Home / Sport / Calcio / Analisi di Napoli-Inter

Analisi di Napoli-Inter

E’ soprattutto la partita degli ex Mazzari e Benitez:il primo  torna a Napoli, un po’ la sua Napoli dopo quattro anni,una coppa Italia vinta,due qualificazioni Champions e molte imprese sportive che hanno esaltato i supporters  partenopei, ma che ha ricevuto anche ultimamente non poche frecciate dal suo ex presidente De Laurentis, mentre il secondo si ritrova di fronte la squadra che è  stata sua, malgrado per pochi mes, lasciandola  a campionato in corso  con la vittoria nel Dicembre del 2010 del Mondiale per clubs,ma offuscato dal  gravoso peso della successione di Mourinho,che  aveva lasciato l’Inter,a sua volta,  con un memorabile triplete. Potrà essere per l’Inter l’opportunità di avvicinarsi sensibilmente al terzo posto occupato dal Napoli,mentre per quest’ultimo di rafforzare la sua posizione in classifica e magari almeno per un solo giorno accorciare le distanze dalla Roma,proprio domani impegnata in un test molto complesso contro il Milan , a San Siro. Qui di seguito il commento del match: la partita ha il via con un tiro di Cambiasso, svirgolato da buona posizione. Al nono minuto, Higuain, su assist involontario di Nagatomo, di collo piede sinistro infila Handanovic, per lui ottavo goal in campionato. Un minuto dopo il  Napoli insiste con un tiro da buona posizione di Meertens, che però non impensierisce il portiere avversario. Al quindicesimo il nipponico Nagatomo tenta di riscattarsi dal madornale errore commesso in occasione del goal del Napoli, con una conclusione, però velleitaria. Al ventunesimo Guarin colpisce potente dai 30 metri,ma il pallone finisce lontano dalla porta. Al venticinquesimo Insigne sferra un destro micidiale che viene fermato solo dal palo sulla sinistra di Handanovic. Al ventinovesimo Palacio conclude alto, dopo uno schema, direttamente da calcio di punizione. Al trentacinquesimo azione tambureggiante degli ospiti, che parte da un assist in mezzo all’area di Guarin, con velo di Palacio, leggero tocco di Alvarez e tiro finale di Cambiasso che sigla l’1-1.  Dopo solo tre minuti, il Napoli si riporta in vantaggio con un’azione in verticale che porta Meertens a calciare dal limite dell’area e battere Handanovic per la seconda volta. Al quarantunesimo Dzemaili assesta un durissimo colpo all’Inter mettendo a segno il 3-1 dopo un’ottima azione personale di Meertens. Allo scadere del primo tempo Guarin di prepotenza calcia da dentro l’area e la sua conclusione diventa un assist per Nagatomo che a porta vuota non può sbagliare il 2-3, con cui si conclude il primo tempo. Dopo dieci minuti dalla ripresa Nagatomo ci prova dalla distanza, ma senza intimorire Rafael. Al tredicesimo Callejon sfiora di un soffio la realizzazione, ma il pallone finisce fuori di poco. Al ventesimo prodezza di Rafael, su botta ravvicinata, a colpo sicuro di Guarin. Al ventiseiesimo Alvarez compie un’ingenuità e per un fallo di mano a metà campo prende il secondo giallo e lascia in 10 i suoi compagni. Tiro debole di Palacio,che non preoccupa Rafael. Callejon ,invece,da due passi mette a segno il 4-2,su assist di Insigne. Merteens,subito dopo, sfiora la goleada, ma il suo tiro va fuori.Così una delle super sfide della sedicesima giornata,assieme a Milan-Roma,vede vittoriosa il Napoli,che allunga sulle inseguitrici al terzo posto e riduce di molto il gap dalla seconda piazza.

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. +INFO

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close