Home / Locale / Calabria / Soverato / Soverato, verso le elezioni: ipotesi Fli e sorrisi-civetta

Soverato, verso le elezioni: ipotesi Fli e sorrisi-civetta

E se alla fine spuntasse una formazione del Fli (Futuro e libertà per l’Italia) ovvero la neonata formazione politica che ha come leader il presidente della Camera, Giancarlo Fini, a rivendicare un posto al sole nelle future coalizioni che si contenderanno la guida di Soverato in primavera? Una domanda alla quale, al momento non è facile dare una risposta. Un interrogativo che negli ambienti politici cittadini al momento ci si pone come si può evincere da un articolo a firma di Fabio Guarna apparso nei giorni scorsi in evidenza sulle pagine “Soverato e dintorni” de “Il Quotidiano della Calabria” in cui si legge: “a condire il piatto delle indiscrezioni sulle prossime amministrative soveratesi non poteva mancare la neonata formazione finiana del Fli (Futuro e Libertà per l’Italia). Due sono gli interrogativi: esiste un Fli a Soverato? E ancora: esiste seppur in piccola parte un certo interessamento da parte di qualche esponente politico a legarsi a Futuro e Libertà? Al momento la risposta ufficiale alla prima domanda è negativa. Diversa è invece – almeno stando ai boatos e alle indiscrezioni – la risposta nel secondo caso. Del resto, per affermare che esistano adesioni a Fli a Soverato è forse troppo presto anche perché il neonato partito il cui leader è il presidente della Camera , Giancarlo Fini, deve ancora cominciare a mettere radici nelle varie realtà locali. Vero è che fonti ben informate non sembrano cadere dalle nuvole quando ci si interroga sull’ipotesi della costituzione di un gruppo di finiani a Soverato che addirittura troverebbe dalla loro parte politici della zona che hanno rivestito importanti cariche e occupato ruoli prestigiosi in passato. Ma, sbilanciarsi a fare nomi per il momento è inopportuno. Si potrebbe trattare come spesso avviene di notizie civetta, ovvero di “news” fatte girare ad arte per capire come tira l’aria e poi essere smentite. Del resto – messa da parte la base di idee su cui poggia il partito di Fini – non si può ignorare che un effetto calamita nei confronti di possibili scontenti del Pdl, il partito Futuro e Libertà potrebbe produrlo. Malcontenti di diversa natura, ma anche strategie per rivendicare ruoli che un grosso partito difficilmente potrebbe garantire a tutti. Cosicché in vista delle prossime amministrative la presenza di Fli a Soverato, assicurerebbe nel gioco delle alleanze che in una realtà di diecimila abitanti spesso si sgancia dai canoni tradizionali, nuove e interessanti possibilità di intese. Ancora nella cittadina jonica mancano alcuni tasselli per capire le unioni che ci saranno. L’Udc guarda al Pdl ovvero l’alleato di questi anni di Governo come interlocutore privilegiato per fare squadra per le prossime amministrative ma si è detto pronto a sentire tutti, come ha fatto anche il Partito democratico. Potrebbe accadere a Soverato quello che è accaduto in Sicilia? La cittadina jonica non è nuova a laboratori politici. Adesso si aggiunge l’ipotesi Fli che potrebbe ulteriormente complicare le cose, ridefinendo nuovi assetti. E il sindaco di Soverato, leader indiscusso del Pdl locale, che pensa di Fli? Alla domanda non risponde pubblicamente o meglio preferisce rispondere con un sorriso. Che non è certo l’espressione che ci si aspetta da coloro che sono organici al Pdl. A meno che quel sorriso non nasconda quella diplomazia che di questi tempi non va tanto di moda nei conflitti politici o ancora si tratti di un sorriso di benvenuto a Fli.  Diciamo un sorriso-civetta”. – f.to Fabio Guarna

Leave a Reply