Home / Mondo / Khalil Shreateh, il bug di Facebook, la privacy e l'ingratitudine

Khalil Shreateh, il bug di Facebook, la privacy e l'ingratitudine

Khalil Shreateh, hacker palestinese, così presentato dai media su cui sta rimbalzando la notizia, dopo avere scoperto un bug di Facebook e avere segnalato il problema al colosso informatico, violando però l’account di Zuckerberg, si è visto bannato. La violazione gli è costata il ban e soprattutto una grande delusione considerato che l’aspettativa di chi segnala un baco è quella di ricevere una ricompensa di almeno 500 dollari per averla individuata. Il baco scoperto da Shreateh, riguarda la possibilità di inserire un’immagine sul diario di un utente di Facebook anche se questo non risulta nella lista dei propri amici. Facebook ha risolto il problema che è stato descritto da Khalil Shreateh sul suo blog più dettagliatamente e in un video su Youtube. Non è detto, però che Fb ci ripensi e dopo avere rimosso il ban, riconosca una meritata ricompensa al blogger.

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. +INFO

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close