Calabria

Satriano, 11 settembre: il ricordo di Joe Riverso è vivo

Vi riportiamo un articolo a firma di Fabio Guarna pubblicato oggi da "Il Quotidiano della Calabria" che ricorda Joe Riverso, il giovane figlio di satrianesi che l'11 settembre 2001 perse la vita sulle torri gemelle.Joe Riverso SATRIANO – Sono passati 6 anni da quando l'undici settembre 2001, al 104° piano delle Twin Towers Joe Riverso, il figlio di due satrianesi (Domenico Riverso e Teresina Zangari) perse la vita. Joe, è fra le migliaia di vittime del terrorismo. Padre di una bimba a cui era molto legato, Joe, aveva 34 anni quando i kamikaze di Bin Laden si scagliarono contro le torri gemelle per provocare un massacro di innocenti. Nella mente di ognuno restano i segni di momenti terribili dopo il tremendo impatto con le twin towers degli aerei pilotati dai kamikaze. Di Joe non si sapeva nulla: nessun contatto coi genitori che lo cercavano con angoscia, nessuna traccia di lui negli ospedali e nelle strutture di soccorso dove papà e mamma di Joe si erano diretti immediatamente sperando di rintracciare il proprio figlio fra i superstiti. Di Joe, sembra sia stato trovato tra le vittime, non già com'era prevedibile, il cadavere ma più semplicemente una sua traccia. Joe Riverso era un giovane pieno di vitalità ed era amato e stimato da tutti. La notizia della sciagura dell' 11 settembre quando rimbalzò in Italia e si venne a sapere che fra le vittime potesse esserci un cittadino di Satriano, scosse l'intera comunità satrianese dove Joe aveva parenti e amici. Una notizia che purtroppo con il passare dei giorni trovò conferma. Oggi, a sei anni dalla morte di Joe, ci sembra giusto ricordarlo, come siamo soliti farlo ogni anno, riportando le toccanti parole tratte dal testo di una commemorazione in suo omaggio apparsa sulle colonne del New York Times nel 2001 e che abbiamo avuto modo di tradurre in passato pubblicandola sulle pagine de “Il Quotidiano”. Scrive Al Riccobono, amico di Joe: “Incontrai Joe Riverso una mattina di settembre nel 1976. Arrivò alla St Anthony's School con il resto della sua classe perché la loro scuola era stata chiusa. Ma chi li voleva qui? Era strano allora, tutti questi ragazzi e ragazze che non ci piacevano e viceversa. Ciò che è accaduto l'11 settembre ha cambiato per sempre le nostre vite. Quasi tutti qui stasera siamo stati direttamente o indirettamente toccati dalla tragedia. Pensare a quello che è successo ci rattrista ed addolora. Vorrei approfittare di questo momento per esprimere le nostre condoglianze a tutte quelle famiglie e amici che sono stati devastati da questa tragedia, osservando un momento di silenzio. Questa sera siamo qui per ricordare e rendere onore al nostro amico Joe Riverso. Conoscevo bene Joe e la sua meravigliosa famiglia da quando avevo sette anni. Chiunque abbia avuto il piacere di conoscere Joe o forse l'incredibile fortuna di essere un suo amico intimo può ora riflettere e pensare quanto è stato fortunato. Essere vicino a Joe significava una giornata radiosa, un grande sorriso e allegria a volontà. Joe possedeva tutto questo. Lui era la persona più brillante che abbia mai conosciuto. Faceva sentire meglio le persone che gli stavano attorno. Joe aveva una passione per lo sport in genere. Quando Joe si metteva qualcosa in testa, potresti scommettere che l'avrebbe realizzata in maniera eccellente. Ecco chi era Joe. Era dotato di talento atletico, una mente creativa e un cuore molto grande, ecco la ragione per cui Joe era così robusto. Il miglior amico che potevi avere. Joe aveva un'aura intorno a sé che rendeva il mondo un posto migliore. Se avevi avuto una brutta giornata al lavoro o volevi trovare un posto dove sentirti meglio o ridere, bastava andare da lui… Tutti quelli che conoscono o frequentano lo Sport Page sanno esattamente cosa voglio dire. Joe riusciva a coinvolgere tutti, anche le persone che non conosceva. Nessuno ha mai detto una sola parola cattiva sul suo conto. Invece quello che si sentiva dire sempre su di lui era: “Oh, è un così bravo ragazzo!”. Joe era così preso dal suo lavoro che non riusciva nemmeno a capire quanto lavorasse duramente, ma era il suo modo di vivere. A volte faceva 3 o 4 lavori simultaneamente, ma per lui era normale. Una volta gli chiesero perché conduceva una vita così frenetica e rispose che dedicava tutto quel tempo al lavoro perché non voleva mai dire NO a sua figlia di sette anni, Danielle, quando gli chiedeva qualcosa. Mi sembra che Joe abbia imparato tutto questo dai suoi genitori, che hanno educato il proprio figlio nel migliore dei modi. Alla sorella di Joe, Maria e ai fratelli Ralph e Will dico: “per favore cercate di ricordare sempre questi bei momenti che dureranno per sempre. Nessuno potrà mai portarli via”. La cena di questa sera è solo un piccolo segno di quanto Joe era amato e stimato e di quanto ci mancherà. E ora ritorno indietro con la mente a quella mattina di settembre nel 1976 alla scuola di St Anthony quando quel ragazzino entrò in classe … vorrei avere saputo già da allora che … stava entrando il mio eroe. Joe, ti volevo molto bene e ti rispettavo tantissimo e ancora non so come farò senza di te, ma come al solito tu probabilmente avrai già la risposta e allora per favore aiutami … Grazie “.Fabio Guarna

Read More »

Soverato, avviata azione di manutenzione straordinaria dei fossi pluviali

Sottopasso allagato SOVERATO - Per evitare danni alluvionali l'amministrazione comunale ha avviato una serie di lavori di manutenzione straordinari sui flossi pluviali. L'azione riguarda in particolare - si apprende da un comunicato pubblicato sul sito del Comune e corredato di foto - il fosso Marino, Caramante e Cardarello. "Si tratta di un'operazione di bonifica che è realizzata - conclude il comunicato - esclusivamente con fondi comunali". Nella foto che vedete su questo post vi riportiamo un'immagine d'archivio che si riferisce agli effetti della forte pioggia che nell'autunno del 2004 ha colpito la cittadina jonica e diversi comuni del basso jonio.

Read More »

Soverato, approvato protocollo d'intesa per la metropolitana di superficie

Raffaele Mancini "Con delibera di Giunta Comunale n. 179 del 05.09.2007 è stato approvato - si legge sul sito del Comune di Soverato - il Protocollo d'intesa con l'Amministrazione Provinciale per la realizzazione della "metropolitana di superficie" che collegherà la città di Soverato con la città di Catanzaro e con l'aeroporto di Lamezia Terme". L'intero comunicato è interamente consultabile sul sito del Comune di Soverato.

Read More »

Soverato flash: consiglio comunale il 12 e approvato progetto esecutivo strada per Soverato Superiore

SOVERATO - Non essendo stato raggiunto il numero legale il consiglio comunale previsto nei giorni scorsi salta alla seduta del 12 settembre alle ore 16,00 (convocato-consiglio-comunale-per-l1-settembre-2007/). Intanto la giunta comunale ha approvato il progetto esecutivo per la c.d. la strada di decongestionamento del traffico per un importo che ha subìto rispetto alle previsioni un ridimensionamento da 3.500.000,00 euro a 1.150.000,00 euro "in quanto tale è stata la somma - si legge in una nota pubblicata sul sito del Comune di Soverato - realmente messa a disposizione per il 'patto territoriale versante jonico' ". Il progetto prevede la realizzazione di un'arteria stradale che servirà a congiungere la strada di collegamento Soverato-Cittadella a Soverato Superiore che sarà in parallelo a Via Miceli.

Read More »

Montepaone, Nicola Gratteri ha presentato il libro "Fratelli di sangue"

Nella foto da sinistra Giuseppe Baldessarro, Nicola Gratteri, Luca Melo MONTEPAONE - 01 settembre 07 - Presentato ieri a Montepaone Lido in Piazza S.Francesco di Paola il libro "Fratelli di sangue" di Nicola Gratteri e Antonio Nicaso. L'iniziativa organizzata, promossa dall'Associazione culturale Macondo, ha registrato un grosso successo di pubblico. Il magistrato di punta della DDA di Reggio Calabria, Gratteri, ha risposto alle domande di Giuseppe Baledessarro, cronista de "Il Quotidiano della Calabria" e corrispondente de "La Repubblica" e agli interrogativi di Luca Melo dell'associazione Macondo. Il magistrato reggino si è soffermato sul tema della criminalità organizzata e degli intrecci della 'ndrangheta con il mondo degli affari. "Fratelli di sangue" è un libro scritto a quattro mani in cui gli autori come si legge fra le altre cose in una recensione "... stilano in questo volume il fascinoso racconto della camaleontica metamorfosi di un'organizzazione che, felpata e quasi impercettibile, giganteggia ovunque riuscendo bene ad adeguarsi alle nuove esigenze del mercato, senza mai venire meno alle proprie caratteristiche, alle proprie regole e ai propri valori, come il silenzio e il vincolo di sangue. Da qualche decennio, è leader incontrastata nel traffico di cocaina dal Sud America verso l'Europa, ma per molti continua ad essere una versione stracciona, casareccia della mafia siciliana, un fenomeno tipico dell'arretratezza, rinchiuso in Calabria nella monocultura delle faide". Su Libreriauniversitaria è disponibile l'intera recensione.Nella foto da sinistra Giuseppe Baldessarro, Nicola Gratteri, Luca Melo

Read More »

Soverato, convocato consiglio comunale per l'1 settembre 2007

SOVERATO - È stato convocato dal Presidente del consiglio comunale, Giancarlo Tiani, per sabato 1 settembre  il civico consesso di Soverato. La prima convocazione è prevista per le ore 10,00 dell'1 settembre, in mancanza di numero legale è prevista una seconda convocazione per il 12 settembre alle ore 16,00. Fra i punti all'ordine del giorno: "richiesta di convocazione del Consiglio Comunale presentata dai Gruppi Consiliari Associazione Partito Democratico e Centro Sinistra Progetto per Soverato per discutere della deliberazione di G.C. n. 164 del 30/07/2007 avente ad oggetto l'ampliamento dei posti dell'area fieristica ubicata nel campo di calcio “Nunzio Marino”; Mozione presentata dal Gruppo Consiliare Associazione Partito Democratico nel corso della sereduta del Consiglio Comunale del 25 agosto 2007 richiedente l'annullamento in autotutela di tutte le multe elevate nella zona parcheggi con strisce blu".

Read More »

Soverato, convegno promosso dal sindacato giornalisti della Calabria

SOVERATO - Si terrà domani 30 agosto 2007 alle ore 17,30 a Soverato presso il teatro comunale un incontro-dibattito promosso dal sindacato dei giornalisti della Calabria sul tema: "libertà di stampa tra normative e opinione pubblica". Sono previsti fra gli altri gli interventi di Luigi De Magistris, Pubblico ministero presso il Tribunale di Catanzaro, Clementina Forleo, Giudice delle indagini preliminari presso il Tribunale di Milano, Giacomo Mancini, deputato, Angela Napoli, deputato, Carterina Malavenda, avvocato. Carlo Parisi, segretatro regionale del sindacato dei Giornalisti della Calabria coordinerà i lavori che saranno introdotti da Massimo Tigani Sava consigliere regionale del Sindacato dei Giornalisti della Calabria. Chiuderà i lavori Lorenzo Del Boca, presidente nazionale dell'ordine dei giornalisti. In scaletta al programma i saluti del Presidente dell'ordine dei giornalisti della Calabria Giuseppe Soluri e del sindaco di Soverato, Raffaele Mancini.

Read More »