Satriano

Satriano, istituita la giornata per le vittime sul lavoro

Il Comune di Satriano ha, con delibera di giunta, decretato di istituire la giornata delle vittime degli incidenti sul lavoro. La proposta è partita dal sindaco, Domenico Battaglia, il quale dopo avere premesso che il Comune di Satriano, conta fra la sua cittadinanza, vittime per incidenti sul lavoro e a causa del lavoro, considerando la rilevanza sociale delle conseguenze derivanti da detti incidenti ha “ritenuto – si legge nella delibera – di sensibilizzare al riguardo l'opinione pubblica, in particolare quella della Comunità di Satriano, affinché si riaffermi la necessità del rigoroso rispetto di ogni misura per la prevenzione degli incidenti sul lavoro”. Il sindaco inoltre con questa proposta ha ritenuto di “manifestare solidarietà nei confronti delle vittime sul e per il lavoro attraverso l'istituzione di una giornata recependo anche la direttiva del presidente del Consiglio dei Ministri del 24/4/1998”. La giunta Battaglia ha quindi deliberato di indire la giornata per le vittime degli incidenti sul lavoro designando come data la terza domenica di maggio di ogni anno. Infine l'organo di governo della cittadina delle pre-serre ha deliberato di “assumere e sostenere iniziative per la solidarietà nei confronti degli invalidi e mutilati e per il ricordo delle vittime sul lavoro secondo le direttive emanate annualmente dal sindaco, sentita la giunta comunale”.Fabio Guarna

Read More »

Satriano: se ne parla su Punto & A Capo

È in distribuzione nelle edicole "Punto & a capo", il mensile calabrese diretto dal giornalista RAI Pietro Melia nel quale si parla di Satriano. Una Satriano degli anni '30 come si configura in uno scritto narrativo del satrianese Vincenzo Guarna. Si tratta del paragrafo intermedio di un lungo racconto che l'autore ha scritto tra la fine degli anni '60 e l'inizio degli anni '70 (senza peraltro mai pervenire alla sua stesura definitiva) e che, meritamente, a suo dire, egli subito dopo ha confinato in un cassetto dove tuttavia giace probabilmente per sempre. Si tratta di un racconto, a suo modo, "corale" essendone protagonista - nella seconda metà degli anni '30 e dintorni (1936-1940) - la comunità di Satriano e, a margine di questa la figura del suo Podestà. Un giovane avvocato, quest'ultimo, autoconfinatosi, senza vera convinzione, nel paese d'origine (destinazione, a sua volta e all'epoca, di veri "confinati" ossia dissidenti politici ovvero antifascisti di piccolo calibro e spessore) dopo un promettente inizio di carriera nella capitale dove si era laureato e aveva frequentato, con qualche positivo riscontro i freschi ambienti intellettuali attenti soprattutto alla cinematografia. Un'ultima annotazione. Lungo il contesto del racconto sono presenti, qua e là, abilmente fusi e mimetizzati al suo interno, brevi passi di autori più e meno noti della letteratura italiana (Giovanni Villani, Ludovico Ariosto, Gabriele D'Annunzio, etc.). È un "divertissement" cui l'autore indulge senza alcun fine speciale e che, per dire, trova riscontro più frequentemente di quanto non si supponga, in molti prodotti in prosa e in verso della nostra letteratura. Nel brano pubblicato su "Punto & a capo" questo, per così dire, "escamotage" è presente dove si parla del pensiero della morte divenuto in Satriano, come effetto della missione dei padri Redentoristi di Sant'Andrea, "pensiero se non predominante, dominante" (il flash è tratto dal saggio che B.Croce dedica al Foscolo in "Poesia e non poesia") e nella descrizione della figura fisica di padre Anoia nell'atto in cui il religioso si accinge a tenere nel Duomo del paese, la formidabile predica conclusiva della "missione" da lui guidata (il brano è desunto dal ritratto che Alessandro Manzoni fa di Padre Cristofaro - vedi "I Promessi sposi").

Read More »

Satriano. Esito elezioni politiche al Senato ed alla Camera

SATRIANO ESITO ELEZIONI POLITICHE AL SENATO E ALLA CAMERA *VOTI DEL COMUNE DI SATRIANO AL SENATOPartito pensionati 3 I Socialisti 23 Democratici di Sinistra 326 U.D.EUR. Popolari 53 Lista Consumatori 88 Repubblicani Europei - L.Sbarbati 6 Rifondazione Comunista 108 Socialdemocrazia PSDI 14 Di Pietro Italia dei Valori 176 La Rosa nel pugno 17 Insieme con l'Unione 49 La Margherita 82TOTALE VOTI UNIONE 945Per Il sud 7 Italia moderata 35TOTALE 42Democrazia Cristiana - Nuovo PSI 12 Fiamma tricolore 16 Forza Italia 300 Alleanza Nazionale 211 Partito repubblicano Italiano 2 Alternativa sociale con Mussolini 12 Udc 91 Lega nord 5TOTALE VOTI CASA DELLE LIBERTÀ 649VOTI DEL COMUNE DI SATRIANO ALLA CAMERA DEI DEPUTATIDi Pietro Italia dei Valori 98 Comunisti italiani 39 La Rosa nel pugno 19 Lista Consumatori 99 Udeur popolari 64 I socialisti 20 Rifondazione Comunista 119 Federazione dei verdi 28 L'Ulivo 590 Partito pensionati 5TOTALE VOTI UNIONE 1081Per il sud 4Alternativa sociale con Mussolini 18 Alleanza Nazionale 224 Udc 116 Democrazia cristiana N.psi 26 Fiamma Tricolore 15 Forza Italia 384 Lega nord 5TOTALE VOTI CASA DELLE LIBERTÀ 788* dati non ufficiali e da confermare. I dati ufficiali sono sul sito del Ministero dell'interno

Read More »

Satriano. L'abbraccio di Pino Soriero ai satrianesi

Satriano - “Nell'ambito della campagna elettorale è l'unico Comune a cui dedico una giornata intera. Il primo stamattina e in serata con una degustazione di vini in Marina. È bello essere sostenuti nella zona dove si è nati”. Con queste parole Pino Soriero, satrianese doc e capolista al senato per Italia dei Valori si è presentato ai suoi compaesani nella sala del consiglio comunale. L'ex sottosegretario del governo Prodi ha ripercorso la sua carriera politica facendo riferimento al forum de “Il Quotidiano” pubblicato qualche giorno addietro dove ha spiegato le ragioni del suo agire politico e della sua scelta e ha illustrato il programma del centrosinistra. Un programma, secondo Soriero, che ha bisogno di mettere in primo piano la legalità come modello di comportamento per amministrare far rinascere la nostra terra . A livello locale, Soriero, ha richiamato alla mente dei presenti, il suo impegno concretizzatosi con l'istituzione della caserma dei vigili del fuoco e della capitaneria di Porto a Soverato e con la costituzione della caserma dei carabinieri a Satriano. Per i militari presenti in sala, Soriero ha chiesto un applauso che è stato immediatamente effettuato dal pubblico. Il candidato al senato di Italia dei Valori ha raccontato di avere assistito a Catanzaro al film “Il Caimano” ed ha invitato tutti ad andarlo a vedere “perché - ha detto - aiuta a capire i problemi dell'Italia e perché il nostro Paese è in difficoltà”. Dopo avere spiegato che Satriano ha la possibilità e quindi il dovere di diventare il polmone dello sviluppo di tutto il comprensorio, Soriero è stato salutato da un lungo applauso. Al termine tanti saluti e calorosi abbracci per il compagno Soriero.Fabio Guarna (Il Quotidiano della Calabria)

Read More »

Satriano. Intervista a Pino Basile

Satriano - In questo periodo sono due gli argomenti all'attenzione di coloro che si interessano di politica a Satriano. Il primo riguarda la campagna elettorale per il rinnovo del parlamento che vede fra i candidati al senato il satrianese Pino Soriero (lista Italia dei Valori), unico capolista della provincia di Catanzaro e l'altro i lavori dell'ultimo consiglio comunale. Un civico consesso che fra i punti all'ordine del giorno ha avuto la surroga del consigliere dimissionario Francesco Battaglia a cui sarebbe dovuto subentrare il primo dei non eletti Teodoro Santaguida. Ma a quanto pare Santaguida, come conferma, ha rinunciato ad entrare nell'assise comunale. Pertanto a sedere fra i banchi del civico consesso dovrebbe subentrare in qualità di consigliere comunale Lucia De Toma, candidata della lista “Casa Comune per Satriano”. Sui lavori dell'ultimo civico consesso interviene sulle colonne de “Il Quotidiano”, Pino Basile, consigliere di minoranza. Come giudica i lavori dell'ultimo consiglio comunale?Il gruppo consiliare di minoranza aveva chiesto un consiglio comunale aperto per discutere della crisi politico-amministrativa che oramai si trascina da molto tempo,ma il sindaco ha voluto che se ne parlasse in seno al consiglio,senza dare la parola ai cittadini e alle forze politiche. Non è la prima volta. Dalla discussione è emersa una maggioranza interessata soltanto alla gestione del potere amministrativo. Né il sindaco,né i consiglieri di maggioranza hanno spiegato perché hanno perso due assessori e definitivamente il consigliere Ciccillo Battaglia,già vice-sindaco. I lavori del consiglio non potevano che risentire di questo stato di ambiguità politica.Qualcuno pensa che la maggioranza dopo l'ultimo consiglio si è rafforzata. Lei è dello stesso avviso?Come si può pensare che la maggioranza possa essersi rafforzata se è rappresentata dalle stesse persone che ancora oggi vengono a criticare alle spalle il sindaco e il suo operato e che non riesce a sostituire il consigliere dimissionario.Come si sta organizzando l'opposizione per quest'ultimo anno di attività amministrativa?Non solo l'opposizione ma l'intera società civile deve prepararsi ad una grande opera di ricostruzione del paese. Otto anni sono trascorsi non solo inutilmente quanto dannosamente. La rinascita di Satriano dovrà passare attraverso un lavoro congiunto fra l'opposizione consiliare e i partiti. Da soli non riusciremo ad essere incisivi,ma certamente potremo,anzi dovremo dare tutto il nostro contributo per far uscire la nostra collettività dall'angoscia nella quale è sprofondata. Il centro storico come la marina e le contrade dovranno dialogare positivamente fra loro,perché dai loro uomini e dalle loro necessità potrà finalmente nascere una nuova primavera per Satriano. Certo i partiti dovranno essere la forza trainante. Accanto ai democratici di Sinistra,che rappresentano il vero partito d'opposizione a Satriano, dovranno operare nei fatti tutte le altre forze che intendono concorrere alla coalizione politico ammnistrativa. Nessuno, ovviamente, può pensare che bastino da sole le sigle. Né potranno bastare le ultime tre settimane per legittimare aspirazioni e giustificare ostruzionismi. Le forze civili si facciano avanti con umiltà e i partiti con intelligenza si arricchiscano delle risorse disponibili al dialogo costruttivo e sereno.Fabio Guarna (Fonte: il Quotidiano della Calabria)

Read More »

Satriano, smentite le divisioni la maggioranza si compatta

Satriano - Se il consiglio comunale di Satriano doveva servire, come aveva chiesto la minoranza, per chiarire alla cittadinanza la situazione politico amministrativa dopo le dimissioni del consigliere comunale Francesco Battaglia, può senz'altro dirsi che non è stato inutile. Ma quanto è emerso, non sarà piaciuto all'opposizione. Infatti i boatos e le voci che davano come imminenti le dimissioni a catena di diversi consiglieri comunali della maggioranza (An in particolare), sono state smentite senza lasciare dubbi. Primo a smentire, il capogruppo di maggioranza, Annibale Mellace di An che ha garantito il sostegno di Alleanza nazionale al sindaco in carica sino alla fine del mandato per il completamento del programma amministrativo. I consiglieri del partito di Fini non hanno negato l'esistenza di vedute divergenti all'interno di An, ma hanno spiegato che si è trattato di questioni chiarite e non certo sufficienti a rendere meno solida la maggioranza. "Se il vostro obiettivo è quello di creare zizzanie - ha detto Mellace rivolgendosi all'opposizione - sappiate che la nostra coalizione è e rimarrà solida". Insomma una vera e propria difesa a spada tratta verso il sindaco, accusato da un esponente della Margherita in avvio di seduta, quando è stata data la parola come da regolamento al pubblico, di avere gestito in maniera assolutistica il suo mandato. Ð stata una seduta che l'opposizione aveva chiesto di potersi svolgere in forma aperta al pubblico e che sebbene non fosse stata convocata secondo quel modello, si è di fatto tenuta con ripetuti interventi della platea composta da semplici cittadini ed esponenti di partito. Ma ciò non è bastato per soddisfare alcuni dei presenti. Durante il dibattito, bollato dal sindaco come il tentativo di trasformare un consiglio comunale in riunione interpartica, è emersa anche una dichiarazione particolarmente interessante di Giusy Altamura tirata in ballo dalla minoranza: "questo sindaco - ha detto - non merita di andare via". Affermazione interpretata nell'agone politico satrianese come una vera e propria assegnazione di credito al primo cittadino ad andare avanti. Per la minoranza, Pino Basile ha sostenuto l'importanza di discutere fra i banchi del consiglio la situazione politico amministrativa per rendere edotta la cittadinanza di quanto sta avvenendo. E questo, prendendo spunto dal manifesto affisso da Francesco Battaglia (Ciccillo per molti) che annunciava le dimissioni di quest'ultimo dagli scranni del consiglio comunale e ne spiegava le ragioni. Antonella Bevacqua ha stigmatizzato la contraddittorietà dei comportamenti da parte di An rispetto a quanto dichiarato in passato attraverso manifesti pubblici mentre Franco Riverso ha parlato di un mandato esplorativo condotto recentemente dall'opposizione per sondare gli animi di alcuni consiglieri di maggioranza e l'eventuale disponibilità ad aggiungere le loro dimissioni a quelle di Ciccillo per far decadere dalla carica il sindaco. Ha concluso il dibattito il sindaco Mimmo Battaglia, visibilmente soddisfatto per come sono andate le cose, avendo in sostanza incassato un forte sostegno da parte della compagine di maggioranza Dopo la discussione, si è passati alla votazione dei punti all'ordine del giorno. Fra questi la surrogazione del consigliere dimissionario Francesco Battaglia, passata all'unanimità. A Ciccillo, subentrerà nel prossimo consiglio Teodoro Santaguida. Quanto all'altro punto relativo alla nomina dei componenti della commissione elettorale sono risultati eletti in qualità di membri effettivi: Raffaele Suppa, Giuseppe Squillacioti e Rossella Betrò; membri supplenti: Valentino Delfino, Luciano Battaglia e Antonella Bevacqua; di diritto entra a far parte il sindaco Domenico Battaglia. Approvato anche l'ultimo punto relativo alla convenzione per incasso e rendicontazione entrate comunali, art. 12 del protocollo d'intesa Anutel e poste italiane spa. Ai lavori del civico consesso non ha partecipato in quanto assente il consigliere Monterosso.Fabio Guarna (fonte: il Quotidiano della Calabria)

Read More »

Satriano, richiesta la convocazione di un consiglio comunale aperto

Satriano - Sono due gli argomenti che nell'agone politico satrianese in questi giorni sono intensamente dibattuti. Il primo riguarda il totocandidadure a sindaco per il 2007 e l'altro le dimissioni di Francesco Battaglia da consigliere comunale. Riguardo questa ultima questione i consiglieri di minoranza Bevacqua, Viscomi, Basile, Betrò e Riverso hanno chiesto, ai sensi degli artt. 27 e 37 del regolamento consiliare, la convocazione di un consiglio comunale “aperto”. L'istanza della minoranza è motivata da un lungo documento nel quale si stigmatizza l'azione amministrativa portata avanti dalle forze di governo della cittadina delle pre-serre e si mettono in evidenza alcune contraddizioni interne alla maggioranza. Secondo i consiglieri di opposizione, infatti, la decisione di Francesco Battaglia rappresenta “una scelta poltica estrema, che rimarca il fallimento politico della compagine di maggioranza”. Non solo, alle dimissioni di Ciccillo (così molti conoscono in paese l'ex consigliere comunale) a giudizio dell'opposizione, si sarebbero potuto aggiungere quelle di alcuni esponenti di Alleanza nazionale. Questi ultimi, infatti, secondo la minoranza “si dicevano pronti a dimettersi”. Per queste ragioni si legge nel documento con cui si richiede la convocazione del civico consesso aperto “i consiglieri di minoranza, preso atto di tale situazione, si sono resi promotori di un'iniziativa politica per incoraggiare ed affrettare la fine di quest'amministrazione ed infatti hanno firmato un documento in cui si chiedeva la sfiducia al Sindaco con la volontà chiaramente espressa di dimettersi immediatamente qualora ci fossero i numeri per dichiarare chiusa l'attuale amministrazione”. È giusto sottolineare che l'ipotesi della decisione di volere abbandonare gli scranni del consiglio da parte di consiglieri dei An, non risulta al momento, confermata da alcun documento diffuso agli organi di stampa e per questo è facile credere che la notizia sia frutto di boatos, indiscrezioni o rappresenti l'esito di incontri politici non resi noti. Per tutte queste ragioni i consiglieri chiedono al gruppo di An di chiarire la sua posizione in seno al civico consesso. E chiarimento sulla sua attuale posizione politica viene richiesta anche a Giusy Altamura, già assessore della giunta di Domenico Battaglia dimessasi lo scorso anno dall'incarico in giunta insieme all'allora vicesindaco Francesco Battaglia. “Chiediamo – conclude la nota – che prima ancora della surroga del nuovo consigliere, venga convocato un Consiglio comunale Aperto nel quale aprire il dibattito con le forze politiche rendendo anche partecipi i cittadini sulla situazione politica amministrativa nel Comune di Satriano”.Fabio Guarna

Read More »

Satriano: Francesco Battaglia (Ciccillo) si dimette e parte il totosindaco

Satriano - Le dimissioni di Francesco Battaglia, da consigliere comunale hanno prodotto un interessante e vivace dibattito nella cittadina delle pre-serre sul futuro politico di Satriano e sulle intese che si vanno profilando per le amministrative del 2007. Ancor più se si pensa che alla base della decisione resa nota da Ciccillo (così molti conoscono l'esponente politico a Satriano), eletto nella lista vincitrice delle elezioni "Casa Comune per Satriano" c'è la motivazione che il centrodestra, attuale forza di governo ha fallito nel suo programma e progetto di sviluppo. Gli interrogativi più ricorrenti sono: chi sarà il prossimo sindaco di Satriano? Che composizione avranno le liste pronte a sfidarsi per il rinnovo del civico consesso? Cerchiamo di rispondere per ordine, avendo come riferimento boatos e dichiarazioni che in questo periodo sono all'attenzione della politica satrianese. Sul toto-sindaco mettiamo subito da parte il nominativo dell'attuale sindaco in carica Domenico Battaglia che riveste la carica di primo cittadino da quasi dieci anni (un vero e proprio record per i satrianesi abituati a cambiare sindaci con una certa frequenza) e a cui la legge in vigore non consente di esercitare le funzioni di sindaco dopo due mandati consecutivi. Spuntano allora i primi nomi. Cominciamo con quello di Michele Drosi, attuale segretario della quercia satrianese. L'esponente diessino sinora è stato fra i pochi di cui si parla come possibili candidati a dichiarare agli organi di stampa (telejonio) la sua disponibilità a scendere in campo. Ma non farebbe meraviglia che alla disponibilità resa pubblica da Drosi, si aggiunga quella di altri uomini politici. Quali? Ad esempio Francesco Matozzo, presidente del consorzio di bonifica, satrianese doc e con al suo attivo un grosso impegno in qualità di dirigente dello Sdi. Ma non è finita qui. Si parla anche di una candidatura a primo cittadino per la Margherita di Vincenzo Sinopoli, già sindaco del centro jonico negli anni '70 e riapparso sulla scena politica attiva durante le ultime amministrative del 2002 quando sembrava che il posto di sfidante del sindaco in carica toccasse a lui. Fu invece Pino Basile, attuale consigliere di minoranza, a rappresentare senza successo l'alternativa a Domenico Battaglia. Se Drosi, Matozzo e Sinopoli sono i nomi che circolano maggiormente, non vanno sottaciuti quelli che potremmo definire fuoco sotto cenere. Che dire di Tonino Maduri, l'ex vicepresidente della provincia durante la giunta Martino, in forza alla Democrazia cristiana e sindaco di Satriano degli anni '90? E che dire ancora di Luciano Battaglia, assessore del Nuovo Psi attualmente in carica? Nomi tanti nomi a cui se ne aggiunge un altro: Emilio Masucci. Il giovane avvocato del foro di Catanzaro conferma senza indugi: "sto lavorando da diverso tempo per la costruzione di una lista da mettere in campo alle prossime amministrative". Tanti, tanti, proprio tanti nomi. Saranno, - e rispondiamo così anche alla seconda domanda -, altrettanto numerose le liste?Fabio Guarna

Read More »

Satriano, presentato giornale locale

Satriano - Presentato nei giorni scorsi “La Quercia” il nuovo giornale locale, promosso dalla sezione dei Democratici di sinistra di Satriano. L'iniziativa si è tenuta presso un noto locale in Marina e sono intervenuti fra gli altri l'On.le Pino Soriero, responsabile nazionale dei Democratici di Sinistra e Michele Drosi, segretario dell'unità di base locale. Quest'ultimo ha sottolineato il ruolo che il giornale ha intenzione di svolgere all'interno della comunità satrianese che è quello di incoraggiare i cittadini a partecipare alla vita politica e coinvolgerli nelle problematiche che riguardano la collettività per trovare insieme una risoluzione. “Il giornale rappresenta uno strumento molto importante per la nostra comunità. Una comunità – ha sottolineato l'esponente politico – che sta attraversando una fase difficile ed opaca, nonostante le tante energie positive e le tante risorse culturali e ambientali di cui dispone.” . Pino Soriero si è complimentato per l'iniziativa che, a suo giudizio, testimonia la crescita politica e sociale avviata,in grande stile e con grande impegno dalla sezione dei DS di Satriano. Il comitato di redazione de “La Quercia” come si apprende da una nota stampa è composto da Caterina Basile, Alessandro Catalano, Vincenzo Codispoti, Teresa Ferraro e Paola Ottaviano.Fabio Guarna (Fonte: il Quotidiano della Calabria)

Read More »

Satriano, consiglio comunale: Suppa surroga Matozzo

Satriano - I punti all'ordine del giorno del consiglio comunale che si è tenuto a Satriano erano quattro. Fra questi la surroga del consigliere ed assessore Teodoro Matozzo, recentemente deceduto. È stato quindi per i consiglieri un civico consesso vissuto con tristezza e nel ricordo del collega scomparso. Per Matozzo, in avvio di seduta, hanno speso parole di elogio, ricordandolo come uomo, professionista e politico che molto ha contribuito al miglioramento della collettività satrianese, Pino Basile, Francesco Battaglia, Annibale Mellace e il primo cittadino Domenico Battaglia. A surrogare il consigliere sarà Raffaele Suppa, presente fra il pubblico e primo dei non eletti della lista vincitrice delle elezioni, a cui apparteneva Matozzo. Si è deciso che Suppa assumerà lo status di consigliere dal prossimo consiglio comunale. Dopo la rituale approvazione del verbale brogliaccio e dei verbali delibere del 4 luglio 2005, il consiglio ha discusso sui criteri generali per la monetizzazione delle aree e standard e delle opere di urbanizzazione primaria e secondaria ai sensi dell'art. 178 del regolamento edilizio. Il dibattito ha registrato la proposta della maggioranza e ha espresso le obiezioni dei consiglieri di minoranza. Secondo Basile e Riverso i criteri proposti dalla maggioranza avrebbero meritato un maggiore approfondimento in merito ad alcuni aspetti soprattutto di natura interpretativa. E se Basile ha puntato il dito su alcune contraddizioni di quanto stava per essere deliberato, Riverso ha chiesto di poter trattare l'argomento con la presenza di un tecnico che potesse fornire delucidazioni. A nulla sono valse, le obiezioni. Il sindaco dopo avere spiegato che sull'argomento gli uffici comunali sono sempre a disposizione per fornire chiarimenti e che questi ultimi avrebbero potuto essere richiesti prima dello svolgimento dell'assise da parte della minoranza, ha illustrato la proposta indicando i vantaggi che a suo giudizio, soprattutto in termini di trasparenza, essa offre. Il punto è passato a maggioranza, contrari Basile, Riverso e Viscomi. All'unanimità, invece, l'ultimo punto all'ordine del giorno ovvero "esame ed approvazione bozza di convenzione per la disciplina dei rapporti tra amministrazione e l'associazione di volontariato Edelweiss per attività integrative di interessi o per interventi di emergenza legati ad avvenimenti eccezionali e/o imprevedibili. Autorizzazione al presidente p.t. della comunità versante Jonico, alla sottoscrizione per conto dell'amministrazione". Assenti Luciano Battaglia, Barbara Arona, Rossella Betrò e Antonella Bevacqua. Quest'ultima ha inviato una comunicazione, letta dal primo cittadino, nella quale ha lamentato la mancata convocazione dei capigruppo per decidere la data del consiglio comunale e ha giustificato la sua assenza per improrogabili impegni assunti.Fabio Guarna (Fonte: ilQuotidiano della Calabria)

Read More »