Home / Cinema / Film / Il discorso del re

Il discorso del re

Locandina del film "il discorso del re"
Il discorso del re

Titolo originale: The king’s speech
Genere: Dramma storico
Origine/Anno: Gran Bretagna, Australia – 2010
Regia: Tom Hooper
Sceneggiatura: David Seidler
Interpreti: Colin Firth, Guy Pearce, Helena Bonham Carter, Timothy Spall, Geoffrey Rush, Jennifer Ehle, Derek Jacobi
Montaggio: Tariq Anwar
Fotografia: Danny Cohen
Musiche: Alexandre Desplat
Scenografia: Eve Stewart
Giudizio: 7

Trama: il duca di York balbetta fin dall’età di cinque anni. La sua balbuzie diventa un ostacolo insormontabile alla successione al trono quando – morto il padre Giorgio V e dopo meno di un anno di regno dell’erede designato – il fratello, Edoardo VIII, decide a sorpresa di abdicare per sposare l’amata Wallis Simpson: come può un re balbuziente tenere discorsi alla radio ed infondere al suo popolo il coraggio necessario ad affrontare una guerra lunga e sanguinosa come quella che si profila nel ’39 con l’invasione della Polonia da parte delle truppe tedesche?

Recensione: Bertie e Lionel. Il re ed il logoterapeuta. L’incontro di due mondi lontani anni luce. Il duca di York da un lato, che si appresta a salire sul trono col nome di Giorgio VI, divenendo così re del Regno Unito, d’Irlanda e dei Territori Britannici d’Oltremare, oltreché Imperatore d’India, e l’esperto di dizione dall’altro, completamente privo di referenze o titoli, persino di quello di dottore. Eppure, Bertie ha bisogno di Lionel; e ne ha bisogno per riuscire a parlare in pubblico. Il re d’Inghilterra, per poter credibilmente svolgere il proprio ruolo, deve esser capace di superare la propria balbuzie e di parlare alla nazione; e deve riuscire a farlo con il carisma di un leader: “- Che cosa dice? – Non lo so, ma… sembra che lo dica piuttosto bene!” – dirà Bertie rispondendo ad una domanda della figlia Elisabetta su un discorso di Hitler riportato in un cinegiornale.
E sarà proprio Lionel a far da guida a Bertie nel lungo e faticoso viaggio di quest’ultimo attraverso le sue più ancestrali paure, facendogli riscoprire ciò che rimane della propria umanità – sepolta sotto la spessa coltre della rigida e soffocante etichetta imposta dalla casa reale – ed aiutandolo a vincere le proprie resistenze: anzitutto a farsi curare con i sistemi poco ortodossi praticati dallo stesso Lionel; quindi, e soprattutto, a rimettersi in gioco e tornare ad imparare – lui, sovrano del regno; ed a farlo peraltro apprendendo da un umile inglese comune (anzi, un comune australiano!), il logoterapeuta eccentrico e privo di referenze, appunto.
Così, sulle note del celeberrimo concerto in la maggiore per clarinetto e orchestra di Mozart, ha avvio la più bizzarra esperienza di logoterapia della storia del cinema, ma anche una profonda ed intensa esperienza umana, descritta con garbo e con un recondito ma non fastidioso retrogusto fiabesco.
La vicenda di Bertie colpisce per il coraggio e la determinazione che questi dimostra, pur nelle fasi alterne che ne sottolineano la fragilità e ne rimarcano al tempo stesso la credibilità come personaggio, nell’affrontare gli spettri più terrificanti della propria interiorità e nel ribaltare un’apparentemente inesorabile condanna alla balbuzie, nonostante le pesanti sconfitte del passato ed i lunghi e mortificanti silenzi di fronte al microfono, realizzando dunque quell’impresa titanica che è il riuscire a superare i propri limiti.
Esteticamente impeccabile, il film è scandito da un ritmo crescente impreziosito da momenti di sagacia ed ironia. È sostenuto da una scrittura solida, una buona scenografia (molto riuscita, in particolare, la costruzione dello spazio nello studio/abitazione del logoterapeuta), bei costumi. È interpretato da attori straordinari: delle 12 nominations all’oscar, 3 sono per splendide interpretazioni di Geoffrey Rush (affabile e sornione), Helena Bonham Carter (amabilmente leziosa) e, naturalmente, Colin Firth (vulnerabilità sfaccettata e ruvidezza sofferta, da poco premiato, peraltro, col golden globe quale miglior attore protagonista).
The king’s speech, si avvale però anche di un’ottima regia: belle ed evocative le inquadrature iniziali sul microfono che verrà usato per “il discorso del re”, l’oscuro nemico che prende forma fin dall’incipit del film; inquietante l’uso espressivo degli obiettivi per deformare la visione prospettica nei momenti di maggior tensione emotiva del protagonista; fluide ed eleganti le riprese con la steadycam usata lungo le scale nel precedere la discesa della famiglia reale.
Il film ha vinto il Toronto Film Festival.

Gianfranco Raffaeli

Lascia un commento