Home / Sport / Calcio / Calciomercato Juventus: Esta Tevez

Calciomercato Juventus: Esta Tevez

Manca solo l’ufficialità, ma pare proprio che stavolta Marotta sia riuscito a concludere una trattativa di spessore.
Il famoso “top player”; nulla a che vedere con il giovane Tom Cruise o con le vittime preferite dell’altro Tom, il gatto.
Un attaccante con la “a” maiuscola per Conte e un riferimento importante per Pirlo, Marchisio e Vidal che da due anni cercano qualcuno in area e al massimo trovano, di passaggio, l’arbitro.
Carlitos Tevez è un ragazzo argentino di 29 anni, dal passato calcistico illustre.
Ha vestito le maglie delle due squadre di Manchester e quella del Boca, che in Argentina vuol dire semplicemente fascino.
Ha trascorso anche una stagione al Corinthians e pare che adesso si sia convinto ad arrivare in Italia. Alla Juventus.
L’Apache, così soprannominato in onore del barrio in cui è nato, ha sempre segnato goal a raffica, è titolare nell’albiceleste e può giocare ovunque al di là del centrocampo.
Ha grande tecnica, un buon dribbling, ma soprattutto un istinto letale sotto porta.
Più forte e meno caro di Higuain, che la Juve ha cercato per due mesi, Tevez potrebbe comporre una coppia tutta genio e sregolatezza con l’istrione Vucinic.
Carlitos è cresciuto, come accennato, nel barrio “Fuerte Apache”, un ridente quartiere di Ciudadela vicino Buenos Aires (per capirci, se vi viene voglia di vedere l’Argentina, non proprio una delle zone più belle da visitare).
Il bomber è venuto su, quindi, in una zona difficile, ha un bel caratterino e dovrà guidare l’attacco bianconero.
Oddio, guidare….
Gli hanno ritirato la patente già diverse volte, non è il più amato dalla stradale di Manchester.
Lui li ha presi in giro per un anno, mimando surreali scene al volante in occasione di ogni esultanza.
Il Milan lo ha corteggiato per tantissimo tempo, ma a Galliani non è riuscita una seconda “operazione Balotelli”.
Se il Napoli prende Dzeko e il Real Aguero, l’anno prossimo il City giocherà con Massimo Margiotta in attacco, ma questa è un’altra storia.