Home / Elezioni / Elezioni Comunali 2012 / Elezioni Comunali 2012: affluenza alle urne

Elezioni Comunali 2012: affluenza alle urne

[AGGIORNAMENTO AFFLUENZA ORE 15:00 – 07-05-2012] – Il dato finale sull’affluenza vede una percentuale di votanti pari al 66,88% era stata del 73,74%.

[AGGIORNAMENTO AFFLUENZA ORE 22:00 – 06-05-2012] – Al terzo rilevamento dà una percentuale di 48,98% mentre la volta precedente il dato sui 768 comuni alla stessa ora risultava di 54,85%.

[AGGIORNAMENTO AFFLUENZA ORE 19:00 – 06-05-2012] – Al secondo rilevamento dà una percentuale di circa il 38% mentre la volta precedente il dato sui 768 comuni alla stessa ora risultava intorno al 39,5%.

[AGGIORNAMENTO AFFLUENZA ORE 12:00 – 06-05-2012] – Il primo rilevamento dà una percentuale di circa il 13% mentre la volta precedente il dato sui 768 comuni alla stessa ora risultava intorno al 15,5%.

ELEZIONI AMMINISTRATIVE MAGGIO 2012 – L’appuntamento con le urne per il rinnovo dei consigli comunali riguarda circa nove milioni e mezzo di italiani (considerando complessivamente le regioni a statuto ordinario e speciale) che dovranno decidere in questo tornata di elezioni amministrative del 2012 quali saranno i sindaci e gli amministratori dei propri comuni. Non si vota infatti per le provinciali dove con l’entrata in vigore del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito dalla L. 22 dicembre 2011, n. 214, per gli organi di governo una volta scaduto il mandato  è stata soppressa l’elezione diretta degli organi provinciali.
I comuni interessati al voto sono moltissimi fra i quali risultano 22 comuni capoluogo ovvero quanto a questi ultimi: Alessandria, Asti, Cuneo, Como, Monza, Belluno, Verona, Genova, La Spezia, Parma, Piacenza, Lucca, Pistoia, Frosinone, Rieti, L’Aquila, Isernia, Brindisi, Lecce, Taranto, Trani, Catanzaro; per quanto riguarda i comuni capoluogo interessati al voto delle regioni a statuto speciale essi sono: Gorizia,Agrigento, Palermo, Trapani. I seggi saranno aperti e quindi le urne saranno pronte a raccogliere i voti da domenica 6 maggio, dalle ore 8.00 alle ore 22.00, e lunedì 7 maggio, dalle ore 7 alle ore 15. “Le operazioni di scrutinio – spiegano dal sito del Viminale -avranno inizio lunedì 7 maggio, subito dopo la chiusura della votazione e l’accertamento del numero dei votanti.  In caso di effettuazione del turno di ballottaggio per l’elezione dei sindaci, si voterà domenica 20 maggio, sempre dalle ore 8.00 alle ore 22.00, e lunedì 21 maggio, dalle ore 7.00 alle ore 15.00 mentre le operazioni di scrutinio avranno inizio nella stessa giornata di lunedì, al termine delle votazioni e dell’accertamento del numero dei votanti”.
Il sito del Ministero dell’Interno come è solito fare durante le consultazioni elettorali si è organizzato per rendere noto online i dati in tempo reale che giungeranno dalle prefetture al Viminale. Si comincia con l’affluenza alle urne distinti in base ad alcune fasce orarie per chiudersi ai risultati in diretta. Sono stati attivati due siti per evitare problemi di connessione considerato che saranno tantissime le connessioni in corso durante le ore di consultazione e di spoglio.
Ricordiamo che i rilevamenti dell’affluenza sono previsti alle 12, alle 19 ed alle 22 di  domenica ed infine al momento della chiusura definitiva dei seggi lunedì alle 15. I dati diffusi – come chiariscono dal Viminale – non hanno carattere di ufficialità provenendo dalle comunicazioni pervenute dai comuni tramite le prefetture ed essendo “la proclamazione ufficiale degli eletti prerogativa degli uffici elettorali territorialmente competenti”. Quanto alle informazioni che si trovano sul sito del Ministero occorre rilevare che “per i comuni delle regioni Friuli Venezia Giulia e Sicilia, che votano nella stessa data, i dati sono disponibili sui relativi siti internet”.