Home / Locale / Calabria / Soverato / Soverato, "Coraggio donna…in Calabria e nel mondo"

Soverato, "Coraggio donna…in Calabria e nel mondo"

SOVERATO – Si terrà sabato 13 marzo alle ore 17:30 presso il Salone dell’Istituto “Maria Ausiliatrice” di Soverato una manifestazione una manifestazione culturale che ha come titolo: “Coraggio di DONNA … in Calabria e nel mondo!” . “La manifestazione, – si apprende da un comunicato dei promotori – organizzata dall’Unione Ex-Allieve dell’Istituto, dal CGS “Il Faro” e dal CIOFS/FP Calabria, verrà realizzata col patrocinio del CSV di Catanzaro. Dopo il saluto della Direttrice dell’Istituto, Sr. Rachele Torchia e dell’avv. Caterina Salerno, presidente del Centro Servizi al Volontariato, interverranno con le loro testimonianze: Maddalena Romolotti, educatrice della Casa Famiglia “L’Arca”, Claudio Falbo, volontario  “Walking Together” che riporterà la sua testimonianza presso il “Meeting Point International”, Carla Bonifati, presidente CDO, che presenterà una mostra, intitolata a Vicky, straordinario esempio di donna e madre coraggiosa, alla quale AVSI ha dedicato la nuova Campagna delle Tende, il consueto evento itinerante dell’ong italiana per sensibilizzare l’opinione pubblica su temi sociali.Con l’inaugurazione della mostra, che resterà aperta anche la domenica, il lunedì ed il martedì successivi, dalle 10:00 alle 12:00 (o anche in altri orari, previa prenotazione), verrà lanciata anche un’iniziativa di solidarietà. Il giornalista Pietro Melia farà da moderatore a questa manifestazione, in cui verranno mostrati momenti significativi del video-testimonianza “Greater. Defeating AIDS”, scritto, diretto e prodotto da Emmanuel Exitu, premiato come documentario a Cannes nel 2009 e scelto da Spike Lee come miglior documentario al Babelgum Online Film Festival, tra le tre opere finaliste su oltre 60 documentari provenienti da tutti il mondo. Il cortometraggio racconta in uno stile innovativo la vita del Meeting Point International, un rivoluzionario progetto di lotta all’AIDS inventato da Rose Busingye, una semplice infermiera negli slum di Kampala in Uganda. Un evento, insomma,  dedicato alla donna in quanto madre dell’umanità, alla sua dignità, al suo impegno per il miglioramento della società in cui vive, attraverso concreti esempi di sviluppo, resi possibili grazie ad uno sguardo capace di accogliere e proteggere. Incoraggiare gli sforzi di queste donne significa promuovere la dignità delle persone più fragili  sostenendole nel loro cammino.L’iniziativa di solidarietà, con la proposta di acquistare una collana realizzata dalle donne del “Meeting Point International” sarà a vantaggio di altre donne che, in giro per il mondo, hanno bisogno di una mano per affrontare con coraggio il quotidiano”.

Leave a Reply