Home / Locale / Calabria / Alampi primo al concorso internazionale “De finibus Terrae”

Alampi primo al concorso internazionale “De finibus Terrae”

premio a filippo alampi“Un omaggio alla Calabria per poterla onorare”, ecco cosa ha spinto, Filippo Alampi, calabrese doc, a partecipare alla prima edizione del concorso internazionale poesia “De Finibus Terrae” che lo ha visto classificarsi al primo posto con il sonetto “La terra mia” che si riporta in coda a questa nota. Alampi, calabrese doc, originario di Santa Caterina e radicato a Soverato ha portato alto, fuori dai confini calabresi il nome della sua terra e precisamente a Gallipoli, sede del concorso. Altri componimenti di Alampi sono raccolti nel suo primo libro di poesie dialettali “Mugra e ruvettu” che ha ottenuto molti apprezzamenti ed è in vendita presso la Libreria Incontro di Soverato.

Do’ suli amata

Calabria mia, terra do’ suli amata,
tu sì cchiù bella e ‘na cuverta e sita
pecchì do’ meggjju tilaru fusti tessuta…
e poi, cu’ fregi e fili d’oro, ricamata.

L’unda do’ mari chi ti facia e frangia
nu jornu t’accarizza e n’autru ti stringia
e, ad ogni ura, u so’ culuri cangia
pecchì, a cuncertu cu’ to’ cielu, ida si tingia.

I terri toi su’ tutti virdi e ndorati
pecchì u suli, pe’ quasi tuttu l’annu,
nci duna vasi e chidi appassionati

chi, sulu i cora amanti, dunara sannu
quandu sugnu, d’amuri, tantu piggjjati
chi, pe’ l’amuri loru, on piggjjianu sonnu.

(Filippo Alampi)