Home / Sport / Calcio / La Juvents batte il Milan, ma la Roma risponde

La Juvents batte il Milan, ma la Roma risponde

Seppure il campionato, per molti, pare aver preso una chiara direzione verso la conferma della squadra allenata da Max Allegri quale campione d’Italia per la quarta volta consecutiva, ieri, invece, pur dopo l’ennesima vittoria juventina ai danni del Milan, la Roma non ha stentato, ma ha reagito battendo anch’essa un colpo, su un terreno impervio quale quello del Cagliari di Gianfranco Zola, rimanendo pertanto ancora in scia con sette lunghezze di distacco.
Era una Roma, con ben dodici defezioni, ma a queste hanno posto rimedio i giovani della rosa, ossia Lijaic, Paredes e soprattutto l’italiano Verde, classe ’96, e allievo del gran maestro De Rossi senior, mister della Primavera giallorossa.
Quest’ultimo si rende autore di due assist, per i compagni sopra menzionati, di cui il primo, da lasciare tutti basiti.
Non sono mancate, sebbene dopo una vittoria importante per tre ad uno, le polemiche tra le società di Milan e Juve, per replay ed immagini manipolate, altre omesse, ed evocazioni a prospettive, geometrie, sino a giungere addirittura alla guerra sulla broadcasting.
Non si sono fatte attendere le battute, talvolta pure delle piccole cadute di stile, per sfiorare quasi il turpiloquio.
La sana continuazione di un complesso rapporto tra Juve e Milan, che nonostante la riappacificazione degli ultimi tempi, pare aver subito una decisa incrinatura, che, ad ogni occasione buona, emerge vistosamente.
Il Napoli, a metà tra l’anelito di secondo posto, distante solo 4 punti, e quello di provare lo strappo decisivo per assicurarsi il terzo ed ultimo posto utile per la qualificazione alla prossima Cl, passando dai preliminari, non sbaglia contro una pimpante Udinese, e ci riesce sfoderando altri assi offensivi, quali Gabbiadini e Mertens, che sostituiscono nel tabellino dei marcatori i soliti noti , Higuain e Calleijon.
E’ una Inter che finalmente torna alla vittoria in casa contro il Palermo, degli assenti Dybala e Vasquez, non sul terreno di gioco, ma di sicuro per le loro poverissime ed impalpabili prestazioni.
Vince rifilando tre reti ai rosanero, ma aspetto più curioso, è che a farlo, sono stati due tra i più contestati dopo la sconfitta incorsa col Sassuolo, domenica scorsa, ossia Guarin e Icardi, quest’ultimo autore di una doppietta e salito a quota tredici marcature.
Infine , nei piani bassi della classifica, l’Empoli, superando per due reti a zero il Cesena, fa un bel balzo in avanti portandosi a quota 23, appaiando così l’Atalanta, uscita senza bottino dalla trasferta di Firenze.
Da recuperare, invece, causa rischio neve, la sfida tra un Parma, che non si sa bene ancora da chi sia gestito, per le uscite di scena di Ghirardi prima e di Taci poi,ed un Chievo, sempre più immischiato nella lotta per la permanenza in Serie A, fermo a quota 18 punti in classifica . ROBERTO TOTINO.

Check Also

Euro 2016: Portogallo campione. Batte in finale 1 a 0 la Francia

PARIGI – Il verdetto finale di Euro 2016 è “Portogallo Campione d’Europa”. Il match finale …

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. +INFO

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close