Home / Locale / Calabria / Soverato / Soverato, il Preside Scalzi e la sua opera di valorizzazione del dialetto petronese

Soverato, il Preside Scalzi e la sua opera di valorizzazione del dialetto petronese

Preside Fiore Scalzi

SOVERATO – Soverato è una città che si fregia di essere un centro in cui tante persone, provenienti da ogni parte della Calabria, hanno deciso di viverci formando un tessuto sociale eterogeneo e quindi ricco di esperienze. E fra coloro che hanno deciso di vivere nella cittadina jonica c’è il Preside Fiore Scalzi, nato a Petronà nel 1931 e trapiantato nella cittadina jonica da decenni. Scalzi non ha mai dimenticato la sua Petronà e anzi ha consentito che tanti soveratesi avessero modo di conoscerla meglio attraverso la lettura di alcune suo opere dedicate al paese natio, spesso presentate in diverse iniziative promosse da sodalizi culturali soveratesi. E’ il caso della “grammatica del dialetto petronese” edita da Calabria letteraria in cui l’autore attraversa e approfondisce la lingua della sua terra d’origine offrendo al lettore l’opportunità di trovare risposte – come lo stesso spiega – su problemi inerenti il proprio linguaggio, evocando aspetti della civiltà petronese lungo i secoli. Nel suo attento lavoro, Fiore Scalzi si è avvalso di importanti studi sul dialetto come si rileva nell’appendice bibliografica in cui sono citate alcune opere di Rolf. Il libro è introdotto nella prefazione da un intervento di Mario Caligiuri. Uno degli obiettivi dell’opera è dichiarato dallo stesso autore che nel libro scrive: “il nostro dialetto – è come un caro congiunto in condizioni di salute precarie. Io ho voluto – prosegue Scalzi – anche per un atto di amore, fotografarlo e, per così dire, cristallizzarlo, offrendone un’immagine viva a chiunque, ora e nell’avvenire, voglia accostarsi ad esso per coglierne meglio l’espressività e complessità strutturale”. Scalzi che come dicevamo vive da decenni a Soverato, alterna il suo tempo spostandosi spesso nella sua città d’origine, dedicandosi agli studi e seguendo con affetto insieme alla moglie i suoi piccoli nipoti a cui ha dedicato “la grammatica del dialetto petronese”.

Fabio Guarna