Home / Notizie / Cassazione: direttore testata on-line, nessun reato per omesso controllo

Cassazione: direttore testata on-line, nessun reato per omesso controllo

Ai fini della configurabilità del reato previsto dall’art. 57 cp non si può addebitare alcuna condotta omissiva rilevante penalmente al direttore responsabile di una testata giornalistica on-line. Lo ha stabilito una recente sentenza della Cassazione che ha escluso l’applicabilitò sul web dell’articolo in questione che vale solo per la carta stampata. Il caso riguardava il direttore du una testata on-line che era stato condannato a Milano per non avere vigilato sul contenuto delle pubblicazioni e consentito la diffusione di notizie a carattere diffamatorio. L’art. 57 del Codice Penale recita: “Art. 57 Reati commessi col mezzo della stampa periodica. Salva la responsabilita’ dell’autore della pubblicazione e fuori dei casi di concorso, il direttore o il vice-direttore responsabile, il quale omette di esercitare sul contenuto del periodico da lui diretto il controllo necessario ad impedire che col mezzo dalla pubblicazione siano commessi reati, e’ punito, a titolo di colpa, se un reato e’ commesso, con la pena stabilita per tale reato, diminuita in misura non eccedente un terzo”. Una norma che per gli ermellini riguarda soltanto le testate cartacee non esistendo dunque nel sistema giuridico italiano alcuna legge che punisca tale condotta omissiva per il web, per internet. Non conosciamo nei dettagli le motivazioni che hanno indotto la Cassazione a determinarsi in questa direzione. Vero è che uno dei principi cardini del diritto penale è quello di legalità che potrebbe essere eluso se non esistesse quello di tassatività che impone che la fattispecie penale venga specificata  e descritta dettagliatamente nelle norme di legge in tutti i suoi elementi.

Leave a Reply