Home / Sport / Calcio / Serie A al giro di boa

Serie A al giro di boa

SERIE A 2013/14 – Si è arrivati al giro di boa dopo diciannove giornate di serie a, con alcune sentenze per certi versi inappellabili; la prima è la vittoria numero undici consecutiva per la juventus che chiude il suo girone d’ andata con 52 punti e che potranno essere in proiezione oltre 100 punti a fine stagione. La formazione bianconera soffre inizialmente contro il cagliari, passa in svantaggio ma poi vince con un largo 4-1.Non riescono adavvicinarsi dunque alla capolista, in ordine Roma e Napoli, nonostante due vittorie convincenti contro avversari ostici quali Genoa ed Hellas Verona, e sebbene chiudano il girone d’andata, con record assoluto per entrambe rispettivamente con 44 e 42 punti. La fiorentina non riesce a sbancare Torino sponda granata, con una squadra offensivamente in palese difficoltà, viste le assenze importanti di Gomez, ormai da tempo inenarrabile e di Rossi, sul quale aleggia in modo inquietante l’incubo di un nuovo ennesimo grave infortunio. In attesa del match dell’Inter, l’ altro versante di Milano perde malamente in casa del Sassuolo trascinata dal calabrese Berardi, di proprieta’ della Juve, che mette a segno un incredibile quaterna alla sola eta’ di 19 anni, e si piazza cosi’ al secondo posto come bomber piu’ prolifico della storia del calcio professionistico italiano dopo il mitico ed indimenticabile Piola. Si puo’ parlar cosi’ di fatal Sassuolo per Allegri, che viene esonerato dopo la settima sconfitta in campionato;proprio quella Sassuolo che lo fece passare alla ribalta come allenatore, vincendo un prestigioso campionayo di lega pro. Lascia il Milan dopo quasi 4 stagioni, con all’ attivo un primo, un secondo ed un terzo posto e lo fa anticipatamente rispetto alla data dell’ addio già ampiamente annunciato. Al suo posto si fanno i nomi dell’ eterno vice Tassotto, di Pippo Inzaghi o di quello che dovrebbe essere con ogni probabilita’ il succesore effettivo al posto dell’ allenatore livornese e non un semplice traghettatore, ovvero Clarence Seedorf. In bassa quota dopo esser saltata, in settimana, la panchina di Pioli al Bologna, salta pure quella di Davide Nicola a Livorno , e l’ unica formazione a fare in verita ‘ un deciso balzo in avanti e’ l’ Atalanta, vittoriosa contro il Catania.