Home / Notizie / Raggi X

Raggi X

Immagine di una mano ai Raggi X
Raggi X - Jannoon028 su iStockphoto.com

L’espressione “raggi X” è entrata a far parte del linguaggio comune e la si usa spesso quando si vuole dire che una determinata cosa è stata vagliata o deve essere vagliata con particolare cura e attenzione. Passare ai raggi X un determinato argomento, ad esempio, significa, cercare di capirne il significato che da un primo esame superficiale non è possibile comprendere. Del resto i “raggi X”, di cui oggi Google celebra i 115 anni della scoperta, nel senso scientifico del termine, hanno proprio questa funzione: consentono di osservare aspetti dell’anatonomia umana che un’analisi superficiale non consente. Usati, infatti, principalmente per fini medici (attraverso le radiografie, rx), con i raggi X è possibile analizzare la struttura dei materiali (cristallografia a raggi X) e analizzare anche la loro struttura chimica con la spettrofotometria XRF. Vero è che l’applicazione dei raggi X non è soltanto confinata al campo medico ma investe anche altri settori. E’ il caso dell’astronomia a raggi X che ha consentito di studiare attentamente fenomeni come quello delle stelle collassate (nane bianche, supernove, buchi neri) e definire le caratteristiche delle Pulsar. Gli italiani Bruno Rossi e il premio Nobel per la fisica del 2002, Riccardo Giacconi sono considerati rispettivamente gli antesignani dell’astronomia a raggi X.

Leave a Reply