Home / Mondo / Niels Bohr: Google celebra il nobel danese

Niels Bohr: Google celebra il nobel danese

Doodle - Niels Bohr
Doodle – Niels Bohr

ANNIVERSARIO NASCITA BOHR – Il 7 ottobre 1885 nasceva a Copenaghen Niels Henrik David Bohr, il grande fisico e matematico tedesco danese, nobel per la fisica nel 1922. Oggi Niels Bohr avrebbe compiuto 127 anni e Google ha voluto ricordare il suo compleanno con un Doodle che richiama i suoi studi sulla struttura dell’atomo e sulla meccanica quantistica. Il Nobel venne assegnato a Niels Bohr, infatti, con la seguente motivazione: “per i suoi servizi nell’indagine sulla struttura degli atomi e della radiazione che emana da essi”.
BIOGRAFIA – Di famiglia agiata: suo padre Christian era professore universitario (cattedra di Fisiologia) ed è conosciuto per essere stato colui che ha scoperto un effetto dell’emoglobina battezzato con il suo nome “effetto Bohr”; sua madre, Ellen Adler Bohr, apparteneva ad una ricca famiglia ebrea influente nel mondo bancario; il fratello Harald era un matematico e giocò alle olimpiadi nella nazionale danese. Uno dei suoi figli Aage Niels Bohr (1922-2009), è stato un Premio Nobel per la fisica nel 1975. Niels Henrik David Bohr è morto il 18 novembre 1962 a Copenaghen.
TEORIE – Dopo che Rutherford propose il suo modello di atomo la cui massa era quasi tutto concentrara in una parte molto piccolo (il cd nucleo) su cui orbitavano gli elettroni, Bohr si curò di presentare un modello di atomo in cui intodusse la teoria degli elettroni che si muovono su orbite precise che corrispondo ai diversi stadi di energia intorno al nucleo dell’atomo. Inoltre Bohr fu il primo a mettere le basi della teoria dei quanti portando avanti l’idea che un elettrone può cadere da un’orbita di alta energia a una con energia minore emettendo un fotone di energia definitia. In ogni modo i contributi alla fisica da parte di Bohr che si confrontò in più occasioni con Albert Einstein (spesso anche vivacemente soprattutto sui fondamenti fisici e filosofici del mondo naturale) furono diversi come il principio di complementarietà che Bohr sviluppò e fece da cornice alla meccanica quantistica entro cui venne ad essere inserito il principio di indeterminazione di Heisenberg.
RICONOSCIMENTI – Il nome di Bohr lo ritroviamo nella chimica dove esiste un elemento chiamato in suo onore Bohrio; nell’universo un asteroide è stato chiamato 3948 Bohr e sulla lune c’è un cratere e una valle che portano il suo nome; nelle 500 corone danesi appare la sua immagine mentre l’Istituto di Fisica all’Università di Copenaghen gli è stato intitolato e porta il nome di “Istituto Niels Bohr”.
DOODLE – Scorrendo il mouse sul nuovo logo di Google apparso allo scoccare della mezzanotte di domenica 7 ottobre in ogni paese del mondo si legge (paesi che usano l’inglese) Niel Bohr’s 127th Birthday (in Italiano 127/esimo compleanno di Niel Bohr) mentre cliccando su di esso si ottengono i risultati della chiave di ricerca Niels Bohr.