Home / Locale / Calabria / Satriano / Satriano, iniziativa culturale con Sansonetti: "Oltre i partiti"

Satriano, iniziativa culturale con Sansonetti: "Oltre i partiti"

da sinistra Ciconte, Drosi, Sansonetti e Soriero

SATRIANO – La presentazione di un libro può essere un efficace veicolo per promuovere un’azione politica, specie se l’opera innalza il dibattito culturale e soprattutto, in questo caso, se si armonizza con il percorso intrapreso. In questa direzione può essere considerata la presentazione del libro “Oltre i partiti” che si è tenuta presso la sala conferenze della Parrocchia di S. Maria della Pace a Satriano, promossa da“Nuova Satriano”, il movimento nato circa un anno fa che fa riferimento al sindaco Michele Drosi che si sta preparando alla nuova tornata elettorale. Alla presentazione c’era un po’ tutto il gotha della politica e fra questi Pino Soriero già sottosegretario ai trasporti del Governo Prodi e satrianese doc seduto al tavolo dei relatori insieme a Michele Drosi che ha introdotto i lavori, Enzo Ciconte Consigliere Regionale e Presidente dell’ordine dei Medici e Piero Sansonetti, direttore di Calabria Ora. Quest’ultimo prima dell’inizio del convegno, ha evidenziato ad alcuni dei giornalisti come il libro di Bettini torna alla ribalta perché tratta una questione politica che apre nuovamente un dibattito (in realtà mai chiuso ndr) sulle forme di rappresentanza dei cittadini. Non solo, ma Sansonetti interpellato sulle realtà politiche locali e se queste possono essere un laboratorio per andare oltre i partiti, ha, in questa direzione rilevato, come il numero di persone presenti all’iniziativa potrebbero essere una risposta alla domanda in quanto rappresentano una importante testimonianza di attenzione al tema del convegno (oltre i partiti ndr) che non va trascurata. Le numerose presenze e gli ospiti hanno arricchito e promosso il dibattito culturale a Satriano che inevitabilmente si è spostato per la parte di interesse locale, sull’assetto ideologico che si è dato il movimento “Nuova Satriano” in una prospettiva di costruzione di un progetto politico da presentare agli elettori. Del resto una prima riflessione sulla natura ideologica del movimento “Nuova Satriano” si era fatta al momento del suo varo. In un primo momento si era rilevato – se è lecito paragonare le cose piccole e quelle grandi – che il Movimento Nuova Satriano avrebbe potuto essere assimilato alla coalizione fatta da settori sindacalisti sia nazionalisti che socialisti che portò alla vittoria Peron in Argentina nel 1946. Ma si trattò di una circostanza che fu subito messa da parte, sia per il marcato carattere progressista degli esponenti della maggioranza che regge il Comune di Satriano e sia per lo stile tutt’altro che peronista del sindaco Drosi, molto democratico e in genere non fortemente dotato di autoritarismo nelle sue scelte. Vero è che in un contesto di fibrillazione soprattutto del centrosinistra calabrese e del Partito democratico in particolare, partito del quale Michele Drosi è dirigente regionale, il sospetto invece è che un’operazione del genere si collochi in un quadro strategico teso a presentare ai prossimi appuntamenti elettorali un nuovo soggetto politico aperto al contributo di tutti e non ristretto alle classiche alleanze delle coalizioni di centrodestra o di centrosinistra. Ma non è escluso che Drosi abbia pensato – come spesso è accaduto in altre città – che per amministrare bene una città, bisogna andare oltre i cartelli elettorali assicurando agli elettori un progetto politico che i cittadini non solo condividano ma di cui possano farsi essi stessi interpreti e protagonisti. Che altro non è se non un modo per andare “oltre i partiti”

Fabio Guarna

Leave a Reply