Home / Notizie / Brindisi, svolta indagini: l'attentatore avrebbe confessato

Brindisi, svolta indagini: l'attentatore avrebbe confessato

GIOVANNI VANTAGGIATO PRESUNTO ATTENTATORE – Ha 68 anni, si chiama Giovanni Vantaggiato ed è di Copertino l’uomo che avrebbe confessato (non c’è però al momento alcuna conferma ufficiale della confessione) di essere l’autore dell’attentato di Brindisi davanti l’Istituto Professionale Morvillo Falcone in cui ha perso la vita sabato 19 maggio la giovane studentessa 16/enne Melissa Bassi e sono rimaste ferite altre compagne. L’uomo titolare di un deposito di carburante in una cittadina della provincia di Lecce è stato interrogato dalla Polizia durante la giornata di oggi.  La notizia che il sospettato fosse sotto interrogatorio delle forze dell’ordine è stata riportata nel pomeriggio da diverse fonti con la precisazione che le indagini sembravano giunte ad una svolta. Indagini che hanno portato a controllare migliaia di persone. E a quanto pare la svolta c’è stata. Alla base del movente sembra – secondo quanto sta rimbalzando sul web (si tratta solo di boatos) – una vendetta privata nei confronti del Dirigente Scolastico della scuola brindisina, Angelo Rampino, il quale però ha affermato “Non ho titolari di pompe di benzina come nemici”.