Home / Locale / Calabria / Soverato / Costituzione viva: convegno all'Itc Calabretta di Soverato

Costituzione viva: convegno all'Itc Calabretta di Soverato

Un flash del tavolo dei relatoriSOVERATO – Si è tenuto a Soverato presso l’Itc “Calabretta” un convegno sul tema “La Costituzione viva”. All’iniziativa promossa dall’Istituto Soveratese in collaborazione con l’Osservatorio Falcone-Borsellino-Scopelliti hanno relazionato l’Avv. Fabio Guarna e la Dott.ssa Elena Paciotti, presidente della Fondazione Basso. Dopo i saluti della Prof.ssa Antonina Virzì, vicario dell’Istituto in rappresentanza del Dirigente scolastico  Dott.ssa Vanda Alcaro e di Carlo Mellea, Presidente dell’Osservatorio, ha preso la parola l’Avv. Fabio Guarna , il quale ha invitato i ragazzi a comprendere l’importanza dello studio del diritto. Guarna parlando di “crisi del diritto” nel senso di perdita della centralità del diritto e soprattutto dei suoi operatori  ha stigmatizzato l’esiguo numero di ore che vengono assegnate nelle scuole superiori allo studio del diritto e la mancata valorizzazione in termini di risorse umane di coloro che hanno seguito studi nelle materie giuridiche. La Dott.ssa Paciotti, presidente della fondazione Basso che è stata in passato parlamentare europeo e prima presidente dell’Associazione Nazionale Magistrati, ha tenuto una splendida ed efficace lezione sulla Costituzione Italiana e soprattutto sui principi che ne sono il suo fondamento. Quindi ha risposto alle domande degli allievi della scuola soveratese e a quelle di alcuni docenti. Presente all’iniziativa anche l’ex dirigente dell’Itc Calabretta, Nicola Limardo che aveva organizzato in passato un’iniziativa sulla legalità alla quale aveva preso parte la Dott.ssa Paciotti. Agli allievi della scuola soveratese è stata donata una copia della Costituzione. Carlo Mellea ha infine ricordato una serie di iniziative sullo studio della Costituzione tenutesi durante gli anni ’90, quando era consigliere comunale di Soverato e valorizzate dallo stesso Limardo che all’epoca sedeva come Mellea fra i banchi del civico consesso soveratese.