Home / Notizie / Pierre de Fermat 410° anniversario nascita e l'ultimo teorema

Pierre de Fermat 410° anniversario nascita e l'ultimo teorema

Ultima teorma di Fermat

PIERRE DE FERMAT – Ricorre il 17 agosto 2011 il 410° anniversario della nascita di Pierre de Fermat il grande matematico che fu tra i maggiori del secolo XVII a offrire importanti contributi allo sviluppo della matematica moderna. Nato a  Beaumont-de-Lomagne il  17 agosto 1601 e deceduto a Castres nel 1665, Pierre de Fermat è considerato uno dei fondatori del calcolo delle probabilità. Molto impegnato nella teoria dei numeri, Fermat si limitò spesso a enunciare le sue scoperte senza però dimostrarle. Fra queste il teorema più famoso è quello conosciuto come l’ultimo teorema di Fermat la cui congettura fu annotata in un volume dell’Arithmetica di Diofanto in cui si legge: “dispongo di una meravigliosa dimostrazione di questo teorema, che non può essere contenuta nel margine troppo stretto della pagina”. In esso il matematico francese afferma che non ci sono soluzioni intere positive all’equazione x^n+y^n=z^n  se n>2 . Per secoli studiosi hanno tentato di dare una soluzione completa al problema ma nessuno ci è riuscito fino al 1994 quando Andrew Wiles, matematico britannico e attualmente docente all’Università di Princeton riuscì a farlo. Da allora l’ultimo teorema di Fermat è conosciuto come teorema di Fermat-Wiles. Per celebrare il 410° anniversario della nascita di Pierre de Fermat, Google (Google Australia qualche ora prima rispetto ad altri paesi per via del fuso orario)  ha messo in homepage un doodle molto simpatico. Esso è rappresentato da una lavagna su cui vi è impressa la formula dell’ultimo teorema di Fermat. Scorrendo il mouse sul doodle si legge la seguente annotazione presa a prestito con una piccola modifica da quella lasciata da Fermat sul Diofanto: “dispongo di una meravigliosa dimostrazione di questo teorema, che questo doodle è troppo piccolo per poter contenere”. Cliccando sul doodle di google si ottengono i risultati della ricerca “Pierre de Fermat”.

Leave a Reply