Soverato

iPhone 3G: novità e abitudini ci condizionano

Ad un centro autorizzato di Soverato a vendere l'iPhone 3G, il melafonino dell'apple che sta diventando il tormentone dell'estate, ci hanno detto che il telefono multimediale arriverà lunedì prossimo. Ma solo per chi lo ha prenotato. Avremmo voluto vedere un modello per "toccarlo", "tastarlo", "premerlo" e quindi "comprarlo". Ancora non è possibile, almeno al centro a cui ci siamo rivolti. Comunque il clamore mediatico non sembra avere colpito i soveratesi, probabilmente in questo caso più legati alle proprie abitudini che amanti delle novità. L'iPhone 3G può attendere .... Diceva Jean de La Bruyère, critico e saggista francese: "due cose assolutamente opposte ci condizionano ugualmente: l'abitudine e la novità". Pensando ai soveratesi non doveva sbagliarsi molto.

Read More »

Itc, cerimonia di consegna dei diplomi

ITC Consegna Diplomi SOVERATO - Cerimonia di consegna dei diplomi di maturità all'Itc. Antonino Calabretta di Soverato. L'iniziativa si è tenuta sabato scorso dopo la conclusione degli esami. Si tratta di una manifestazione che è divenuta una tradizione per la scuola soveratese pronta a celebrare il prossimo autunno i 50 anni dalla sua istituzione. Per la consegna dei dipliomi era presente il neo assessore alla pubblica istruzione della provincia di Catanzaro Giacomo Matacera alla sua prima uscita pubblica ufficiale. Il dirigente scolastico dell'Itc "Antonino Calabretta",  Nicola Limardo, dopo avere espresso un plauso per il lavoro svolto durante gli esami ad allievi, docenti, al personale della scuola e alle commissioni, ha sottolineato il ruolo importante per il territorio dell'attività svolta dalla scuola che dirige, che da mezzo secolo presenta studenti qualificati pronti ad affrontare l'Università e/o il mondo del lavoro. Prima della consegna dei diplomi, innanzi ad un pubblico formato prevalentemente da allievi e genitori  si è tenuto un mini concerto diretto da Francesco Minniti con l'esecuzione di alcune colonne sonore e una performance canora dell'artista Rocco Jenco.

Read More »

Soverato, parcheggi a pagamento: ordinanza

È stata pubblicata  ed è anche consultabile sul sito dell'amministrazione comunale di Soverato un'ordinanza che di seguito si riporta avente ad oggetto "Parcheggio a pagamento. Conclusione periodo di sperimentazione.CITTÀ DI SOVERATO CALABRIAORDINANZA N. 44  /2008 ORDINANZA ATTUATIVA INDIRIZZI ESPRESSI CON DELIBERA G.M. N. 134/2008 AVENTE AD OGGETTO: “PARCHEGGI A PAGAMENTO. CONCLUSIONE PERIODO DI SPERIMENTAZIONE.I L   SINDACO– Vista la delibera G.M. n. 134 del 4.6.2008 avente ad oggetto: Parcheggi a pagamento. Conclusione del periodo di sperimentazione.” – Richiamata l'ordinanza n. 27/P.M. del 26.6.2007 avente ad oggetto: “ordinanza di disciplina della circolazione stradale. Istituzione aree di parcheggio a pagamento.” – Richiamata  la propria ordinanza n. 37 del 18.7.2007 avente ad oggetto: “ Ordinanza di disciplina della circolazione stradale . Aree di parcheggio a pagamento.” – Richiamata la propria ordinanza n. 44 del 27.7.2007, avente ad oggetto : “ Ordinanza di disciplina della circolazione stradale, modifiche aree di sosta a pagamento e orari zona gialla e zona rossa, differimento avvio servizio di sosta a pagamento nelle aree gialle.”    – Richiamata la propria ordinanza n. 31/2008 di sospensione decorrenza istituzione zona rossa – parcheggi a pagamento, emanata al fine di consentire le modifiche previste nella delibera G.M. n. 134 del 4.6.2008; – Accertato che la ditta A.T.I. SIS Telepark srl,concessionaria del servizio parcheggi a pagamento, ha provveduto ad eseguire i lavori di segnaletica stradale necessari ad attuare  le modifiche, previste dalla succitata delibera G.M. n. 134/08; – Ritenuto dover procedere in merito; – visto l'art. 7 del  D.Lgs. 285/92 e ss.mm. (Nuovo codice della strada); – visto il D.P.R. 16.12.1992, n. 495 (regolamento di attuazione del nuovo codice della strada); – attesa la propria competenza all'adozione del presente atto in base all'art. 7 del D. Lgs. n. 285/92; – Visto il D. Lgs. n. 267/2000 e successive mod. e integrazioni:   O R D I N A1. di escludere dalle aree di sosta a pagamento l'area sottostante la via Carlo Amirante area sterrata retrostante la via Leoncavallo e la via Cassiodo;  2. di istituire aree di sosta libera e gratuita per un'ora con disco orario per i non residenti in  parte del parcheggio stazione per favorire la sosta breve e per consentire il carico e scarico di passeggeri e di bagagli per i viaggiatori; 3. di ridurre  l'orario di sosta a pagamento nella zona Rossa dalle ore 10,00 alle ore 24,00 di tutti i giorni. Vengono fatti salvi dal pagamento della sosta i cittadini residenti in abitazioni ricadenti nell'area Rossa. Dalle ore 00,00 alle ore 10,00 la sosta nella zona Rossa deve intendersi libera e gratuita; 4. la zona gialla  già individuata con ordinanza n.37/2007, cosi come modificata con ordinanza Sindacale n. 44/2007 viene, inoltre,ampliata e modificata con  l'istituzione del    parcheggio a pagamento su un solo lato e la sosta libera su l'altro lato  ( come indicato in loco da apposita segnaletica) nelle vie  sottoelencate: via Pitagora, via Zumpano, via Indipendenza, via V. Veneto, Viale Magna Grecia, via XXV Aprile, via Martiri di Gerace, via Amendola, via De Gasperi, via F.lli Rosselli, via Calabretta, via Scopelliti, via Peronace, via Levatino; 5. l'istituzione della zona Rossa decorre dal 15.7.2008 fino 31.8.2008; 6. restano salve le ordinanze citate in narrativa per le parti che non contrastano con il presente atto,D I S P O N ELa pubblicazione della presente, all'albo pretorio e nei luoghi pubblici. La trasmissione della presente al Comando Stazione            Carabinieri ed al Comando Polizia Stradale. La trasmissione di copia alle emittenti televisive ed alle testate giornalistiche locali per la massima diffusione e conoscenza. Le forze dell'ordine sono incaricate dell'esatta osservanza della presente.Dalla Residenza Municipale, lì 08.07.2008                                                                                                                                     IL SINDACO                                                          Dott. Raffaele Mancini

Read More »

Soverato, iPhone 3G nessuna fila. Non è stato così per l'arrivo di Elisabetta Gregoraci e Flavio Briatore

A Soverato gente in fila per l'arrivo dell'Iphone 3G non si è vista. Nè per comprare il nuovo prodotto multimediale dell'Apple, che a dire il vero, non è arrivato in città (abbiamo chiesto in 4 punti vendita) ma è solo prenotabile, nè per prenotarlo. Dunque, il successo del "melafonino" a livello mondiale che in alcuni casi ha fatto impiantare tenda ad alcuni fedelissimi davanti ad uno shop di Tokyo per essere i primi ad acquistarlo, nella cittadina jonica non sembra avere registrato un boom di richieste. Probabilmente secondo alcuni addetti alla vendita, a causa del prezzo non alla portata di tutti (dai 500 a 600 a seconda del modello), mentre per altri il motivo è da ricondurre all'impossibilità per il potenziale acquirente di vedere l'iPhone 3G in vetrina e quindi provarlo. Una risposta quindi si saprà nei prossimi giorni, quando l'iPhone "sbarcherà" in città e non sarà solo prenotabile. In ogni modo è facile pensare che in spiaggia uno dei tormentoni estivi a Soverato per la stagione 2008 potrebbe essere quello di chiacchierare dell'iPhone 3G. Un modo per attaccare bottone con la vicina o vicino d'ombrellone. Per il momento, comunque,ribadiamo, di persone in  fila a Soverato per l'arrivo dell'iPhone ancora non si sono viste. Se ce ne saranno si vedrà in seguito. Di gente in coda sino a questo momento a Soverato si è solo vista per lo sbarco dal "Force Blue" ancorato al largo della costa soveratese, di Elisabetta Gregoraci e Flavio Briatore. Ma in quell'occasione lo spettacolo era gratuito.

Read More »

Soverato, verifica di maggioranza: Mancini come Federer sino a quando non ci sarà Nadal

Circola in questi giorni per quanto riguarda la politica locale, la notizia della richiesta di verifica all'interno della maggioranza soveratese. Non sembra una situazione molto preoccupante per la stabilità della coalizione che guida l'amministrazione comunale, nè a dire il vero, un qualcosa che possa seriamente preoccupare il sindaco Mancini. Al riguardo vi riportiamo di seguito, un corsivo di Fabio Guarna pubblicato su "Il Quotidiano della Calabria".Roger Federer e Rafael Nadal hanno catalizzato l'attenzione degli sportivi e non solo, per la splendida finale che hanno giocato di Wimbledon 2008. Ha vinto lo spagnolo Nadal in cinque set dopo quasi cinque ore di gioco in una finale piena di emozioni e splendida non soltanto dal punto di vista tecnico con servizi ( si pensi a quello di Federer che ha raggiunto i 207 Km/h) e volèe ma anche sotto il profilo agonistico. Cosicché, se fino a ieri, lo svizzero Federer si mostrava campione incontrastato, soprattutto sui terreni veloci, la cui imbattibilità difficilmente sembrava potesse mettersi in discussione, oggi le cose appaiono diversamente. Che c'entra tutto questo con Soverato e la politica? Fino a questo momento e tuttora il sindaco di Soverato, Raffaele Mancini, pensando alla politica e volendo fare un paragone con il grande tennis, si parva licet componere magnis,  è sembrato e sembra un po' come Federer prima di incontrare Nadal. Dominatore incontrastato della politica locale, Raffaele Mancini ha stravinto le ultime elezioni e messo in campo una coalizione per il governo della città, giudicata da molti come più solida di quella avuta nella precedente consiliatura. Tutte le partite interne dal suo insediamento che risale al 2001 (cd crisi di maggioranza se tali possono definirsi) le ha affrontate e superate senza difficoltà. Ed ora dopo la conferma a sindaco del 2006, varata la prima giunta, tranne l'abbandono di Giuseppe Froio, non nuovo, a dire il vero, a ritirare il sostegno alla maggioranza come già fatto in passato, non sembrava  che potessero venir fuori ulteriori scricchiolii fra le forze che reggono l'esecutivo. Né, a onor del vero, pare ce ne siano realmente. Non si può tacere il fatto però che  il dibattito politico soveratese di questi giorni registra il quasi costante uso della parola “verifica”. Un termine che non rafforza l'immagine di una coalizione, nonostante il tentativo di fare passare “la verifica” come un fatto ontologico alla struttura della maggioranza, essendo cambiati i termini delle alleanze dopo la nascita del popolo delle libertà e l'Udc non più alleata a livello nazionale con quest'ultimo. A palleggiare, per tornare al nostro tennis, su questi argomenti nell'agone politico locale sono nomi che affacciandosi a Wimbledon sarebbero stati indicati come outsider. Hanno un servizio un po' debole e quando attaccano non riescono a fare punti. Anzi spesso stanno a metà campo dove è facile essere superati con un passante. O si sta a fondo o si va a rete: è la ABC del tennis. In ogni modo dai botta e risposta che continuano potremmo dire che il terreno di confronto (evitiamo di dire  scontro) non sembra quello di una superficie veloce ma piuttosto simile alla terra battuta . Un luogo dove i regolaristi (alcuni li chiamano pallettari), non danno spettacolo, anzi spesso annoiano il pubblico. Il nostro Federer in questo contesto sembra avere assunto le vesti delle spettatore perché nessuno lo affronta direttamente sapendo di rischiare una pesante sconfitta. Cosicché il sindaco Raffaele Mancini può continuare il suo grande slam in scioltezza anche perché  all'orizzonte non si vede nessun Nadal né altro talento capace di impensierire il nostro fuoriclasse. Ma i campioni in genere spuntano all'improvviso ed allora sarebbe bello assistere e seguire il match. Fabio Guarna (Il Quotidiano della Calabria)

Read More »

Soverato e l'hinterland in uno scritto di Vincenzo Guarna

SOVERATO - Si discute delle bellezze del Soveratese e della forza in esse insita di attrarre turismo. Abbiamo pensato di offrirvi un tour descritto con linguaggio letterario della città e del suo hinterland. Si tratta di un estratto di "Fenomeno Pecci ovvero gli ammonitori" di Vincenzo Guarna in cui l'autore descrive le immagini trasmesse da una tv locale che fanno da sfondo alla voce di Adriano Pecci (nom de plume) durante la messa in onda di una rubrica che quest'ultimo teneva e in cui non appariva il suo volto ma si sentiva soltanto la voce. Guarna e Pecci non ci sono più e i luoghi in cui hanno vissuto meritano di essere valorizzati.ESTRATTO DI FENOMENO PECCI, OVVERO GLI AMMONITORIdi Vincenzo Guarna...Per solito la telecamera prende abbrivo dall'accesso nord della via detta Panoramica e ascende lenta i suoi dolci tornanti raggiungendo ben presto, alla sua destra, il primo versante orientale del tratto di altura su cui è arrampicato il coacervo di ville più o meno eleganti e opulente, più o meno economiche e popolari, ma tutte munite di orto o di giardino che compongono il principale quartiere residenziale della città: affastellate, costipate una sull'altra o a ridosso l'una dell'altra e separate tra di loro, a stento, da torti sentieri, straducole precipiti, passaggi angusti e difficili, transiti incerti e perigliosi. Ci è avvenuto a volte, capitati da quelle parti, di ricercare d'istinto nel pozzo ormai caliginoso della nostra mente vecchi e coerenti versi di Eugenio Montale e di ripeterceli con emozione dopo avere rimesso in ordine (chissà se correttamente) i frammenti ritrovati: …. strade e scale che salgono a piramide, fitte di intagli, ragnatele di sasso dove s'aprono oscurità … archivolti tinti di verderame, si svolge a stento il canto delle ombrelle dei pini e indugia affievolito nell'indaco che stilla su anfratti, tagli, spicchi di muraglie … Siamo forse in presenza, con l'agglomerato di cui andiamo discorrendo, di una rivisitazione, in chiave moderna e nostalgica degli antichi borghi che punteggiano qua e là, non lontano dal mare e in faccia ad esso, il culmine o le pendici dell'entroterra collinare calabrese e, se vogliamo, dell'intero arco appenninico italiano. Del prodotto, dunque, d'una sofisticata urbanistica, per così dire, di riporto in cui gli spazi esterni, quelli cioè residuali e stretti tra una fabbrica e l'altra, regolarmente penduli e scoscesi per la natura del terreno, risultano, in aggiunta, coartati e ingombrati e invasi da muri, muraglie, cinte, barriere, protuberanze, aggetti, ramaglie d'ogni sorta. In un analogo agglomerato detto “Cittadella” distante non più di un Km in linea d'aria da quest'ultimo e ricadente nel territorio di Satriano, abbiamo visto una villa che merita attenzione e rilievo. Si tratta di una costruzione vasta e possente tant'è che non manca, al suo interno al piano terra, poco dopo il portone d'ingresso, dell'alloggio per il custode. Un alloggio in tutto simile per dimensione e forma (così ha ritenuto di disegnarlo e realizzarlo il progettista) alle antiche casipole e agli abituri, ormai da tempo inabitati che ancora qua e là residuano, solitamente subalterni e contigui a qualche grosso o pretenzioso palazzo, nei borghi collinari di cui prima si è detto. E come accade per quelli, lo stesso è separato dal corpo principale e per così dire dominicale dell'edificio, - che pur, come abbiamo detto, lo ingloba - non già a mezzo di un corridoio, ma piuttosto di un angusto e contorto vicolo (”vineria”, in gergo) felicemente realizzato nella forma e nell'aspetto di quelli che a dette casipole corrispondono nel loro vetusto sito. Deve essere, questo gusto del passato, un lascito dell'infanzia che alcuni architetti calabresi si portano struggente nella loro memoria ad ogni ora e che li induce spesso a questo genere di ardue e difficili espressioni. Ma è ora di mettere da parte la lunga e forse inutile digressione che precede e tornare al seguito della telecamera. Che si limita a riprendere soltanto a margine e di sfuggita il quartiere residenziale sul quale a lungo abbiamo indugiato e, piuttosto, spostandosi a sinistra, getta uno sguardo, dall'alto, sul nucleo abitativo men recente, il c.d. centro storico della città: ne segue lentamente il suo breve degradare verso il mare, si sofferma un attimo sull'azzurra distesa di quest'ultimo sulla quale, solitario, un piccolo peschereccio all'ancora beccheggia dolcemente. Raggiunta intanto l'uscita in alto della via Panoramica, si immette, piegando a sinistra, sulla via Verdi e scende lunghessa piuttosto velocemente a valle, sino al passaggio a livello. Non lo attraversa ma tenendosi sulla destra imbocca la via Trento e Trieste e la percorre sino in fondo indugiando appena un attimo a riprendere il complesso edilizio e territoriale della ex stazione delle ferrovie CC.LL. . Raggiunta finalmente la nazionale 106 piega a sinistra e da qui fatto un breve tratto di strada periferica, imbocca il lungo Corso Umberto, lo percorre sino in fondo, quindi piegando a destra prosegue per la via S. Giovanni Bosco, in direzione sud. Subito dopo, in senso contrario risale la parallela via Cristoforo Colombo avendo a manca una fitta sequenza di ristoranti e pizzerie e a dritta un oblungo boschetto di pini e abeti e altra similare vegetazione. Travede la telecamera al di là di quest'ultimo, oltre un varco di tronchi e di labili ramure quel che, ormai da oltre sette anni è diventato l'ex lungomare: una straordinaria isola pedonale adiacente alla spiaggia e contermine al mare, tutta pavimentata a mattoni per effetto dell'intervenuta congiunzione fra di loro dei due preesistenti marciapiedi laterali mediante la collocazione di detto laterizio sull'asfalto dell'antica carreggiata con il conseguente innalzamento della stessa. Si tratta di un sito di singolare specie e bellezza: affatto simile per struttura, forma, profilo e parabole a un largo viale, e divenuto, invece, d'un tratto, un enorme belvedere, un elegante e interminabile roof-garden...

Read More »

Soverato, Magna Graecia Film Festival sul Tg3 Calabria

SOVERATO - Sul sito del Magna Graecia Film Festival, l'evento cinematografico che si terrà a Soverato dal 20 al 27 luglio è stato reso noto dal direttore artistico che per l'edizione 2008 è prevista durante le giornate del festival una diretta alle ore 14 sul Tg3 Calabria in cui saranno presenti gli ospiti della kermesse internazionale delle opere prime. Gianvito Casadonte si legge "ha espresso parole di plauso 'per il direttore Pino Nano e per tutta la redazionÈ. 'Si chiude un altro accordo importante - ha proseguito Casadonte. - Non ci sono solo Rai Sat e Rai International, ma sarà garantita anche la copertura regionale, per un indotto di immagine increbile per tutto questo territorio' ".

Read More »

Google per valorizzare Soverato

"Chissà, - ci siamo chiesti qualche giorno fa -, se Larry Page e Sergey Brin, fondatori di Google sanno che a Soverato impazza la moda di google?" Una domanda che ci lasciava ipotizzare ironicamente che la notizia non avrebbe sorpreso  i due senza escludere che, considerato l'ultimo richiamo turistico della cittadina jonica, avremmo potuto trovarli al largo delle coste soveratesi sopra un panfilo pronti a scendere a terra sul lungomare per trovare moglie. Una battuta (i due sono peraltro sposati ndr) inevitabile per il periodo in cui ci siamo fatti la domanda, in cui a Soverato non c'era pietra che non avesse sentito parlare dell'arrivo della coppia  Briatore-Gregoraci. E se l'effetto mediatico della coppia dell'anno comincia ad affievolirsi, fermo restando che la parola Soverato sembra volere camminare per questa stagione insieme al nome della bella Elisabetta, contribuendo indirettamente a promuovere il nome della città, l'effetto google invece non sembra affatto affievolirsi. Anzi, il motore di ricerca di Mountain View continua ad ottenere sempre più attenzione nella cittadina jonica. Lo dimostra - come abbiamo accennato in passato - la volontà espressa in un comunicato pubblicato sul sito dell'amministrazione comunale in cui gli assessori Teodoro Sinopoli e Antonio Rattà hanno dichiarato di volere rilanciare il settore turistico “via internet, sul motore di ricerca internazionale ‘GooglÈ, attraverso l'inserimento di annunci pertinenti alle ricerche dei potenziali turisti. Notizie sul territorio – si legge fra le altre cose -, hotel, ristoranti, eventi, feste cittadine e quanto altro, saranno alcune delle azioni di promozione su Google”. Un'iniziativa da apprezzare senza alcun dubbio perchè perché testimonia la sensibilità e forse la lungimiranza di chi governa la città nel capire che nei prossimi anni internet diverrà uno strumento sempre più usato per ottenere informazioni, dare notizie e su cui veicolare propaganda e/o pubblicità. Ma le notizie che circolano su internet non vanno interpretate come un mezzo di esclusiva propaganda ma dovrebbero servire ai lettori per farsi un quadro completo della realtà delle cose, offrendo a chi amministra la possibilità di migliorare la città e intervenire rapidamente in caso di problematiche. E quando si pensa a qualcosa da valorizzare, ben venga internet e tutta la promozione che veicola. Cosicchè sarebbe giusto che gli amministratori si soffermassero a ragionare maggiormente su quanto sollecitato poco tempo fa in cui abbiamo scritto "le risorse della rete per chi ha responsabilità di governo potrebbero rivelarsi un  boomerang perché – quando i sistemi di affidabilità delle fonti saranno rafforzati dando maggiore credibilità alle notizie  che girano su internet – sarà difficile se non si amministra bene evitare ai blog di svolgere una efficace funzione di  controllore del potere. La democrazia digitale, fra le tante potenzialità che tiene in serbo, ha quella di fornire in tempi  rapidissimi testimonianze e osservazioni da parte dei lettori capaci di dare un quadro della realtà delle cose abbastanza completo e soprattutto privo dei filtri di una frequente inconsapevole  autocensura delle fonti tradizionali. Si tratta di un fenomeno non governabile, a meno che non si realizzi l'incubo orwelliano, in cui ognuno schedato e tracciato grazie ai dati  regalati (senza immaginare i possibili effetti futuri) ai potenti motori di ricerca, finisca in balia di questi ultimi,  pensando e dicendo soltanto ciò che essi vogliono. Ma quel giorno è lontano e probabilmente mai arriverà. Ciò che resta da fare è, per chi amministra “Soverato”, di apprezzare internet non soltanto per la propaganda che può dare delle bellezze della città ma anche e soprattutto per il ruolo di stimolo a fare meglio che offre a chi governa e per la sua capacità a segnalare inefficienze". Fabio Guarna

Read More »

Soverato, solidarietà a Gagliardi dal consiglio comunale

SOVERATO - Stamane  si è tenuto il consiglio comunale di Soverato. In una nota da Palazzo di Città l'amministrazione comunale traccia il resoconto dell'assise in un comunicato nel quale si legge: "Si è svolto in data odierna, alle ore 10,00 presso la sala consiliare del palazzo di Città, il Consiglio Comunale convocato in seduta straordinaria ed urgente dal Presidente Giancarlo Tiani, per discutere il seguente Ordine del giorno: ennesimo attentato intimidatorio in città a rappresentanti delle istituzioni, da parte dei "soliti ignoti"; valutazioni e determinazioni del Consiglio Comunale ed espressione di solidarietà al Consigliere Comunale Antonello Gagliardi. Durante il dibattito che ne è seguito, tutte le forze politiche, sia di maggioranza, che di opposizione hanno espresso la loro solidarietà al consigliere Gagliardi, ed hanno dichiarato che andranno avanti senza tentennamenti e senza farsi intimorire, continuando ad esercitare con impegno il  proprio ruolo per il bene della comunità. È emersa altresì - prosegue il comunicato - la preoccupazione che per precedenti analoghi episodi di intimidazione non siano stati ancora individuati ne i responsabili degli stessi, ne i moventi. Sono state proposte alcune iniziative volte a sensibilizzare maggiormente l'opinione pubblica, la stampa, le forze dell'ordine, in  modo che ci possa essere una risposta unitaria, ferma e decisa della società civile contro coloro i quali pensano di sconvolgere la vita cittadina ed alimentare un forte clima di tensione arrivato ormai a livelli insopportabili. In particolare il Sindaco Mancini ha proposto - conclude il comunicato - di invitare in un prossimo Consiglio Comunale, i vertici delle forze dell'ordine presenti nella nostra Città, per fare il punto della situazione sul problema della microcriminalità e dell'ordine pubblico e nel contempo di attuare tutte le misure necessarie per risolvere tutte le problematiche inerenti la sicurezza".

Read More »

La Perla dello Jonio nella top ten delle spiagge calabresi

SOVERATO - Abbiamo già segnalato in un precedente post del sondaggio messo in rete da "Il Quotidiano della Calabria" che chiede ai visitatori del suo sito quale spiaggia della Calabria considerano "la più bella". In gara ci sono tantissimi luoghi della Calabria, circa una cinquantina. La classifica viene riportata giornalmente sull'edizione cartacea del giornale diretto da Matteo Cosenza. La cittadina jonica, conosciuta anche come "Perla dello Ionio" si è stabilizzata nella top ten. Ma ad avvio del sondaggio si trovava nelle prime 5 posizioni. Adesso invece giorno 3 luglio risulta all'ottavo posto con un 3.06% di preferenze. Prima in assoluto la spiaggia di Capo Vaticano. Per quanto riguarda la fascia jonica al decimo posto figura la spiaggia di Caminia.

Read More »