Home / Locale / Calabria / Satriano / Satriano, elezioni regionali 2010: l'analisi di Alessandro Catalano

Satriano, elezioni regionali 2010: l'analisi di Alessandro Catalano

A Satriano si sta analizzando il voto. La prima considerazione su un quotidiano locale arriva da Alessandro Catalano, assessore comunale in forza al Pd che ha rilasciato un’intervista a Fabio Guarna qualche giorno fa pubblicata su “Il Quotidiano della Calabria”. Catalano che è fra i papabili alla carica di vicesindaco rimasta scoperta da più di un anno dopo le dimissioni di Antoni Maduri valutando l’esito del voto a Satriano ha dichiarato che  “Va fatta una riflessione attenta. Intanto in linea generale – ha detto Catalano – il voto a Satriano ha rispecchiato l’andamento nazionale. Se poi ci si sofferma più dettagliatamente sul risultato mi sento di esprimere una considerazione che non è del tutto positiva. A Satriano il PD l’unico partito organizzato, attivo, con tanti militanti e iscritti si attesta al secondo posto con 277 voti. Questo risultato è stato determinato dalle scelte, per niente politiche, ma del tutto personali e oserei dire anche non chiare e trasparenti di quei militanti e dirigenti PD che hanno deciso di votare e far votare candidati e liste addirittura collegate a Scopelliti. Questo ha determinato, e i numeri parlano chiaro, una calo vertiginoso dei consensi storici del PD. Questi amici e compagni dovrebbero fare una riflessione e capire la gravità di questo atteggiamento”. Per quanto riguarda l’assetto organico della Giunta e l’influenza su di esso dell’esito delle urne, Catalan è stato molto lapidario sostenendo che “la giunta è un fatto a sè”, anche se ha chiarito che “personalmente pensa che il sindaco debba tenere conto, negli assetti futuri, di chi ha fatto una campagna elettorale di fedeltà al Partito”. Se cambierà qualcosa nella politica satrianese dopo le elezioni  è comunque un interrogativo che negli ambienti politici della cittadina jonica e delle pre-serre resta. Per quanto riguarda la maggioranza, il giovane esponente del Pd si è limitato a dire che essenzialmente non cambia nulla “si continuerà  a lavorare – ha affermato – come abbiamo fatto fin ora con abnegazione e impegno. Certamente il Partito inizia una fase di forte riflessione, tant’è che per i prossimi giorni sono previste delle riunioni”.

f.g.

Leave a Reply