Home / Locale / Calabria / Soverato / Soverato, Gianni Calabretta su area fiera artigianale

Soverato, Gianni Calabretta su area fiera artigianale

Gianni Calabretta
Gianni Calabretta

SOVERATO – In merito all’individuazione di nuove aree per lo svolgimento della fiera artigianale estiva, oggetto di una recente delibera a firma del Commissario Prefettizio Maria Virginia Rizzo, l’ex sindaco di Soverato Giovanni Maria è intervenuto con una lettera aperta, diffusa agli organi di informazione, in cui chiede all’attuale rappresentante dell’Ente,  di riconsiderare l’atto. Scrive Gianni Calabretta, di professioni ingegnere e sindaco della città dal 1993 al 2001 a guida di un’amministrazione  espressione di un  movimento chiamato Pedalando Volare nonché consigliere dal 2006 al 2011 rivolgendosi alla Dott.ssa Rizzo: “Con la delibera richiamata in oggetto l’Ente da Lei rappresentato, modificando le volontà delle Amministrazioni democraticamente elette, che si sono succedute nel tempo,  e recependo le richieste degli operatori economici interessati, ha individuato nuove aree per lo svolgimento della fiera estiva lungo la fascia verde adiacente al Lungomare Europa dall’incrocio con via Pitagora e fino al locale Gange. Non intendo – prosegue Calabretta – con questa mia sollevare questioni di legittimità dell’atto, che pure potrebbero essere fatte valere; vorrei invece farLe notare che il Lungomare di Soverato, così come configurato, rappresenta sicuramente la più importante risorsa della città. Mi riferisco alla peculiarità di vedere a valle lo stupendo panorama del golfo di Squillace e a monte una considerevole dotazione di verde pubblico.  Con la delibera adottata, Lei rappresenta la necessità di “consentire lo scorrimento del traffico e di garantire un maggior numero di parcheggi”, ma salta a piè pari ogni considerazione sulla necessità/opportunità di salvaguardare/tutelare e valorizzare l’eccezionale patrimonio di verde, che costituisce, come già detto, una peculiarità e che con la destinazione impressa dalla delibera verrebbe sacrificato. Vorrei per ultimo far notare – conclude nella sua lettera aperta  l’ex sindaco di Pedalando Volare – che la questione è stata sollevata e discussa più volte in Consiglio Comunale e che, in tempi ormai lontani, si sono succedute numerose manifestazioni popolari invocando le ragioni preminenti della difesa del verde pubblico”.

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. +INFO

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi