Home / Mondo / Robert Noyce: al "sindaco di Silicon Valley" Google dedica il Doodle

Robert Noyce: al "sindaco di Silicon Valley" Google dedica il Doodle

Google Doodle - Robert Noyce
Google Doodle - Robert Noyce

Robert Noyce, considerato insieme a Jack Kilby come l’inventore del microchip, è ricordato da Google attraverso un Doodle a forma di circuito integrato. Noyce fu un inventore e come imprenditore fu uno dei cofondatori di Intel. Per i suoi studi sui circuiti integrati sul silicio fu soprannominato il “Sindaco di Silicon Valley”. È considerato anche come un mentore di una intera generazione di imprenditori.
A colui che fu soprannominato il “Sindaco di Silicon Valley” Google dedica il Doodle del 12 dicembre 2011 in occasione dell’84° anniversario della nascita.
Si tratta di Robert Noyce nato a Burlington nel 1927 e deceduto ad Austin il 3 giugno 1990. Il suo curriculum di imprenditore annovera la cofondazione della Fairchild Semiconductor nel 1957 e dell’Intel nel 1968. È considerato colui che ha inventato il microchip o circuito integrato, anche se la stessa invenzione viene attribuita a Jack Kilby di cui fu resa nota mesi prima di quella di Noyce. Notevole fu il contributo che il cd “Sindaco di Silicon Valley” ha dato ai circuiti integrati di silicio, considerati una pietra miliare per l’elettronica del nuovo millennio.
A Noyce è intitolato il quartier generale dell’Intel che si trova in California a Santa Clara ovvero la Robert Noyce Building. La fondazione Robert Noyce che ha lasciato come eredità diretta, ha fra i suoi scopi, sostenere economicamente la ricerca in molte settori della tecnologia e nella scienza in generale. Scorrendo il mouse sul nuovo logotipo in cui è disegnato un microchip del 12 dicembre di Google che per via del fuso orario appare qualche ora prima in altri paesi del mondo si legge “Robert Noyce’s 84th Birthday” in italiano: “84° anniversario nascita (o compleanno) di Robert Noyce” mentre cliccando su di esso si ottengono i risultati della chiave di ricerca “Robert Noyce”.

Leave a Reply