Home / Locale / Calabria / Montepaone / Montepaone Lido, riuscita iniziativa. L’Arca al Medea, presentazione del libro “Scoprirsi down”

Montepaone Lido, riuscita iniziativa. L’Arca al Medea, presentazione del libro “Scoprirsi down”

MONTEPAONE – Cultura, sensibilità, solidarietà, spettacolo, mare, spiaggia, vacanza, voglia di andare avanti, stare allegri. Potrebbero essere i “tag” giusti per raccontare della riuscita iniziativa che si è tenuta nella splendida cornice del Lido Medea di Montepaone Lido nei giorni scorsi. La manifestazione è stata organizzata da L’ARCA con il coinvolgimento delle Associaxioni AIPD e Ali d’Aquila. Davanti ad un numeroso e qualificato pubblico, l’instancabile animatrice culturale della cittadina montepaonese Giovanna Vecchio ha introdotto la presentazione del libro “Scoprirsi down” di Alberto ed Ezio Meroni. Prima degli interventi si è tenuto uno spettacolo molto apprezzato dai presenti. Alla presenza degli autori il sindaco Mario Migliarese ha portato i saluti a nome dell’amministrazione comunale che ha patrocinato la manifestazione, quindi hanno fatto seguito gli interventi di Giovanna Vecchio, presidente dell’Arca, Marina Dominijanni, coordinatrice Associazione Italiana Persone Down – sez. di Catanzaro, Gerarda Sestito, Presidente dell’Associazione ALI/D’AQUILA onluns e infine le toccanti parole di Alberto ed Ezio Meroni. “Scoprirsi Down – come spiega Alberto presentando il libro – è il racconto della mia vita, dalla gestazione a oggi, dove narro, senza veli e senza sconti, le relazioni e le esperienze vissute in famiglia, a scuola, in oratorio, nello sport, sul lavoro, descrivendo le grandezze e le miserie dei medici, i pregiudizi della società, l’ipocrisia e la generosità della gente, l’importanza degli amici veri. Un cammino non sempre facile, scandito da successi e da incomprensioni, da gioie e da sofferte emarginazioni, guidato da due grandi passioni: la cucina e la pallavolo. Proseguo la mia vita con una convinzione: «La vita è bella e vale la pena di viverla. Anche con un cromosoma in più”.

Fabio Guarna