Calabria

Resoconto incontro fra sindacati ed Agazio Loiero

Comunicato Stampa Catanzaro, 17 gennaioL'On. Agazio Loiero, candidato del centrosinistra alla presidenza della Regione, ha incontrato oggi a Lamezia Terme i rappresentati sindacali calabresi."La nostra proposta è un patto regionale per lo sviluppo sociale, economico e culturale della Calabria". Così l'On. Loiero ha commentato stamani a Lamezia il senso del confronto con i rappresentanti sindacali calabresi Fernando Pignataro, Luigi Sbarra e Roberto Castagna, tutti fortemente critici con la politica espressa dal governo regionale in questi ultimi anni. "Partiremo da tre punti centrali - ha spiegato Loiero -. Il primo è rappresentato dall'Assemblea di Lamezia dove per la prima volta abbiamo sancito un nuovo modo di concepire la politica, sostenendo interazione tra i soggetti sociali e condivisione di programmi, ricucendo soprattutto quei tessuti frammentati da anni di lacerazioni istituzionali. L'Assemblea di Lamezia ha già tracciato indicazioni programmatiche e un quadro di riferimenti generali da cui trarre profitto. Il secondo punto è la "scatola dei valori", vale a dire quei principi cardine come la solidarietà e lo sviluppo sociale, ai quali bisogna necessariamente ispirarsi per crescere insieme. Infine la terza questione è l'identificazione delle priorità rilevanti da "aggredire" come la disoccupazione e la soglia di povertà, apparsa pericolosamente negli ultimi cinque anni, che fanno vivere alla Calabria una situazione di forte allarme sociale". Loiero era accompagnato durante questo forum sull'economia e il lavoro, da tre rappresentanti del mondo universitario calabrese con i quali è stata avviata un'intensa fase di progettazione: Antonio Viscomi, docente di Diritto del Lavoro alla facoltà di Giurisprudenza a Catanzaro, Mimmo Cersosimo, docente di Economia Regionale della Facoltà di Economia a Cosenza e Leone Pangallo, docente di Pianificazioni Territoriali alla Facoltà di Architettura di Reggio Calabria. "Il primo impegno - ha spiegato Cersosimo - sarà quello di darsi un sistema di regole trasparenti e un patto di corresponsabilità fra tutti i soggetti sociali. Non un governo regionale autoreferenziale ma che attui concertazione e forme di partnership istituzionalizzate, innescando una pedagogia del confronto da cui far nascere un progetto per crescere insieme". I tre rappresentanti sindacali hanno puntato il dito all'unisono soprattutto sui problemi che hanno caratterizzato la politica regionale negli ultimi anni: gli sperperi, il cattivo utilizzo delle risorse, quella comunitaria e quella ordinaria, la costante mortificazione delle fasce deboli e l'assenza assoluta di concertazione tra istituzione e categorie intermedie. "In tema di lavoro - hanno aggiunto - si è toccato il fondo. Mai come prima c'è stato un numero così alto in termini di precariato e di disoccupazione e soprattutto di lavoratori in nero. Problemi che hanno rafforzato enormemente la cultura clientelare in Calabria e dato più energie alla criminalità organizzata". Nell'esprimere grande soddisfazione sul metodo impiegato da Loiero nella valorizzazione di tutte le parti sociali con cui stabilire finalmente un'idea di sviluppo comune, i tre rappresentanti sindacali hanno chiesto in maniera prioritaria che il candidato del centrosinistra alla guida della Regione, rinnovi il sentimento di legalità e di moralità istituzionale e sia in grado di parlare ai calabresi ma soprattutto ai livelli più alti del paese.(Da Ufficio Stampa)

Read More »

Guardando Satriano e Soverato insieme

GUARDANDO SATRIANO E SOVERATO COME UNICA REALTÀ TERRITORIALEINTERVISTA ALL'ING. GIUSEPPE VOCI, ATTENTO STUDIOSO DELLO SVILUPPO URBANISTICO DI SOVERATO E SATRIANOSoverato e Satriano due città tanto vicine che potrebbero fare dei loro territori una unica splendida realtà, quasi una piccola città con servizi in comune e uno sviluppo urbanistico organico. Di questo spesso si parla quando si fa riferimento alla c.d. conurbazione e sembra che la popolazione dei due centri cominci a considerare concretamente una simile eventualità per il futuro. Un modo per valorizzare ed integrare in un unico contesto non solo la zona marina ma anche la montagna e soprattutto il centro-storico di Satriano, un tempo neanche tanto lontano punto di riferimento del comprensorio. Abbiamo intervistato Giuseppe Voci, ingegnere e attento studioso dello sviluppo urbanistico di Soverato e Satriano.In che maniera lo sviluppo urbanistico di Soverato potrebbe integrarsi con quello di Satriano e viceversa?La storia in questo caso ci insegna. Infatti, proprio per usufruire dei grandi spazi del territorio di Satriano, a cavallo degli anni '70 e '80, le attività imprenditoriali di Soverato si sono trasferite alla località Nigrello di Satriano, costituendo di fatto un nucleo di insediamenti produttivi di ragguardevole entità. Di fatto Soverato, negli anni, è diventato centro erogatore di servizi, mentre Satriano è divenuto centro di insediamenti artigianali e commerciali, creando in maniera del tutto naturale e senza alcuna programmazione una sinergia di sviluppo tuttora fiorente.Quindi…Partendo da questi presupposti mi pare quanto meno opportuno programmare lo sviluppo di questi due centri di comune accordo, cercando di privilegiare i punti di forza di entrambi i territori e di eliminare i punti di debolezza. In sintesi: è giunto ormai il momento di lasciare perdere i campanilismi esasperati e pensare allo sviluppo in simbiosi fra i due territori offrendo e mettendo in risalto le risorse proprie ovvero la montagna e la valle dell'Ancinale per il Comune di Satriano e la spiaggia per il Comune di Soverato.Quali sarebbero a suo giudizio i risultati di una simile azione?Certamente i due Comuni si presenterebbero sul mercato nazionale e perché no anche internazionale - penso al settore turistico ad esempio -, non come piccole entità ma come soggetti capaci di rappresentare una collettività in grado di offrire bellezze ambientali uniche e servizi efficienti. Insomma, è ormai tempo di pensare allo sviluppo del comprensorio - la legge urbanistica regionale, del resto favorisce questi processi - proponendosi come soggetto leader della fascia jonica catanzarese. E questo anche per far sentire la propria voce in sede di scelte regionali e nazionali che da sempre hanno penalizzato il nostro comprensorio. Gli insediamenti urbani ormai, tra Soverato e Satriano non presentano alcuna soluzione di continuità, sono soltanto divisi da confini amministrativi che non hanno più ragione di esistere.Fabio Guarna (Fonte: il Quotidiano della Calabria)

Read More »

Agazio Loiero incontra i sindacati

Riceviamo e giriamo sulle newsComunicato Stampa Catanzaro, 15 gennaio 2005Agazio Loiero, candidato del centrosinistra alla presidenza della Regione Calabria, incontra a Lamezia Terme i segretari regionali dei sindacati Cgil, Cisl e Uil.L'On. Agazio Loiero, candidato del centrosinistra alla presidenza della Regione, prosegue il suo percorso esplorativo con le parti sociali, in vista della definizione del programma di governo. Dopo aver incontrato i rappresentati del Forum del Terzo Settore della Calabria, la principale organizzazione Onlus che opera nel mondo del sociale; gli esponenti dell'Agricoltura calabrese (Coldiretti, Confagricoltura, Cia e Copagri); del settore Artigianato (Confartigianato, Cna e Casartigiani) e una parte del mondo universitario regionale, l'agenda prevede che lunedì 17 gennaio, a Lamezia Terme, il confronto prosegua con i Segretari regionali dei Sindacati: Pignataro (CGIL), Sbarra (CISL) e Castagna (UIL). Per Loiero, l'incontro, con i massimi esponenti della triplice, assumerà un valore di straordinaria importanza ed i temi che saranno posti sul tappeto saranno tanti e riguarderanno principalmente il problema del lavoro e dell'occupazione. Si parlerà di argomenti ai quali Loiero, per formazione politica e per cultura, è estremamente legato, e che saranno il pilastro centrale dell'azione di governo del centrosinistra. I 40.000 precari calabresi da stabilizzare, i 15.000 forestali, le aree di crisi, la dilagante disoccupazione, le politiche industriali, sociali e del lavoro, l'ambiente, la sanità, il destino degli Enti strumentali della Regione, il POR 2007/2012, tutti temi verso i quali i Governi di centrodestra, centrale e regionale, hanno dimostrato scarso interesse, e nel caso dei forestali un evidente disprezzo. Gli argomenti del dibattito saranno tanti, e Loiero attenderà con interesse le proposte che i Dirigenti sindacali intenderanno sottoporgli, consapevole che i problemi del lavoro e dell'occupazione, unitamente al disagio sociale e alla crescente povertà, dovranno essere posti al primo punto dell'azione del futuro Governo regionale. La vastità e la complessità degli argomenti che saranno trattati, certamente non consentirà di esaurire i temi in un unico incontro, ma porrà le basi per un confronto duraturo, che in caso di vittoria dovrà proseguire anche nella fase successiva, dove i Sindacati saranno chiamati a partecipare ad un tavolo permanente, per decidere sulle più importanti opzioni che riguarderanno il futuro della nostra Regione. L'intento di Loiero, di cui sin da ora se ne fa garante, è quello di rianimare il rapporto con le rappresentanze intermedie mortificato dal centrodestra, il cui ruolo, se limitato alla sola fase di consultazione, diventa riduttivo e non consente di riaprire la stagione del dialogo e della condivisione delle scelte politiche e programmatiche di cui la nostra Regione ha bisogno. È questa la sfida che Loiero lancia in maniera determinata al centrodestra, e soprattutto al candidato che la CdL intenderà proporre, su queste scelte politiche e culturali i calabresi ad aprile saranno chiamati ad esprimere il loro consenso.L'incontro dell'On. Loiero con i sindacati si terrà a Lamezia Terme il prossimo lunedì 17 gennaio alle ore 10 presso l'Hotel Lamezia.(Da Ufficio Stampa)

Read More »

Satriano passa lo Statuto Comunale

Satriano - "Statuto Comunale. Approvazione nuovo e abrogazione vecchio Statuto", era questo l'ultimo punto all'ordine del giorno che il consiglio comunale di Satriano orfano della minoranza che aveva abbandonato l'aula ha discusso mercoledì scorso fino a tarda ora e approvato apportando alcune modifiche al vecchio. Il clima della discussione è stato disteso e dall'ex vicesindaco, Francesco Battaglia, sono arrivate proposte costruttive accolte dall'assemblea. In particolare come lo stesso ex di giunta sottolinea, quelle che hanno sancito la possibilità di nomina del Presidente del consiglio comunale nell'immediato, senza attendere il rinnovo del consiglio alle prossime elezioni. Inoltre, sempre Francesco Battaglia ha propiziato l'inserimento nello Statuto di una norma che ribadisce l'art 7 bis della legge 267/00 avente ad oggetto le sanzioni minime e massime per la violazione dei regolamenti e delle ordinanze comunali. Si è preso dunque atto che in alcuni casi sarebbe stato necessario garantire una maggiore organicità e generalità alla dinamica dello Statuto mediante l'inserimento di alcuni correttivi e si è provveduto di conseguenza. In una nota diffusa agli organi di stampa questa mattina, il Comune di Satriano, ha ritenuto utile mettere in evidenza alcune delle disposizioni più significative e operative che contraddistinguono lo statuto nuovamente adottato e che sono le seguenti: riconoscimento della festa civica comunale del Santo patrono; istituzione consiglio dei ragazzi; istituzione del presidente del consiglio; istituzione consulte per: attività socio assistenziali, problematiche giovanili e degli anziani, tutela dell'ambiente, tutela delle specie viventi; divieto di realizzazione di linee aeree di qualsiasi natura per la fornitura di beni e servizi fatta salva la realizzazione di quelle che per legge non possono essere interrate. Al termine il sindaco Domenico Battaglia ha evidenziato come l'amministrazione stia caratterizzando la sua attività con interventi non solo a carattere strutturale come il nuovo progetto di costruzione dello stadio, ma anche con provvedimenti atti a potenziarne la funzione e la produttività. Mette conto aggiungere che proficuamente nel corso dei lavori del consiglio sia stata sollecitata dal consigliere Francesco Battaglia l'accelerazione dell'iter per l'espletamento di alcuni concorsi in programma e come la maggioranza abbia dato assicurazioni positive in merito.Fabio Guarna (Fonte: il Quotidiano della Calabria)

Read More »

Satriano, nominati vicesindaco e assessori

Avvio di seduta ancora una volta incandescente con la minoranza che abbandona l'aula dopo essere rimasta insoddisfatta delle risposte del sindaco alle sue interrogazioni. Interrogazioni che avevano ad oggetto dubbi e perplessità sull'agibilità della sede dove si sta svolgendo il consiglio e sulla riproposizione degli stessi punti all'odg della precedente seduta. Il sindaco, Domenico Battaglia, riservandosi di valutare successivamente entro i termini di legge le interrogazioni della minoranza, ha comunque ribadito che la sede della palestra secondo un parere dell'ufficio tecnico è idonea allo svolgimento del Consiglio comunale. Prima di discutere i punti all'odg il primo cittadino ha comunicato la formazione della nuova giunta. Agli assessori dimissionari Francesco Battaglia e Giusy Altamura subentrano Valentino Delfino con delega alla Pubblica istruzione e Pari opportunità e Annibale Mellace attuale capogruppo di maggioranza con delega agli Affari generali, ai rapporti istituzionali e Servizi sociali. Nominato anche il vicesindaco nella persona di Mariateresa Battaglia attuale assessore al Bilancio. Per il dimissionario Francesco Battaglia: "Si tratta di una decisione personale che mortifica la politica e il ruolo dei partiti. Una giunta che si sbilancia eccessivamente a favore di Alleanza nazionale". E Annibale Mellace neo assessore interpretando la posizione della maggioranza ha sottolineato che il progetto casa comune per Satriano continua a vivere in questa nuova giunta. Quindi si è discusso dopo la rituale approvazione del verbale della seduta precedente della prativa inerente il campo sportivo in località Santa Trada che il consiglio ha approvato all'unanimità dei presenti. Non hanno votato abbandonando l'aula in quanto incompatibili perchè direttamente interessati alla delibera, l'assessore Matozzo e il primo cittadino. Mimmo Monterosso della maggioranza pur votando a favore ha dichiarato che avrebbe preferito che il campo fosse ubicato nella zona marina. Favorevoli alla pratica anche i dimissionari assessori Francesco Battaglia e Giusy Altamura che ricoprono comunque la carica di consiglieri. La seduta è proseguita fino a tarda ora per discutere dello statuto.Fabio Guarna (Fonte: il Quotidiano della Calabria)

Read More »

Porto di Badolato, un arresto

È stato arrestato il direttore del porto turistico di Badolato, denominato Bocche di Callipari. L'accusa è di truffa aggravata in concorso e riguarda atti che avrebbero consentito l'attività di realizzazione e messa in funzione della struttura.

Read More »

Allarme per manto stradale degradato e accidentato nelle strade di Soverato

Soverato - Gli amministratori di Soverato stigmatizzano la larghezza dei marciapiedi satrianesi al punto da fare una delibera che mette in discussione la validità del progetto e il sindaco di Satriano, incassato il colpo, dopo aver spiegato con dovizia di particolari e in maniera tecnica come le obiezioni mosse contro l'opera da lui voluta siano insussistenti, passa al contrattacco. E lo fa rivolgendo un appello al sindaco di Soverato e agli assessori all'urbanistica e ai trasporti affinché possano prestare più attenzione al manto stradale della loro città. Battaglia, infatti, assunte le vesti di utente delle strade soveratesi non manca di evidenziare come il percorso urbano di Soverato sia in diversi punti particolarmente pericoloso per le autovetture e i pedoni che lo attraversano a causa delle buche e degli affossamenti nell'asfalto presenti un po' dovunque. Una circostanza che il sindaco della città confinante con Soverato ha voluto rendere nota rivolgendosi agli organi di informazione anche per stimolare gli amministratori soveratesi ad occuparsi di questioni legate al loro territorio piuttosto che spendere tempo ed energie per criticare le opere della sua amministrazione e nella specie i marciapiedi di Russomanno. Si tratta di marciapiedi che a causa della loro larghezza secondo gli amministratori soveratesi intralcerebbero il traffico nell'arteria che adduce direttamente alla via Trento e Trieste della cittadina jonica. Per Battaglia i marciapiedi da lui voluti sono costruiti a regola d'arte e rappresentano una garanzia all'incolumità dei pedoni che percorrono il tratto di strada interessato. Garanzia che manca, invece, a coloro che attraversano alcune vie di Soverato, piene di buche e di fossi.Fabio Guarna (Fonte: il Quotidiano della Calabria)

Read More »

Tre Ministri cubani a Soverato

In occasione dello scambio culturale Cuba-Soverato promosso dall'Istituto Tecnico Commerciale di Soverato, si terrà sabato 8 gennaio alle ore 10,30 presso la sala conferenze dell'Istituto l'incontro di benvenuto degli studenti dell'Itc alle autorità Cubane.Il programma prevedeL'introduzione del Dirigente Scolastico Nicola LimardoLa presentazione da parte degli allievi del corso ITER (Turistico) dell'Istituto; dell'Offerta formativa; dei progetti Nazionali e InternazionaliNell'invito di presentazione dell'iniziativa si legge che"Hanno comunicato la loro presenzaGiuseppe Chiaravalloti, Presidente Giunta Regionale Calabria Francesco Mercurio, Direttore Scolastico Regionale Raffaele Mancini, Sindaco di Soverato Ignacio Gòmez, Ministro dell'Istruzione Cuba Manuel Marrero Cruz, Ministro del Turismo Cuba Fernando Vecino Alegre, Ministro dell'Educazione Superiore Cuba Osmany Gonzalez Sanchez, Direttore Relazioni Internazionali Cuba Ruben Pino Martinez, Consigliere Cultura Cuba Maria De Los Angeles Flores Frida, Ambasciatrice di Cuba in Italia Francesco Bevilacqua, Senatore Nuccio Iovene, Senatore Giancarlo Pittelli, Deputato Michele Traversa, Presidente Amministrazione Provinciale Paolo Abramo, Presidente Camera di Commercio di Catanzaro Giovanni Mirarchi, Assessore Provinciale Sindaci del comprensorio Presidenti Comunità Montane Autorità Militari e Religiose Dirigenti scolastici Presidenti Associazioni culturali Operatori turistici".L'invito si conclude con un aforisma di Cesare Pavese"L'unica gioia al mondo è cominciare. È bello vivere perchè vivere è cominciare, sempre, a ogni istante".

Read More »

Soverato è emergenza inquinamento acustico

A CHE PUNTO È IL PIANO ANTINQUINAMENTO ACUSTICO?SOVERATO - Ernesto Crea dagli scranni dell'ultimo consiglio comunale di Soverato lancia l'allarme inquinamento acustico e subito l'argomento torna alla ribalta del dibattito cittadino. Crea ha chiesto attraverso un'interrogazione di conoscere a che punto si trova la predisposizione del piano antinquinamento acustico di cui l'amministrazione comunale si stava occupando già ai tempi in cui egli era assessore. Crea che ora siede fra le fila dell'opposizione ha avuto una risposta rassicurante dal sindaco Raffaele Mancini, il quale ha promesso che al più presto il piano verrà ultimato. Si tratta, secondo Crea, di uno strumento che favorirebbe una migliore vivibilità cittadina. Infatti una volta messo a regime il piano aiuterebbe i soveratesi a seguire delle indicazioni precise sul livello massimo di diffusione dei rumori e consentirebbe alle autorità preposte una più agevole azione di eventuale repressione dei comportamenti abusivi. Quello dell'inquinamento acustico è un problema molto diffuso nelle cittadine turistiche e si manifesta principalmente durante i periodi di sovraffollamento. E se, da un lato, l'estate è stata anche definita a Soverato da qualcuno come la stagione del rumore, non è detto che durante gli altri periodi dell'anno il problema non meriti di essere affrontato. Ad aumentare il livello dell'inquinamento acustico, provvedono infatti non solo i locali dotati di impianti di diffusione ad elevati decibel di potenza e le rappresentazioni musicali in pubblico, ma anche le autovetture in circolazione. È un discorso che si lega, secondo alcuni, anche con altre questioni che riguardano la vita cittadina. Infatti, l'edificazione di alberghi in pieno centro come si vuol fare e vicini alla spiaggia, oltre che produrre un impatto ambientale non indifferente, generebbero un aumento, addirittura una congestione, del traffico con conseguente aumento anche delle emissioni rumorose da parte delle autovetture. Si tratta di argomenti dunque che sono tutti riconducibili ad un sottile leit-motiv, ovvero quella che gli inglesi chiamano "environmental philosophy", la cui traduzione più efficace sembrerebbe filosofia-ambientale. Essa si occupa delle relazioni fra uomo e natura nel suo divenire tentando di promuovere l'applicazione delle sue teorie al fine di un miglioramento generale della condizione umana. Dunque, tenute le debite distanze da un discorso più impegnativo e generale, in alcuni casi i principi della filosofia-ambientale sembrano ispirare i dibattiti cittadini anche se finora nessuno ha mai pensato, conducendoli, di fare riferimento a elementi di "environmental philosophy". E così diventa argomento di questa materia quello che per mesi ha fatto da padrone in città e adesso ritorna alla ribalta. Ovvero quello sull'opportunità di edificare strutture ricettive in pieno centro. Lo diventa anche la mai placata polemica sull'ubicazione della baracca dei pescatori. E adesso, salta fuori l'emergenza inquinamento acustico. Un problema di non poco conto per le conseguenze dannose che sull'organismo può produrre. Un male invisibile a cui viene dato particolare risalto in una relazione dell'organizzazione mondiale della sanità. Disturbi del sonno, danni uditivi o fisiologici (principalmente di tipo cardiovascolare) e difficoltà di comunicazione: sono solo alcune delle conseguenze sull'organismo di una inefficace lotta al rumore.Fabio Guarna (Fonte: il Quotidiano della Calabria)

Read More »

Emergenza inquinamento mare

La notizia sul sito Internet del ministero della Salute indica la zona del fiume con triangolini rossiL'Ancinale non è balneabileVivo allarme in città per un possibile inquinamento del mareIL fiume Ancinale non è balneabile, o meglio alcuni tratti sono inquinati. A darne notizia è una fonte più che autorevole e cioè il sito internet del ministero della Salute. Scattata, dunque, l'emergenza depuratori non funzionanti a causa del blocco dell'energia elettrica, il pensiero va oltre ai rischi igienici che conseguono a una simile situazione. Anche alle conseguenze che essa potrebbe produrre sullo stato di salute del mare. Soverato è una città di turismo balneare e la salubrità del mare è molto importante per il suo successo economico. Ebbene, cliccando su internet per conoscere qual è lo stato di salute del mare di Soverato emergono dati allarmanti che forse durante la bella stagione è difficile non meno che imbarazzante per alcuni divulgare ma che purtroppo non rappresentano certamente buone notizie per chi vuole fare della Perla dello Jonio la città calabrese turistica per eccellenza. Pensando magari di aumentarne la ricettività e dimenticando questioni ambientali di primissimo piano non solo per i turisti e villeggianti, ma anche per tutti coloro che vivono e trascorrono parte dell'anno nella cittadina jonica. Bisogna digitare su internet www.ministerodellasalute.it il sito del Ministero della salute che, istituzionalmente, non può che essere autorevole ed affidabile. Fatta questa prima operazione bisogna cliccare sul lato destro dell' home page del sito sul link "prevenzione e controlli". Appariranno sullo schermo e in coda al link stesso una serie di voci. Bisognerà selezionare la prima: "acque di balneazione". Procedendo alla successiva selezione si vedrà al centro dello schermo una mascherina in blu che riporta il seguente messaggio: "Mare 2004, situazione in tempo reale" - Elenco delle zone marine, fluviali e lacustri vietate alla balneazione relativo alla stagione 2004, aggiornato in tempo reale, sulla base delle ordinanze sindacali emesse a seguito delle analisi relative alla stagione in corso. Il servizio permette di conoscere le zone interdette, la loro estensione e il motivo del divieto» . Si tratterà a questo punto di ricercare cliccando sulla voce "comuni", il nome di Soverato. Ed ecco il triste responso che individua due zone con le seguenti indicazioni : fiume Ancinale, 229 metri contrassegnati da un triangolino rosso corrispondenti alla didascalia: "tratti di costa non balneabili per inquinamento"; torrente Soverato, metri 394 contrassegnati da conforme triangolino e relativa didascalia, cioè "tratti di costa non balneabili per inquinamento". Naturalmente questi sono i dati che arrivano dal Ministero della Salute. Occorre tenerne conto o confidare in dati alternativi e opposti qualora essi esistano? Certamente, secondo la sanità la situazione igienico sanitaria del mare soveratese non è delle migliori. Una situazione destinata ad aggravarsi ulteriormente qualora il funzionamento dei depuratori di zona dovessero subire nel corso dell'anno altre difficoltà o emergenze.Fabio Guarna (Fonte: il Quotidiano della Calabria)

Read More »