Home / Notizie / Senato, Puglisi (Pd): CONI, via libera al ddl su limite rinnovo mandati

Senato, Puglisi (Pd): CONI, via libera al ddl su limite rinnovo mandati

Senatrice Francesca Puglisi
Senatrice Francesca Puglisi

Uno dei modi per rinnovare la classe dirigente è quello di mettere un limite ai mandati. In questa direzione si muove il ddl che ha appena ricevuto il via libera al Senato sui mandati degi organi del Coni e delle Federazioni Sportive che adesso passa alla Camera dei deputati per l’approvazione definitiva. Il dl d’iniziativa dei senatori Raffaele Ranucci e Francesca Puglisi del Partito democratico propone alcune modifiche al decreto legislativo 23 luglio 1999, n. 242. Si tratta di un’iniziativa che consente in caso di approvazione di dare slancio agli assetti dirigenziali delle federazioni sportive, evitando il rischio di fossilizzazione di un settore che nel nostro paese coinvolge milioni di persone e risponde all’esigenza di un cambio di guardia avanzata dal basso. In merito la senatrice del Pd Francesca Puglisi capogruppo in Commissione Sport e Cultura a Palazzo Madama, ha così commentato sui social subito dopo l’approvazione: “L’Aula di Palazzo Madama ha dato il via libera al ddl sui limiti al rinnovo dei mandati degli organi del Coni e delle federazioni sportive. Il ddl non solo intende garantire efficienza e credibilità alle istituzioni sportive del nostro Paese con il limite di mandati e deleghe, ma è un utile segnale di risposta alle istanze di rinnovamento della classe dirigente che sempre più spesso si levano dalla società civile. Lo scopo del ddl – prosegue Puglisi – è sottrarre le Federazioni sportive nazionali al rischio di cristallizzazione nell’assetto gestionale. Per questo è fondamentale rivedere il sistema di rinnovo della dirigenza e dare garanzia dell’effettività del ricambio degli organi direttivi apicali. Questo serve ad una sana e corretta gestione di qualsiasi organismo pubblico”. Puglisi sottolinea che “Lo Sport è un tema di grande rilevanza sociale ed economica e lo dimostrano i dati. 33 milioni di praticanti di cui 3,8 milioni di praticanti nelle associazioni e società sportive, oltre 7,7 milioni negli Enti di Promozione sportiva. Solo il CONI e le Federazioni Sportive annoverano 1200 addetti. Un indotto che coinvolge 35 mila imprese, 100 mila addetti, con un valore aggiunto di 4,5 miliardi e 14 miliardi di fatturato. Circa il 5% del PIL italiano. Un movimento di così grande vastità ha bisogno di avere una governance di grande efficacia, efficienza e soprattutto trasparenza. “Adesso – conclude Puglisi – ci auguriamo che il ddl venga approvato presto dalla Camera dei deputati.”

Fabio Guarna

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. +INFO

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close