Home / Mondo / Gustav Klimt: Doodle stile Liberty per il compleanno

Gustav Klimt: Doodle stile Liberty per il compleanno

Doodle - Gustav Klimt
Doodle – Gustav Klimt

GUSTAV KLIMT DOODLE – Al pittore austriaco Gustav Klimt nato a Vienna il 14 luglio 1862 e morto a Neubau il 6 febbraio 1918, Google dedica il Doodle del 14 luglio 2012 in occasione del 150° anniversario della nascita. Il Doodle è già visibile nei paesi in cui è scattata la mezzanotte ed è già sabato 14 luglio 2012 e presto coprirà anche altre home page di Mr G di altre nazioni, anche se, per quanto riguarda Google Francia è facile sospettare che il Doodle sarà invece dedicato alla ricorrenza della “presa della Bastiglia” che segna la Festa Nazionale Francese.
Ma tornando a Klimt, è il caso di dire che la scelta di celebrare il compleanno del pittore austriaco valorizzandone al tempo stesso la figura, non può che fare piacere agli amanti dell’ Art Nouveau (in Italia, stile liberty). Gustav Klimt infatti ne è stato uno dei maggiori esponenti.
Fra le cose che si ricordano della carriera artistica del pittore austriaco vi è l’opera che gli fu commissionata dall’Università di Vienna di decorare il soffitto dell’Aula Magna sul tema illuminista del trionfo della luce sulle tenebre sviluppato su tre facoltà: Giurisprudenza, Filosofia e Medicina che però furono fortemente contestate dai committenti che invece di osservare una sobria rappresentazione si trovano un turbinio di corpi sensuali. Portata la protesta in parlamento, Klimt decise di restituire l’anticipo già versato dai committenti e annullare il contratto. I lavori furono distrutti nel 1945 da un incendio nel Castello di Immerdorf e vi sono solo le foto.Fra gli elementi principali delle opere di Klimt vi è la figura della donna che sono raffiguate da personaggi comuni. Spesso sono prostitute anche se ingentilite dal contesto delle opere o sono femmes fatales. È il caso di Giuditta II del 1909 sembra una sirena e ciò generò un certo scandalo fra la società viennese, ma nonostante ciò Klimt trova sostegni economici in ricché famiglie che lo sostengono come l’industriale dell’acciaio Karl Wittgenstein. Fra le sue opere – ne citiamo alcune – Favola (1883, olio su tela), Idillio (1884, olio su tela), Ritratto di Sonja Knips (1898, olio su tela), Fregio di Beethoven (1902, tecnica mista su intonaco), Il Bacio (1907-1908, olio su tela), La Vergine (1912, olio su tela), Viale del parco dello Schloss Kammer (1912, olio su tela), Ritratto di signora (1916-1917, olio su tela), Adamo ed Eva (1917-1918, olio su tela), Ritratto di Adel Bloch-Bauer II (1912, olio su tela).
Fra i musei dove sono esposte le sue opere vi è in Italia a Roma la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e contemporanea e a Venezia Cà Pesaro Galleria internazionale di arte moderna in Germania a Monaco di Baviera la Neue Pinakothek, in Austria a Vienna il Leopold Museum, l’Österreichische Galerie Belvedere e il Museum für angewandte Kunst nonché nella Repubblica Ceca a Praga il Národní Galerienonché e negli Stati Uniti a New York il Neue Galerie.
Scorrendo il mouse sul logotipo dedicato a Klimt si legge “Gustav Klimt’s 150th Birthday” (trad. 150° anniversario dell a nascita di Gustav Klimt”. Si tratta di un Doodle che richiamo un dipinto  del pittore Austriaco (Il bacio)  in cui appare sullo sfondo la parola Google. Cliccando sul Doodle si ottengono i risultato della chiave di ricerca Gustav Klimt.