Home / Notizie / Monsignor Battaglia (Don Mimmo): ordinato Vescovo – il Vescovo è Cristo che “si abbassa” e “discende”

Monsignor Battaglia (Don Mimmo): ordinato Vescovo – il Vescovo è Cristo che “si abbassa” e “discende”

Don Mimmo - foto di A.Catalano
Don Mimmo – foto di A.Catalano

CATANZARO – E’ difficile o forse impossibile descrivere l’emozione collettiva che ha generato l’ordinazione di Domenico Battaglia (Don Mimmo) a Vescovo. Don Mimmo, partirà presto per la diocesi di Cerreto-Telese-S.Agata per assumere il ministero episcopale. E’ stato ordinato sabato nella cattedrale di Catanzaro. Il Vescovo è Cristo che “si abbassa” e “discende”, come messo in evidenza recentemente su “La Civiltà Cattolica” da Diego Fares, teologo gesuita argentino in un articolo “La figura del Vescovo in Papa Francesco”. Condizione che si manifesta in due gesti che durante la cerimonia di ordinazione assumono – spiega Fares – importante valenza simbolica quando l’ordinato si abbassa con la testa china per ricevere la benedizione e passa tra le persone con una “corporeità coinvolta”. Passare dal rito simbolico alla pratica per Don Mimmo è facile: lo ha sempre fatto e continuerà a farlo.
Quanto al “gossip” della cerimonia c’è da dire che Monsignor Battaglia (si dà che adesso si chiami così anche se il neo-vescovo continua a dire sono sempre Don Mimmo) è scappata qualche lacrima. Lacrime perché lascia la sua terra, lacrime di emozione per questo compito che gli ha affidato il Signore….lacrime…. Diceva qualcuno: “le lacrime sono più facili da versare che da spiegare”. Auguri Don Mimmo (ops…Monsignor Battaglia) da tutto lo staff di Soverato News.

Fabio Guarna

Check Also

Buon Natale e Felice Anno Nuovo da Soverato News

Related

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. +INFO

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close