Home / Notizie / Big Bang: al vaglio del Cern risultati Large Hadron Collider (Lhc)

Big Bang: al vaglio del Cern risultati Large Hadron Collider (Lhc)

Forse è proprio il caso di dire come  nel celebre monologo di Blade Runner “di avere visto cose che voi umani non potreste immaginarvi…”, pensando alle ultime notizie che arrivano dal Cern di Ginevra dove è in funzione il Large Hadron Collider (Lhc) che riportano quanto è stato rilevato durante un esperimento. Infatti stanno rimbalzando news su tutte le agenzie di informazione che è al Cern è stato osservato da uno degli esperimenti in corso dell’acceleratore di particelle, un fenomeno “mai visto finora” tanto che qualcuno pensa si possa trattare di materia primordiale e  sta ipotizzando sia materia big bang, ovvero plasma di quark e gluoni che si sarebbero prodotti dopo i primi istanti della grande esplosione che diede origine all’universo. Ancora però i ricercatori mantengono molta cautela e osservano che il fenomeno va studiato nei suoi dettagli e una volta analizzato potrebbe fornire altre spiegazioni che non sia quella che si tratta di materia big-bang.

6 comments

  1. perché il mondo universitario non si ribella alla teoria del Big Bang. Una teoria diseducativo perché ispirato dalla Bibbia (guarda caso, tutti gli ideatori furono ebrei e tra di loro c’era anche un prete cattolico) di scientifico non c’è nulla. Si sa che, dal nulla non può che uscire nulla.
    Dappertutto vediamo un decadere della materia che fa nuovamente nascere nuova materia.
    Un inizio improvviso dal nulla, offende l’intelligenza, ancora più della “creazione divina”

  2. Al big bang si arriva tramite la relatività generale supportata da numerose prove sperimentali tra cui :
    1. La precessione del perielio dell’orbita di Mercurio
    2. La deflessione della luce dal Sole
    3. Lo spostamento verso il rosso gravitazionale della luce
    Sempre tramite la relatività generale si sa che non esiste un prima del big bang perchè il tempo e lo spazio non esistevano.
    Che cosa sia la singolarità iniziale da cui ha avuto origine il big bang non si sa.

  3. Altre prove a favore del big bang sono la radiazione cosmica di fondo e l’espansione delle galassie.

  4. Commento da inserire sul Vs. sito se gradito.
    E’ ETERNA LA MATERIA O DIO ?
    Tempo fa Stephen Hawking voleva poter conoscere la Mente di Dio. Per questo io gli dedicai il mio libro: “Il Tachione il dito di Dio”. Ora ha cambiato idea e dice che Dio non esiste. Il CERN a sua volta ripropone l’eterna esistenza della materia. Io rispondo così:
    COMMENTO ALL’ULTIMO ESPERIMENTO DEL CERN DI GINEVRA.
    Ciò che è stato osservato al CERN di Ginevra ,consiste di un plasma di teorema geometrici e matematici, espressi in numeri cardinali .
    Questi a loro volta sono costituiti da un gas di numeri ordinali, (la polvere di Cantor ” diviene “ frattali).
    A proposito DUNQUE ,della presunta autosufficienza della materia ,affermata dopo gli ultimi esperimenti del CERN di GINEVRA.
    Siamo semplicemente alle solite tesi ideologiche .
    Non si tiene conto che l’energia applicata nell’esperimento del CERN è già esistente nell’universo . Quindi la materia non è affatto autosufficiente. Rimane vero semplicemente che nulla si crea e nulla si distrugge .
    Rimane insoluto infatti ,quali sono le ragioni dell’esistenza dell’energia ? Perché c’è l’energia invece che il nulla ?Ovvero perché c’è il nulla indeterminato di Heisenberg invece del nulla assoluto?
    Per approfondire segnalo il sito: il Tachione il dito di Dio.
    Nel sito http://www.webalice.it/iltachione,si può leggere gratuitamente in rete la teoria unificata dell’universo fisico e mentale, secondo il pensiero sineterico.
    La tesi fondamentale della teoria afferma che la gravità non è una qualità della materia ma una reazione astratta all’estensione angolare .
    Pertanto le successive dimensioni spaziali“estendendosi” a partire dal punto mentale,alla retta ,al piano e ai volumi, determinano REAZIONE ANGOLARE GRAVITALE ,all’ipotesi immaginaria di estensione LAMBDA, nello spazio tempo.
    Dunque le ragioni invisibili delle apparenze fisiche ,sono astrazioni di teorema matematici.
    Le apparenze fisichevisibili ai sensi sono simulazioni delle idee della teoria.
    In pratica non ci sono fenomeni fisici reali ma solo rappresentazioni mentali dell’osservatore,” viste “dai sensi sulla lavagna mentale cerebrale.

  5. Impenetrabilità e indeterminatezza sono solo programmi informatici dell’universo, (principio di esclusione di Pauli e principio di indeterminatezza ,del nulla finto di Heisenberg).
    La materia è finzione matematica ,rappresentata ai sensi come solida.

    La meccanica quantistica , afferma da almeno 70/80 anni ,che non esiste Universo senza l’osservatore.
    La mia teoria unificata spiega infatti cosa ciò significhi e lo fa in termini di concetti e giudizi sineterici verticali,(non più solo cause ed effetti orizzontali visibili ,ma anche ragioni verticali invisibili e matematiche,delle cose visibili apparenti).
    A meno dunque di essere un materialista accanito ,che nutre finalità ideologiche volte a negare quelle conclusioni scientifiche che dimostrano vere realtà sgradite.
    Si dovrà riconoscere nei prossimi anni,che la scienza seria sta appurando già da un bel poco di tempo ,che la materia non esiste come fatto oggettivo fuori dalla mente.
    L’Universo intero è solo un pensiero olistico.
    Ovvero l’ Universo è una Mente che cogita e computa se stessa in continuazione e noi siamo a nostra volta delle menti ,che leggono in qubit le idee dell’Universo.
    Mancava fino ad ora la teoria giusta per spiegare al mondo questi risultati sperimentali.
    Ora la mia teoria ha riempito questo vuoto e la realtà mentale matematica delle visioni apparenti materiali dei sensi, è divenuta dimostrata.
    Ovviamente una vasta parte del mondo scientifico è ancora persa dietro una ricerca incompleta e indecidibile dei fenomeni osservati e continua a prendere fischi per fiaschi ,ritenendo che la materia esiste realmente.
    invece tutto è pensiero e l’Universo non è nato in origine dal nulla assoluto ,ma proprio da quel nulla finto e indeterminato di Heisenberg .
    Cosa è allora il nulla indeterminato di Heisenberg?
    Il nulla di Heisenberg è il TUTTO che include i giudizi sintetici e analitici nei giudizi sineterici. Non è quindi vuoto ma del tutto ricco e completo di tutta l’informazione dell’Essere mentale invisibile e continuo.
    Un semplice + e – convenzionali ,è incluso come ipotesi matematiche immaginarie ,in una mente invisibile la cui sostanza sono i numeri continui ordinali, che si manifestano in numeri cardinali visibili sulla lavagna mentale.
    Praticamente l’origine di tutto è una Mente in numeri continui ,che è sostanza software invisibile e che pensa hardware cardinali visibili secondo i sensi.
    Molti invece cercano ancora evoluzioni biologiche mai accadute .
    Capisco quindi il disappunto e lo sconvolgimento di chi per la prima volta sente dire queste cose,già note però nei laboratori avanzati ,ma non rivelate ancora dal mondo scientifico. Anche perché mancava fino alla mia teoria
    la semantica adatta per presentare questa sconvolgente scoperta.
    Nei prossimi anni ciò avverrà fragorosamente ,opponendo gli scienziati galileani ai ricercatori empirici e tardo evoluzionisti. LA MATERIA NON ESISTE COME FATTO OGGETTIVO FUORI DALLA MENTE.
    Per saperne di più trova in rete: Vincenzo Russo filosofo neo elatico pitagorico.

Leave a Reply