Home / Locale / Calabria / Montepaone / Rosa Tuccio: "di Vento e d'Acqua" prefazione di Giovanna Mulas

Rosa Tuccio: "di Vento e d'Acqua" prefazione di Giovanna Mulas

MONTEPAONE (CZ) – Rosa Tuccio è di Montepaone, cittadina sulla costa jonica catanzarese il cui territorio si estende dal mare alla collina. Ed è proprio nel suo paese che il 14 settembre prossimo presenterà alle 18,30 “di Vento e d’Acqua” (Luigi Pellegrini editore) presso il residence Estella. La prefazione è di Giovanna Mulas, scrittrice di origini sarde di successo che con il suo intervento certifica la qualità della raccolta di Rosa Tuccio, autrice riservata e apprezzata da chi legge i suoi versi capaci di trasmettere emozioni che soffiando sull’anima bagnano il cuore (di Vento e d’Acqua ndr). La Mulas nella sua prefazione scrive: “La giovinezza è nella vita il tempo di un cambiamento di stagione in cui l’urgenza segreta dei fiori e dei frutti si fa vedere d’improvviso fuori nella bellezza e nei colori, scriveva R. Tagore. Leggo una Tuccio da stagioni di vita, che si distingue per i voli alti e per quelle proprietà inconscie che vengono alla luce scrivendo del buio-silenzio nel buio-silenzio: ciò che Virginia Woolf avrebbe definito filosofia dell’anonimato. Un eterno, quello dipinto dalla Tuccio, che delimita uno spazio riscoperto – suo o non suo, poco importa – che lì è sempre stato, anche quando non sentito”.Un qualcosa cambierebbe nell’autrice, le si romperebbe ogni speranza se quell’eterno andasse a perdersi così e di nuovo, tra una nota di vento e l’altra”.

Presentazione "di Vento e d'Acqua" di Rosa Tuccio
Presentazione “di Vento e d’Acqua” di Rosa Tuccio