Home / Notizie / Quirinale: Monti intende dimettersi dopo legge stabilità

Quirinale: Monti intende dimettersi dopo legge stabilità

ROMA – Il Premier Mario Monti ha manifestato al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano la volontà di dimettersi immediatamente dopo l’approvazione di Camera e Senato della legge di stabilità. Lo si apprende da un comunicato pubblicato sul  sito ufficiale del Quirinale dove il Presidente del Consiglio è stato ricevuto dal Capo dello Stato. Quest’ultimo – secondo la nota diffusa – ha prospettato al Presidente del Consiglio l’esito dei colloqui avuti con i rappresentanti delle forze politiche che avevano dall’inizio sostenuto il Governo e con i Presidenti del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati”. Monti ha invece rilevato che a successiva dichiarazione resa ieri in Parlamento dal Segretario del PdL on. Angelino Alfano costituisce, nella sostanza, un giudizio di categorica sfiducia nei confronti del Governo e della sua linea di azione”. Alfano ha dichiarato ieri che dopo 13 mesi di governo Monti la situazione economica è peggiorata rispetto a quando il professore bocconiano è stato chiamato al posto di Berlusconi. Tutto ciò premesso “il Presidente del Consiglio non ritiene pertanto – conclude il comunicato – possibile l’ulteriore espletamento del suo mandato e ha di conseguenza manifestato il suo intento di rassegnare le dimissioni. Il Presidente del Consiglio accerterà quanto prima se le forze politiche che non intendono assumersi la responsabilità di provocare l’esercizio provvisorio – rendendo ancora più gravi le conseguenze di una crisi di governo, anche a livello europeo – siano pronte a concorrere all’approvazione in tempi brevi delle leggi di stabilità e di bilancio. Subito dopo il Presidente del Consiglio provvederà, sentito il Consiglio dei Ministri, a formalizzare le sue irrevocabili dimissioni nelle mani del Presidente della Repubblica”.