Home / Locale / Calabria / Catanzaro / Catanzaro, verso le elezioni comunali: Soriero (Pd) su congresso Udc

Catanzaro, verso le elezioni comunali: Soriero (Pd) su congresso Udc

Giuseppe SorieroCATANZARO – Dopo le dimissioni dalla carica di Sindaco di Michele Traversa e il conseguente commissariamento del Comune di Catanzaro, nella città capoluogo si pensa alle elezioni. Al riguardo Pino Soriero, dirigente PD, già Assessore al Comune di Catanzaro con delega all’Urbanistica  e alla Programmazione dei fondi UE, ha diramato una nota che spinge ad una riflessione sulle possibili alleanze future ed in particolare con l’Udc che si prepara al congresso cittadino. Scrive Soriero: “il Partito Democratico guarda con attenzione al congresso cittadino dell’UDC, per comprendere quale linea adotterà, per le prossime elezioni nella città capoluogo, un partito di primo piano sullo scenario politico regionale e nazionale. In questa fase il PD sta ragionando, assieme alle altre forze democratiche che nei mesi scorsi hanno dato un contributo dall’opposizione, per offrire nuove prospettive alla città di Catanzaro, scossa dalle vicende che hanno riguardato la precedente amministrazione. Non si possono riproporre staticamente schieramenti datati, si abbia il coraggio di prospettare un cambiamento effettivo per la città,  una svolta che il capoluogo merita rispetto a passaggi politici confusi che negli ultimi mesi hanno destabilizzato le istituzioni cittadine, allontanandole dai problemi veri e urgenti che Catanzaro deve affrontare. Anche al livello nazionale il PD sta ragionando assieme all’UDC su una piattaforma programmatica che contribuisca al risanamento del nostro paese, per un’Italia  finalmente protagonista in Europa. Certo, a Catanzaro il confronto potrebbe sembrare più difficile, ma è il momento del coraggio! Si avverte l’esigenza comune di esprimere una netta discontinuità rispetto alle scelte passate, che hanno penalizzato la città, paralizzandola per circa un anno. Auspico quindi che dal Congresso dell’UDC possa emergere una segnale netto di apertura al confronto politico e istituzionale”.

Lascia un commento