Home / Mondo / Nucleare Iran: nulla di fatto, si profila un nuovo rinvio

Nucleare Iran: nulla di fatto, si profila un nuovo rinvio

Iran foto wikipediaNon sembra intravedersi all’orizzonte la ratifica dell’accordo sul nucleare a Vienna fra le delegazioni dell’Iran e i paesi del 5+1 che dopo il rinvio del 30 giugno avrebbe dovuto concludersi oggi 7 luglio. Nonostante le speranze che avevano manifestato un po’ tutti gli interlocutori dopo il pre-accordo di Losanna della scorsa primavera, sembra che l’intesa salterà. Dalle dichiarazioni rimbalzate sulla stampa qualche giorno fa, sembrava che gli ostacoli potessero superarsi, ma non era certo facile se si tiene conto della posizione di alcuni oppositori interni all’accordo, specie in Iran, per dirne alcuni, come i potenti Pasdaran, i guardiani della rivoluzione, notoriamente contrari a chiudere patti con gli Usa. Né – a dire il vero – sul fronte occidentale, c’erano meno resistenze se si pensa alla posizione assunta dal congresso americano irremovibile sulle modalità di controllo dei siti nucleari e militari. Pare comunque che ci sia la volontà di trovare una ulteriore data di scadenza per la conclusione dell’accordo. Vero è che se l’epilogo fosse un nulla di fatto non bisognerà farsi meraviglia,soprattutto se si ricordano le parole del ministro iraniano, Mohammad Javad Zarif, prima dell’avvio dei negoziati e rimbalzate sulla stampa d’oltreoceano “Failure In Nuclear Talks Wouldn’t Be ‘End Of The World’” (il fallimento nei colloqui sul nucleare non sarebbe la fine del mondo).

Fabio Guarna