Home / Notizie / Legge Elettorale: proposta per il doppio turno di collegio

Legge Elettorale: proposta per il doppio turno di collegio

Fabio Guarna
Fabio Guarna

NUOVA LEGGE ELETTORALE – Diverso tempo fa e in tempi non sospetti mi ero spinto a proporre una legge elettorale diversa da quella che ci stiamo trovando da qualche tempo (troppo) a questa parte.  L’avevo fatto in tempi non sospetti e mentre tutti dicevano che l’attuale sistema elettorale andava cambiato. Non è cambiato nulla da allora ma il dibattito sulla legge elettorale è sempre attuale, ed ora lo è più che mai. Così provo a rilanciare la proposta che riguarda il sistema a doppio turno di collegio, che a mio giudizio, è  certamente il più interessante da valutare. I rappresentanti del popolo infatti, sia che essi siano gli attuali deputati di un sistema biparlamentare perfetto o di un sistema che distingue nelle funzioni Camera e Senato, hanno il compito primario di filtrare le istanze del popolo e su questa base indirizzare la loro attività parlamentare. Con il doppio turno un’azione rivolta in questo senso si esalta e soprattutto potrebbe rivelarsi più efficace se invece dovesse preferirsi un sistema proporzionale o maggioritario all’inglese. Certo con il “doppio turno” si produce un effetto che non va trascurato. Infatti ad essere penalizzati sarebbero i cosiddetti partiti antisistema, quelli che rendono instabili i governi ma hanno la capacità di bloccare alcune derive illiberali, sempre in agguato nelle democrazie pluraliste. Non solo. Pero è  importante anche, valutando il “caso italiano”, ragionare sulla novità del Movimento Cinque Stelle che è diventato un contenitore di buone idee capace di attrarre molto consenso e capace di scardinare democraticamente la parte obsoleta del sistema. Ed è giusto anche ragionare sui partiti politici e sulla dichiarata (?) volontà di alcuni di aggregarsi  per formare una sola coalizione. Pensiamo al ruolo svolto in passato dai vecchi partiti che di fatto erano giunti ad una istituzionalizzazione della loro presenza in ogni parte dell’apparato statale. Una occupazione che ha prodotto durante la c.d. prima repubblica non poche difficoltà a far emergere una nuova classe dirigente selezionata secondo  un criterio di meritocrazia. Un sistema che ha condannato le elites intellettuali e le persone capaci, a restare al margine della gestione della cosa pubblica. Uomini che sarebbero stati indispensabili ad una politica assegnata ad amministrare il paese guardando al futuro. Ci siamo lasciati dirigere da politici che piuttosto di trovare soluzioni alle numerose problematiche presenti non hanno potuto far altro a causa delle loro limitate capacità che governare attraverso provvedimenti tampone. Si tratta di una circostanza che ha investito l’intero paese: dai governi nazionali a quelli regionali. Certo il sistema elettorale non può risolvere tutto, ma non c’è dubbio che una notevole importanza nella selezione della classe dirigente la determina. Se al doppio turno, infatti, si accompagnerà una corretta divisione dei seggi separati per area geografica, le coalizioni saranno costrette a trovare il candidato migliore, non solo per consenso ma anche per capacità. Con il doppio turno si consente agli elettori, infatti di decidere i candidati che andranno al ballottaggio. In altri casi i giochi sono già fatti e poco resta da decidere – Fabio Guarna

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. +INFO

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close