più e meno matura.

Candidato a 13 oscar il film si annuncia come uno dei più attesi dell’anno forse anche per la lunga gestazione che ha visto succedersi dal lontano 1994 case cinematogrofiche e registi fino all’accordo tra la Warner Bros e la Paramount con la sceneggiatura affidata a Eric Roth e la regia a David Fincher. Gli attori protagonisti, Brad Pitt e Cate Blanchett, sono magistrali nella loro interpretazione , ciò che maggiormente colpisce è il pathos espresso attraverso il timbro della loro voce, ecco perchè forse vale la pena vedere il film in lingua originale, e l’espressività dei loro volti segnati dall’inesorabile scorrere del tempo.

Il film prende spunto dal racconto di Fitzgerald, ma acquista vita propria e reinventa le vite dei suoi personaggi ponendo la data di nascita del protagonista alla fine della grande guerra posticipando la storia di quasi 60 anni. Anche i destini quindi mutano e lo sfondo sul quale si intrecciano le vicende è ben lontano dall’ottocentesco dipinto dello scrittore.

Sulle dolci e melanconiche musiche di Alexandre Desplat si delinea la fotografia di Claudio Miranda che consiglio di visionare sul sito ufficiale di Benjamin Button.

Lascia un commento