Home / Locale / Calabria / Satriano / Satriano, acqua della rete idrica cittadina non potabile

Satriano, acqua della rete idrica cittadina non potabile

SATRIANO – Il sindaco di Satriano Michele Drosi ha emanato un provvedimento che porta la data del 21 luglio 2009 in cui ordina che “è fatto assoluto divieto di utilizzare l’acqua della rete idrica comunale del centro storico per uso potabile e alimentare. La stessa acqua potrà essere utilizzata per tutti gli altri usi”. L’ordinanza affissa nei luoghi pubblici e presso le fontane pubbliche sta generando qualche agitazione fra la popolazione. Si tratta di un atto che il primo cittadino ha dovuto emanare sulla base di una comunicazione ricevuta dall’Unità Operativa Igiene Alimenti e Nutrizione, sede di Soverato,  dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro. Nella nota l’unità operativa dopo avere premesso “che in data 14.07 sono stati prelevati campioni di acqua destinata al consumo umano, presso F.P. Esterna Cimitero, F.P. largo Galateria, F.P. piazza Monumento; F.P. Largo Palazzo del Comune di Satriano e che in data 20.07, il laboratorio Arpacal Settore Medico di Catanzaro, ha comunicato alla stessa Unità operativa l’esito sfavorevole (presenza di coli) delle analisi sui campioni di cui sopra”, ha proposto al sindaco “ a tutela della salute pubblica” di provvedere immediatamente a sospendere l’utilizzo dell’acqua per scopi potabili relativamente a tutta la rete comunale dalla quale attinge il punto di campionamento sopra indicato”. Inoltre nella comunicazione l’Unità d’Igiene ha proposto al primo cittadino “al fine di individuare le cause che hanno determinato la non potabilità dell’acqua, di avviare tutte le indagini necessarie per il caso in questione e, a conclusione delle stesse indagini, di darne comunicazione” alla stessa Unità Operativa, al fine di effettuare ulteriori controlli. Si tratta di una questione – spiegano dal Comune – che ad inizio di stagione era stata affrontata tanto “che in data 05.06.2009, in applicazione di cui al D.Lgs 31/2001, l’amministrazione aveva già proceduto all’effettuazione di prelievi di campioni d’acqua dalla rete idrica comunale e dal rapporto trasmesso dalla ditta incaricata, è emersa la potabilità dell’acqua”. Investito dunque della questione, il sindaco di Satriano ha manifestato una certa tranquillità anche perché gli risulta “che sono in atto le misure di clorazione per eliminare l’eventuale inquinamento dell’acqua”.  Quindi il primo cittadino, dopo avere segnalato all’Unità di Igiene di avere provveduto all’emanazione dell’ordinanza sindacale rendendo noto il rapporto trasmesso dalla ditta incaricata, ha chiesto alla stessa Unità Operativa di Igiene “con cortese, sollecitudine, la ripetizione a breve delle analisi con preghiera di voler notiziare gli uffici comunali dell’ora e della data di effettuazione delle operazioni di prelievo dei campioni di acqua, affinché personale di questo ente possa presenziare attivamente alle stesse” .

f.g.

Leave a Reply