Home / Locale / Calabria / Soverato / Soverato, archeologia. Nei fondali tracce della "città perduta"

Soverato, archeologia. Nei fondali tracce della "città perduta"

Una interessante iniziativa si è tenuta nei giorni scorsi a Soverato per volontà del GlaucoBeachClub che è ben riuscita non soltanto per le qualificate presenze e le preziose riflessioni che sono emerse, ma anche per la risonanza mediatica che ha prodotto nell’ambiente dell’archeologia e dell’archeologia subacquea in particolare.
Infatti – se è vero come è vero – che nelle acque della cittadina jonica giacciono delle macine cilindriche di grandi dimensioni in roccia sedimentaria, risalenti ad un’epoca da stabilire ma comunque lontanissima nei secoli (periodo ellenico, insediamento romano)) si potrebbe dire che gli archeologi studiando la Calabria non potrebbero disinteressarsi di Soverato, tanto che una delle tappe fra i siti archeologici calabresi dovrebbe essere proprio la cittadina jonica. Per fare il punto della situazione – come dicevamo – e sensibilizzare l’opinione pubblica, ma anche per capire quali scenari di ricerca si potrebbero prospettare per il futuro, il GlaucoBeachClub di Soverato la cui sede è proprio davanti le acque dove si nascondono le vestigia subacquee di San Nicola, ha promosso un incontro al quale hanno partecipato autorevoli nomi legati al settore dell’archelogia in Italia, fra i quali Stefano Mariottini, dell’Associazione Kodros noto anche come il sub scopritore nel 1972 dei Bronzi di Riace, Rosario Santanastaso, geologo e referente nazionale di Mare Nostrum-Archeoclub Italia, Paolo Caputo, comitato scientifico di Mare Nostrum, Mariateresa Jannelli, dirigente sovrintendenza beni archeologici della Calabria. Vero è che, sebbene l’iniziativa fosse ispirata dal carattere divulgativo, l’interrogativo sul cosa fare per valorizzare l’area è stato il leit motiv di molti interventi. A cominciare da Biagio Mauro Sciarra, Comandante dell’Ufficiale Circondariale Marittimo di Soverato che ha ben illustrato gli aspetti giuridici finalizzati alla tutela del patrimonio che si presentano come il riferimento per ogni attività che si intende svolgere, sia nel senso di ricerca che nella direzione della conservazione e valorizzazione dell’area. Prima di entrare nel vivo dell’argomento, il Dott. Caputo e il Dott. Santanastaso si sono soffermati più in generale sulle modificazioni e variazioni della costa in siti archeologici, puntando l’attenzione su quelli della Campania e quali azioni sono state intraprese per la fruizione e valorizzazione degli stessi. Quindi Teresa Jannelli pur affermando che non esiste – al momento – un progetto di valorizzazione dell’area, ha confermato che essa suscita interesse evidenziando l’importanza di sensibilizzare anche i non addetti ai lavori con attività di divulgazione. Una serie di perplessità sono state avanzate dai relatori sulle tecniche per arrivare ad una data certa relativa all’epoca del sito. Sito che peraltro dovrebbe far parte di una più ampia area che toccherebbe Soverato Vecchio, la Necropoli sicula di San Nicola e le Cave. Durante l’incontro è stato ricordato che diverso tempo prima da quando l’area è stata sottoposta a vincolo di tutela (anno 2012) si erano già avute delle interessanti conferme della presenza di un sito archeologico. (Per quanto riguarda i ritrovamenti sommersi ne parliamo nell’intervista a margine). Durante le tante immersioni effettuate dai sub locali sono stati rinvenuti diversi manufatti di provenienza della cave consistenti in almeno una decina di mole, una presunta bitta romana, un architrave in pietra, diverse ancore litiche rinvenute da Angela Maida del gruppo Paolo Orsi ed altro ancora. Ed ora dopo l’arrivo di una comunicazione protocollata il 02 gennaio del 2012 in cui si rendeva noto che era stato stabilito che l’area era sottoposta a vincolo di tutela, aspettiamo che la cronaca diventi storia.

Taglio di Cava 06-2012
Taglio di Cava 06-2012
Stefano Mariottini ass Kodros
Stefano Mariottini ass Kodros
Relatori 01 foto
Relatori
Dott.ssa Maria Teresa Iannelli Soprintendenza dei beni Archeologici Calabria
Dott.ssa Maria Teresa Iannelli Soprintendenza dei beni Archeologici Calabria
esterno cava san nicola 2012 - 5
Esterno Cava San Nicola 05-2012
esterno 2  2012 - 4_1
Esterno
esterno 2  2012 - 4
Esterno
Dott. Rosario Santoanastasio (Referente nazionale Marenostrum di Archeoclub d'Italia)
Dott. Rosario Santoanastasio (Referente nazionale Marenostrum di Archeoclub d’Italia)
Dott. Paolo Caputo (Comitato scientifico Marenostrum di Archeo Club d'Italia).
Dott. Paolo Caputo (Comitato scientifico Marenostrum di Archeo Club d’Italia).
Assemblea 01 foto
Assemblea
DIGITAL CAMERA
Foto Subacquea
Le Cave Ancora in pietra
Le Cave Ancora in pietra
Le Cave Macina
Le Cave Macina
foto trasmessa per la pubblicazione da Oreste Montebello in cui si vede un sub accanto a delle macine accatastate. La foto è stata scattata nel 2010. Nel 2012 infatti l'area è stata sottoposta a vincolo e non si possono fare immersioni
foto trasmessa per la pubblicazione da Oreste Montebello in cui si vede un sub accanto a delle macine accatastate. La foto è stata scattata nel 2010. Nel 2012 infatti l’area è stata sottoposta a vincolo e non si possono fare immersioni

Check Also

Soverato: incidente mortale alle porte della cittadina jonica

SOVERATO (CZ) – Una vittima e tre feriti è il bilancio di un incidente stradale …

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. +INFO

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close